La rivista per la scuola e per la didattica
EDUCAZIONE

L’educazione all’affettività si studia in 10 paesi europei su 25, l’Italia non è tra questi

Non solo l’analisi della struttura linguistica delle lingue, ma sempre più frequentemente, la scuola italiana viene chiamata a insegnare le grammatiche della vita, specialmente in risposta agli eventi emotivamente intensi di cronaca nera che coinvolgono i giovani. Nei recenti mesi, gli episodi di violenza e tragedia che hanno scosso l’Italia, da Casalpalocco a Caivano, passando per Palermo fino a Vigonovo, hanno spinto sempre più a preparare preventivamente gli studenti di fronte a tali tragedie. Quando si tratta di educazione all’affettività e alla sessualità, sembra esserci un crescente consenso sulla necessità di passare dalla teoria alla pratica.

In effetti, alcuni si sono mossi in avanti su questo fronte. Un’indagine condotta dal portale Skuola.net rivela che in alcuni paesi, i programmi di educazione all’affettività e alla sessualità, integrati nei curricula educativi ufficiali, sono attivi da decenni. Paesi come la Svezia hanno introdotto l’educazione sessuale come materia obbligatoria sin dal lontano 1955, mentre in Germania ciò è avvenuto nel 1968 e in Francia è diventata legge nel 2001.

Purtroppo, l’Italia non fa parte di questo gruppo, ma non è sola in questa situazione. Un recente rapporto dell’UNESCO link esterno ha rivelato che su 25 paesi europei analizzati, solo 10 hanno implementato programmi di Comprehensive Sexuality Education (CSE) nelle scuole, andando oltre la semplice spiegazione del funzionamento degli organi riproduttivi o la prevenzione di gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili. Questi programmi, invece, abbracciano un approccio olistico che include aspetti come l’educazione emotiva, la gestione delle relazioni, il rispetto e il consenso.

Anno scolastico 2024/25

Adotti un nuovo sussidiario?

Con i nuovi corsi del primo e secondo ciclo per la scuola primaria del Gruppo Editoriale ELi hai un vero e proprio Kit docente in esclusiva per te

kit docente 2024

L’Educazione Sessuale Completa si propone di fornire un insegnamento integrato che si concentra sugli aspetti cognitivi, emotivi, fisici e sociali della sessualità, integrandosi nelle indicazioni ministeriali esistenti anziché rimanere un’entità separata. In paesi che hanno adottato tali approcci, ci sono prove scientifiche link esterno che indicano un miglioramento significativo della situazione. I giovani informati sulla propria sessualità, salute sessuale e diritti hanno meno ansie legate alla “prima volta il prima possibile” e tendono a praticare il sesso in modo sicuro, prendendosi il tempo necessario. Inoltre, discutendo della pubertà prima che inizi e fornendo insegnamenti su rispetto e consenso, si riduce il rischio di violenza e abusi sessuali.

Questi risultati, ovviamente, richiedono l’adozione di pratiche specifiche e seguono linee guida ben definite. Le linee guida dell’ONU raccomandano che tali programmi siano comprensivi, accurati dal punto di vista scientifico e basati su programmi definiti, scoraggiando l’improvvisazione e l’approccio superficiale.

Inoltre, secondo il rapporto dell’UNESCO, solo il 20% dei 50 paesi analizzati ha una legislazione dedicata all’educazione sessuale, e solo il 39% ha avviato iniziative specifiche in questo ambito. L’UNESCO sottolinea che il diritto all’educazione affettiva e sessuale è cruciale non solo per la salute, ma anche per il pieno rispetto dei diritti umani e la promozione dell’uguaglianza di genere, obiettivi chiave dell’Agenda 2030 dell’ONU.

Gli studenti italiani sembrano essere favorevoli a esercitare questo diritto. Secondo l’Osservatorio “Giovani Sessualità” condotto da Durex in collaborazione con Skuola.net, il 93,7% degli intervistati ritiene che l’educazione alla sessualità e all’affettività debba essere parte integrante delle attività scolastiche, una pratica attualmente presente solo “occasionalmente”.

Daniele Grassucci di Skuola.net sottolinea che molte scuole italiane hanno l’autonomia per sviluppare programmazioni annuali di educazione sessuale, ma gli studenti segnalano che circa la metà di loro completa il percorso scolastico senza ricevere un’istruzione formale in questo ambito. In una società in cui i giovani sono esposti precocemente a contenuti sessuali, è imperativo abbandonare l’improvvisazione e adottare approcci più strutturati e pianificati.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


Giorgio Parisi agli insegnanti sull’intelligenza artificiale: “È fondamentale far capire agli alunni che l’AI va governata e non temuta”

giorgio parisi agli insegnanti

Fra gli strumenti che promettono di rivoluzionare il quotidiano, l’intelligenza artificiale è senza dubbio quello che fa discutere di più. Le potenziali ricadute delle IA sono infatti enormi in tutti gli ambiti della società, da quello lavorativo a quello culturale, fino a quello scolastico. Tenta un approccio diverso il Premio Nobel per la Fisica Giorgio Parisi che, intervenuto alla Repubblica delle Idee, ha rimarcato il ruolo della scuola nell’uso delle…

