La rivista per la scuola e per la didattica
NOTIZIE

L’istruzione italiana, nonostante tutto, forma cervelli brillanti che vede fuggire all’estero. E questo è un vero disastro.

La storia di Gioele è simile a quella di tanti ragazzi di valore che, dopo essersi formati in Italia, vengono valorizzati all’estero. Il fatto è che, negli ultimi dieci anni, di queste ragazze e giovani laureati che hanno trovato la loro collocazione in un paese europeo o in un altro continente l’Italia ha permesso che se ne allontanassero troppi. E spesso sono in migliori.

Quelli che potrebbero rilanciare la scienza e l’economia italiana. Secondo l’Istat, che di recente ha pubblicato link esterno sulle Migrazioni interne e internazionali della popolazione italiana, in un decennio (dal 2012 al 2021) se ne sono registrati oltre 120mila. Per chiarire meglio di cosa stiamo parlando, raccontiamo brevemente la storia di un giovane considerato tra i migliori ricercatori europei. E a dirlo non siamo noi ma il sito di una delle università più prestigiose del Vecchio continente: l’Epfl, la Scuola politecnica federale di Losanna, in Svizzera.

A soli 32 anni, Gioele è uno dei giovani scienziati più apprezzati d’Europa. Si laurea a Palermo in biotecnologie col massimo dei voti e a prosegue gli studi conseguendo nel 2011 la laurea magistrale al Karolinska institutet di Solna, in Svezia. Nel paese scandinavo capiscono subito che si tratta di un giovane con grandi potenzialità e non se lo lasciano scappare. In Svezia diventa ricercatore e dimostra di avere grandi qualità. Qualche anno dopo, presenta un progetto di ricerca internazionale e di lui si accorgono gli svizzeri. Lo scorso mese di marzo, nel suo profilo Facebook scrive: “Ieri sono stato nominato ufficialmente professore dall’ETH Board. Sono entusiasta di continuare a guidare il mio laboratorio di ricerca verso nuovi importanti obiettivi, e di cominciare con i miei corsi per gli studenti di EPFL”.

Anno scolastico 2024/25

Adotti un nuovo sussidiario?

Con i nuovi corsi del primo e secondo ciclo per la scuola primaria del Gruppo Editoriale ELi hai un vero e proprio Kit docente in esclusiva per te

kit docente 2024

Nel sito della scuola di Losanna scrivono: “La ricerca di Gioele La Manno si concentra sulla genomica unicellulare, sulla biologia informatica e sulle neuroscienze dello sviluppo. Sviluppa nuove tecnologie e complesse analisi assistite da computer per indagare sullo sviluppo del cervello. Il suo lavoro ha contribuito in modo significativo a nuove scoperte, nonché a numerosi brevetti che sono stati concessi in licenza a società leader nella biologia unicellulare e a un software open source molto noto e ampiamente distribuito. La nomina di questo ricercatore di fama internazionale è in linea con l’orientamento tecnologico delle scienze della vita all’EPFL”.

E come Gioele sono migliaia i giovani che ora lavorano all’estero. Un vero e proprio disastro per il nostro paese e non solo dal punti di vista sociale. Perché per formare un laureato, spiega l’Ocse, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, in Italia si spendono 95mila dollari. Per un costo complessivo di 11,4 miliardi di dollari investiti dall’Italia e sfruttati dai paesi stranieri dove le condizioni di lavoro sono più allettanti.

LEGGI ANCHE: Chi trova un diplomato trova un tesoro, le imprese vanno ad assumere negli istituti tecnici

Negli stessi dieci anni, il saldo negativo (tra rientri ed espatri) di giovani laureati è stato di 79mila unità. E sono sempre di più coloro che in possesso di una laurea e giovani (25/34 anni) si recano all’estero: dal 28,5% del 2012 al 45,7% del 2021. La crescita economica e sociale di una nazione dipende anche dal grado di istruzione del proprio popolo.

E in Italia è bene che qualcuno inizi a occuparsi anche di questo aspetto.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


L’errore da non commettere mai: scegliere un sussidiario con pagine lucide e lisce, sarà un dramma

sussidiario con pagine lucide

Negli ultimi anni vi è una questione sollevata da molti insegnanti riguardo le pagine troppo lisce dei libri: scopriamo perché i libri dovrebbero utilizzare la carta usomano pigmentata per le loro stampe, quali sono i vantaggi dell’uso di questa carta e quali libri di scuola primaria la utilizzano. Il problema di alcuni libri di scuola: scrivere e disegnare è impossibile! Uno dei problemi sollevati da molti insegnanti riguardo alcuni libri…

Perché adottare Nel Cuore dei Saperi è stata la scelta giusta

adottare nel cuore dei saperi

Quando si cerca un sussidiario per la classe quarta e quinta, ogni insegnante va a caccia di determinati requisiti. Innanzitutto, deve proporre un metodo di studio attivo, costruttivo e non mnemonico. Deve contenere esercizi in quantità sufficiente da non costringere l’insegnante a fare centinaia di fotocopie. Deve proporre le materie di studio in modo interdisciplinare, stimolando collegamenti e riflessioni. Ancora meglio se la didattica è affrontata con lo stile dello…

