La rivista per la scuola e per la didattica
NOTIZIE

Caterina e Melissa scambiate in culla alla nascita, ad accorgersene fu la maestra anni dopo: la loro storia ora è un film

Poteva essere un romanzo uscito dalla penna di una scrittrice romantica americana o irlandese, che tiene col fiato sospeso tra eventi incredibili, coincidenze, colpi di scena mozzafiato ambientati in paesaggi ventosi e suggestivi. Invece è una storia reale e, sorprendentemente, accaduta sul suolo della nostra Italia. Che sì, è diventata anche una fiction, Caterina e Melissa Sorelle per sempre. #FILM A FINE ARTICOLO

Si tratta dell’intreccio tra le vite di Melissa Foderà e Caterina Alagna, nate la notte del Capodanno del 1998 e scambiate in culla, cresciute come sorelle, ora amiche e inseparabili in una grande e allargata famiglia ricca di amore.

Lo scambio in culla di Caterina e Melissa

Chiudiamo gli occhi e tentiamo di immaginare il clima festoso nel reparto maternità dell’ospedale di Mazara Del Vallo, la notte di Capodanno del 1998. Qualche brindisi furtivo nei pochi minuti liberi dalla frenesia delle nascite, dei pianti, della nuova vita che sbocciava.

Ora scontato!

Pronti per la prova Invalsi 2024?

Le Prove Nazionali INVALSI 2024 si svolgeranno da marzo a maggio. L’arco temporale e le date di somministrazione variano in base al grado scolastico e alle materie.

pronti per la prova invalsi 2024

La confusione e la distrazione, probabilmente, hanno preso il sopravvento sulla solita cura e dedizione praticata in reparto: due bambine appena nate sono state consegnate alle famiglie sbagliate. Si chiamano Caterina e Melissa.

Gli anni passano e, sorprendentemente, le bambine frequentano la stessa scuola dell’infanzia. Mazara Del Vallo non è una grande metropoli, è una cosa che può accadere. Un giorno, l’educatrice di turno, arrivato il momento in cui i genitori vanno a ritirare i figli, consegna una delle due bambine a una madre “sbagliata“. L’educatrice trovava madre e bambina molto somiglianti ed era, quindi, incredula, di fronte a quella madre che dichiarava che la bambina non fosse la sua.

“Una nuova maestra, all’uscita dell’asilo, vedendo quanto Caterina somigliasse alla signora Marinella Alagna, sembrò naturale affidargliela. “Non è mia figlia…”, obiettò cercando con affanno la “sua” Melissa che, invece, aveva proprio i tratti di Gisella Foderà”.

Il test del DNA

La maestra notò una somiglianza “incrociata” di ognuna delle due bambine ai genitori dell’altra. Il dubbio si insinuava lentamente come un seme, nelle famiglie. I genitori, nonostante le somiglianze e lo stesso giorno di nascita delle bambine si rifiutavano di credere a un’eventualità così assurda. Ma decisero comunque di effettuare il test del DNA. Il responso diede un risultato sconvolgente: quel Capodanno del 1998 era avvenuto uno scambio di persona.

Caterina e Melissa scambiate in culla

Fu subito attivato un pool di psicologi, avvocati ed esperti, per riflettere su quale fosse la scelta giusta per le bambine. Le bambine “traslocarono“, andarono a vivere con i genitori biologici ma si scelse di crescere le bambine come sorelle e, di fatto, unire le famiglie.

“Se rivelare, sconvolgere due interi nuclei familiari, strappare ognuna delle due piccole a chi l’aveva fatta crescere”. Per Mamma Gisella ‘fu un lutto’, come dice rabbuiata per un attimo, superato con un sorriso solare nel suo abito verde acqua, seduta sul divano di casa Alagna, accanto a Mamma Marinella. Tutte e due abbracciate da Caterina e Melissa. ‘Le nostre figlie’.

Questa storia dimostra che l’amore per i figli e tra fratelli va oltre il sangue, i legami genetici e il DNA. L’amore che nasce e si sperimenta attraverso la sorpresa, lo stordimento e, infine, l’accettazione, non può che essere un amore che si moltiplica e vive nel tempo e nelle generazioni.

Melissa Foderà e Caterina Alagna

Le famiglie sono ciò che si sceglie, e in questo caso la scelta è stata di condividere tutto: genitori, fratelli, nonni. Una vera famiglia allargata ricca di amore e di sorprese.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


8 giochi per potenziare le abilità fonologiche degli alunni in classe prima

potenziare le abilità fonologiche

Il processo di apprendimento della letto-scrittura richiede operazioni cognitive complesse. Per giungere alla lettura bisogna identificare i grafemi, recuperare i singoli suoni e unirli per pronunciare la parola; per la scrittura occorre effettuare il percorso inverso: identificare i suoni che compongono la parola, collegarli al grafema corrispondente e procedere alla loro riproduzione grafica. Questi processi avvengono in seguito all’intervento della memoria a breve termine, o memoria di lavoro, e della…