Semplificare il mondo dei bambini è la chiave per la loro serenità

Semplificare il mondo dei bambini

Spesso si parla di come oggi i bambini siano sempre più maleducati e irrispettosi, soprattutto verso i genitori e gli insegnanti. Individuare le cause non è semplice, ma comportamenti del genere non costituiscono l’espressione del loro carattere quanto la risposta a una società sempre più restrittiva. Come spesso accade, per comprendere questa situazione è necessario partire dalla famiglia, in cui spesso si condensano le ragioni per cui educare i bambini…

Il metodo Montessori sarà esteso anche alle scuole secondarie di primo grado: già dal prossimo anno le prime richieste, ma con alcuni limiti

metodo montessori alla secondaria di primo grado

Sviluppato all’inizio del Novecento, il metodo Montessori prevede l’educazione dei bambini nel rispetto dei loro ritmi di apprendimento e della loro autonomia. Se finora questo metodo è stato applicato nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, la situazione è destinata a cambiare. Il disegno di legge riguardante la “Revisione della disciplina in materia di valutazione del comportamento delle studentesse e degli studenti”, infatti, prevede l’estensione del metodo Montessori a tutto…

“Se non avete capito, chiedetemi di rispiegare anche mille volte”: quando l’educazione passa dalle parole dell’insegnante

rispiegare

Molto spesso guardiamo agli insegnanti come a delle figure il cui compito è soltanto quello di trasmettere delle nozioni, ma in realtà il loro ruolo è molto più importante. Spesso basta cambiare il proprio approccio nei confronti degli alunni, o anche partire dalle parole giuste. Lungi dall’essere soltanto sequenze di suoni e lettere, le parole giuste possono fare la differenza nel percorso e nella crescita degli studenti, ma anche mostrare…

Gratteri: “Gli alunni imparino a rispettare gli insegnanti, fare i compiti, studiare ed essere ordinati. Io lo facevo grazie ai miei genitori”

rispettare gli insegnanti

Fra i valori fondamentali che un bambino deve apprendere ci sono il rispetto per le regole, il rispetto per gli insegnanti e il rispetto per i loro voti. È questa la posizione espressa da Nicola Gratteri, procuratore della Repubblica, durante l’evento dei giovani del Movimento Giovanile Salesiano del Sud Italia. Tenutasi di recente a Napoli, la festa ha rappresentato l’occasione per riflettere sull’importanza delle regole e sul ruolo che le…

Studenti e docenti di un alberghiero pugliese aprono un ristorante “didattico” davanti alla scuola

ristorante didattico

L’Istituto di Istruzione Superiore Mauro Perrone di Castellaneta, in provincia di Taranto, ha di recente inaugurato il suo ristorante didattico. La nuova attività costituisce un traguardo per la comunità e un’opportunità per la crescita professionale degli studenti. Come riportato dalla Gazzetta del Mezzogiorno , saranno loro infatti a gestire il ristorante didattico, con la supervisione dei docenti. Cos’è un ristorante didattico? Come dice l’espressione stessa, un ristorante didattico è un’iniziativa…

Da insegnante dico che gli alunni sono pronti per ridurre l’uso del cellulare mentre i genitori sono tecno-dipendenti e non riescono ad ammetterlo

ridurre l'uso del cellulare

La questione della dipendenza dei giovani dallo smartphone è una delle più dibattute degli ultimi anni. Se per alcuni i giovani utilizzano troppo il cellulare, per altri usare lo smartphone a scuola vuol dire avvalersi di un utile strumento di apprendimento. Nel dibattito si inserisce anche il punto di vista della docente e scrittrice Valentina Petri. Durante alcune conversazioni con i suoi studenti, ha notato come i giovani capiscano bene…

Consegna delle pagelle. «Evitare il terzo grado, non approcciarsi ai figli con un atteggiamento indagatore, inquisitorio o punitivo»

Consegna delle pagelle

La consegna delle pagelle è sempre un momento delicato per studenti e genitori, che sia a metà anno scolastico oppure poco prima dell’estate. Voti bassi, insufficienze e giudizi negativi possono spaventare e preoccupare, ma rappresentano al tempo stesso un’occasione per instaurare un dialogo costruttivo fra genitori e figli. Ne parla la pedagogista e formatrice Giovanna Giacomini su Vanity Fair , dove offre anche qualche consiglio su come leggere la pagella…

È in pensione dal 2015 ma continua ad insegnare a 73 anni, la storia del prof Sartori: “Con gli alunni vedo la realtà con occhi diversi”

insegnare a 73 anni

Ha quasi 73 anni ed è in pensione ormai dal 2015, eppure Michele Sartori continua ad insegnare lingua e letteratura italiana agli studenti di una scuola secondaria di secondo grado. Per la precisione siamo nel liceo San Benedetto di Piacenza, e la storia di Sartori dimostra dove sia possibile arrivare quando si è mossi da una passione che non finisce mai. Ma non solo. La storia di Michele Sartori La…

Festa a Sorpresa, che trionfo: il compleanno di Tartaruga Tea è stato festeggiato in tutta Italia

compleanno di Tartaruga Tea

Festa a Sorpresa è il sussidiario per le classi prima, seconda e terza della scuola primaria che ha unito insegnanti e bambini di tutta Italia. Ma perché questo sussidiario ha avuto questo grande successo? Perché molti insegnanti hanno deciso di adottarlo per il prossimo anno scolastico? Ecco spiegato il motivo: per la prima volta è nata una community di insegnanti che hanno condiviso le foto e le esperienze delle feste…

great

Hai visto la novità?

X

estate al via 2024