La scuola non è una gara, basta con i voti numerici. Gli studenti vanno in ansia e non coltivano le potenzialità

la scuola non è una gara

Tutti sanno che a scuola si va per imparare, eppure per molti studenti la scuola è diventata un luogo di ansie e competizione. Per il pedagogista Daniele Novara sono diverse le cause del problema: ruolo dei docenti, rapporto con gli studenti, voti numerici. Insomma, di fronte a chi vede la scuola come una gara è necessario opporre un nuovo modo di concepire l’istituzione scolastica, a beneficio degli studenti ma non…

Un’ottima proposta per il libro delle vacanze estive

libro delle vacanze estive

Maggio è il momento di scegliere i libri per le vacanze della scuola primaria: ma cosa cercano gli insegnanti nei volumi per il ripasso estivo? Innanzitutto, sono uno strumento che serve non solo a non dimenticare ciò che si è svolto durante l’anno, ma anche e soprattutto a consolidare gli apprendimenti. Oltre al ripasso degli argomenti affrontati durante l’anno, è importante che le attività proposte siano avvincenti e divertenti. Come…

Edoardo Prati provoca i docenti: “Se insegnate solo per campare, non insegnate”

edoardo prati

“Se uno deve insegnare per campare, non insegni ma trovi qualcos’altro”. A pronunciare queste parole è Edoardo Prati, un influencer che ha raggiunto milioni di persone sui social media grazie alla sua passione per la letteratura classica e moderna. Prati è molto conosciuto per la passione con cui parla ai giovani di argomenti complessi, e proprio la passione è il tema affrontato in uno dei suoi video. La passione degli…

La guida didattica di Incanto è la più ricca di materiale mai vista

guida didattica di Incanto

Incanto è la guida didattica in cui ogni insegnante troverà davvero tutto ciò che cerca: le lezioni si prepareranno praticamente da sole! Già, perché la guida di Incanto contiene veramente tutto. Non è una mera raccolta di schede didattiche, ma fornisce vere e proprie indicazioni operative e strategiche, ambientali, relazionali, che nessun altro manuale ha fornito prima. UNA GUIDA DA STACCARE La guida di Incanto è molto grande, perché è…

Basta con gli insegnanti seduti in cattedra arroccati dietro un programma da finire

programma da finire

Oggi, molto più che in passato, si parla di malessere giovanile in relazione alla scuola. Di recente hanno fatto discutere le parole dello psicoanalista Massimo Ammaniti, secondo cui i giovani sono cambiati e la scuola è rimasta indietro. Di fronte al disagio psicologico degli studenti, infatti, la scuola costituisce un ulteriore ostacolo da superare e non un luogo sicuro. Qual è la soluzione? E soprattutto: ne esiste una? disagio generazionale…

Storia e geografia non sono solo guerre e barbabietole da zucchero

storia e geografia nel cuore dei saperi

Usare un sussidiario potrebbe sembrare un’attività semplice. Basta leggere, evidenziare, sottolineare, svolgere qualche attività di comprensione e ripetere. Il gioco è fatto! Ma se provassimo a fare storia e geografia usando il sussidiario in modo diverso? Ad esempio leggendo insieme delle storie o facendo parlare fra loro i personaggi? L’arte del narrare è una pratica antica quanto l’umanità. Da sempre, molto prima della nascita della scrittura, gli uomini e le…

I Dadi Racconta Storie è un libro-gioco didattico da usare in classe per inventare e scrivere testi relativi alle diverse tipologie testuali

i dadi racconta storie

La promozione della scrittura creativa è essenziale per lo sviluppo delle abilità linguistiche e cognitive degli studenti. Il nuovo sussidiario delle letture del secondo ciclo di scuola primaria, intitolato “Nel Cuore delle Parole” e edito da Cetem del Gruppo Editoriale ELi, propone l’innovativo gioco didattico per la classe “I Dadi Racconta Storie” per favorire questo processo, offrendo agli insegnanti e agli studenti un approccio coinvolgente e stimolante alla comprensione e…

L’importanza dei libri facilitati accostati ai sussidiari. Ma attenzione: non sono tutti uguali!

libri facilitati 2024

Un libro facilitato possiede alcune caratteristiche: è scritto con un font ad alta leggibilità pensato appositamente per alunni con dislessia, disortografia o altri Bisogni Educativi Speciali, l’interlinea è più ampio e permette così una più semplice lettura, minimizzando il rischio, tipico di questi bambini e ragazzi, di tendere a rileggere la stessa riga o seguire le righe in modo errato. I paragrafi non sono “giustificati”, in modo da non spezzare…

great

Hai visto le novità?

X

estate al via 2024