Se vogliamo un apprendimento davvero efficace dobbiamo coinvolgere attivamente gli studenti nel processo di valutazione

processo di valutazione

Come indicato nelle Indicazioni nazionali del primo ciclo “la valutazione precede, accompagna e segue i percorsi curricolari”. Si sottolinea quindi il valore di una valutazione diagnostica, sommativa e formativa. La valutazione diagnostica ha la funzione di evidenziare il livello di competenze, abilità e conoscenze di partenza del discente permettendo così al docente di impostare gli obiettivi didattici in relazione ai bisogni educativi. In quest’ottica la valutazione diviene uno strumento utile…

Come costruire un Sapientino con gli alunni partendo da Mondo 2030

sapientino

Da insegnante mi interrogo sempre su quali siano gli obiettivi e le abilità che voglio raggiungere e far emergere nei miei alunni e nelle mie alunne, quali competenze voglio che facciano proprie. Di conseguenza, mi chiedo come posso impostare la didattica in modo da favorire tutto ciò, nella consapevolezza che ogni proposta va poi calibrata sulla classe e sulle necessità che racchiude. Nel caso che sono qui a esporre la…

Stop ai cellulari in classe, per il Ministro è opportuno evitare l’utilizzo anche per scopo didattico

stop ai cellulari in classe

Il Ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, ha annunciato una decisione che sta già suscitando dibattiti e polemiche: l’ulteriore stretta sull’uso dei cellulari nelle scuole italiane. Questa iniziativa si aggiunge alla crociata già avviata dal ministro fin dall’inizio del suo mandato, con l’obiettivo di ridurre le distrazioni e preservare l’autorità del corpo docente. Fin dall’insediamento, avvenuto a dicembre 2022, il Ministro Valditara ha adottato una serie di misure per limitare l’utilizzo dei…

La linguista: “Gli italiani hanno sempre meno confidenza con la lingua madre e la usano senza conoscere le regole, andrebbe insegnata meglio a scuola”

lingua madre

Istituita come celebrazione della madrelingua e del multilinguismo, la Giornata internazionale della lingua madre si celebra il 21 febbraio. In un’Italia sempre più interessata dalla diversità linguistica e culturale, la giornata rappresenta un’occasione per riflettere sul ruolo della lingua italiana e sul suo stato di salute. A parlarne in una conversazione con AdnKronos è la linguista Valeria Della Valle, secondo cui l’italiano gode di buona salute ma gli italiani non…

Bocciatura immediata se occupi o danneggi le scuole, il Ministro dell’Istruzione studia una norma che fa già discutere

bocciatura immediata

Fanno discutere le dichiarazioni di Giuseppe Valditara in risposta ai danni provocati dagli studenti dopo l’occupazione dell’IIS Severi Correnti di Milano. Per il Ministro dell’Istruzione e del Merito, infatti, gli studenti devono rispondere civilmente dei danni e dovrebbero essere bocciati. La proposta ha già sollevato diverse polemiche che tuttavia ruotano attorno alla medesima domanda: davvero causare danni a una scuola può portare alla bocciatura di uno studente? Facciamo il punto…

Oliviero Ferraris: “Un’ora di educazione sentimentale? Troppo poco. Alunni soli e insicuri, i social hanno sostituito il gruppo di amici”

relazioni troppo serie

Una delle funzioni della scuola è quella di indirizzare i giovani verso un futuro che possano plasmare con le proprie mani. Discernimento e consapevolezza sono peraltro fra le qualità che l’istruzione dovrebbe portare i giovani a coltivare. Eppure oggi le ragazze e i ragazzi sono infelici, insicuri e chiusi nella gabbia di una relazione troppo seria per la loro età. A sostenerlo è la psicoterapeuta Anna Oliverio Ferraris in una…

Avevamo davvero bisogno di portare Geolier in cattedra all’Università di Napoli?

geolier in cattedra

“Questo non ha capito un cavolo di niente”, è una frase che non andrebbe mai detta. Perlomeno, un insegnante non dovrebbe mai dirla. Né a un suo allievo, né a un collega, né a un genitore. Perché il ruolo di colui che insegna non è dare giudizi sulla persona o sulle opinioni personali, ma semmai su competenze, conoscenze e abilità. Non scendo nel dettaglio di altre questioni riguardanti la valutazione…

Torna il giudizio sintetico nella scuola primaria: “Basta con i voti incomprensibili, ottimo e buono sono più chiari di avanzato e intermedio”

giudizio sintetico nella scuola primaria

Cambia di nuovo la valutazione degli alunni alla scuola primaria, con una decisione che abbandona di fatto l’approccio sperimentale del 2020. Come anticipato dal Ministro Valditara, dal prossimo anno scolastico i giudizi sintetici andranno a sostituire i livelli di apprendimento introdotti dall’ex Ministra Azzolina. La decisione era nell’aria, soprattutto dopo mesi di dichiarazioni da parte degli esponenti della maggioranza di governo, ma è destinata a sollevare diverse polemiche e alcune…

Fiera Didacta 2024, gli eventi formativi da non perdere del Gruppo Editoriale ELi

didacta fiera 2024

Spesso si tende a considerare la scuola come un mondo a sé, una sorta di bolla in cui gli studenti permangono fino al diploma, e poco altro. In realtà la scuola è parte integrante del tessuto culturale, sociale e produttivo di un Paese. Lo dimostrano occasioni come la Fiera Didacta 2024, grande evento dedicato alla formazione e all’innovazione del mondo scolastico. Facciamo il punto su cos’è la Fiera Didacta e…

great

È nato #altuofianco Sostegno

X