Quantcast
La rivista per la scuola e per la didattica
kit per la valutazione EVENTI

Il 9 agosto si celebra la Giornata Internazionale dei Popoli Indigeni

banner guide

educability ads

Le popolazioni definite “indigene” sono in tutto il mondo circa cinquemila e si trovano in circa novanta paesi del mondo. In nome delle loro storie di oppressione e discriminazione, il 9 agosto è stata indetta Giornata Internazionale dei Popoli Indigeni, come omaggio alla loro resilienza, come ricordo delle dure prevaricazioni che hanno subito e speranza in un futuro migliore.

Maggiori riconoscimenti e diritti

Cosa significa un futuro migliore per i Popoli Indigeni? Innanzitutto, fare in modo che siano i padroni dei processi decisionali che riguardano l’uso dei territori in cui vivono. Troppe aree naturali sono state sacrificate dal capitalismo, dagli interessi delle aziende: a farne le spese sono state le popolazioni che ne risiedono. Pensiamo all’esempio degli Indios dell’Amazzonia o gli indigeni dell’Ecuador, i cui diritti sullo sfruttamento del terreno sono stati elargiti dai governi alle multinazionali del petrolio e non solo. La deforestazione, quindi, praticata per lasciare spazio alle monocolture per la produzione di biocombustibili senza nessuna autorizzazione o consultazione degli abitanti di quei luoghi, sta spogliando questi Popoli delle proprie risorse e tradizioni. L’America Latina, purtroppo, a oggi è la regione più colpita dalla violenza anti-indigena.

Il libro racconta la coinvolgente avventura di un gruppo di esploratori che si inoltrano in una Terra sconosciuta abitata da indigeni, uomini-scimmia e… dinosauri! Dinosauri? Ma non erano scomparsi milioni di anni fa? Questo è quello che tutti gli studiosi e i professori universitari credono, ma… le cose non stanno così e i nostri eroici esploratori alla fine riusciranno a dimostrarlo al mondo. (Per classe seconda/terza primaria)

I Popoli Indigeni, vittime dei cambiamenti climatici e della pandemia

Alcuni tra i Popoli Indigeni nel mondo stanno soffrendo in modo particolare la minaccia incombente dei cambiamenti climatici. Prendiamo come esempio il Popolo Sami: è una popolazione indigena di circa 75000 individui, che risiede in un’area compresa tra il nord della Finlandia e il nord della Norvegia. Negli ultimi decenni, la diminuzione graduale di neve e ghiaccio sta mettendo a repentaglio la loro economia basata sul pascolo delle renne. I Popoli Indigeni che da migliaia di anni vivono sulle isole dell’Oceano Pacifico sono vittime dell’innalzamento dei livelli del mare, che sta mettendo a repentaglio i territori in cui vivono. Anche l’emergenza Covid-19 ha contribuito a inasprire l’emarginazione di questi Popoli: le consultazioni e le valutazioni sull’impatto ambientale sono state improvvisamente sospese, lasciando il campo libero a sfruttamenti e megaprogetti sui loro territori.

Una giornata per riconoscere l’enorme valore culturale dei Popoli Indigeni

I Popoli Indigeni rappresentano la conservazione della cultura e della storia del mondo: ci basti pensare che sono le uniche popolazioni che stanno resistendo all’enorme appiattimento culturale che la globalizzazione ha portato. Le loro lingue, la loro arte e le loro tradizioni sono un tesoro prezioso che va necessariamente protetto e preservato. ​“Invitiamo tutte le persone a combattere in ogni luogo insieme ai popoli indigeni come se stessero combattendo per i propri figli. Perché quando si combatte insieme a popolazioni indigene, non è solo per solidarietà. È come se lottassi per la tua famiglia, per i tuoi figli, per i tuoi nipoti, perché le popolazioni indigene proteggono anche la tua biodiversità.” (Célia Xakriabá, leader indigena)

Pubblicità
Fine articolo

CONDIVIDI L'ARTICOLO

LEGGI ANCHE

Lascia un commento

great

Il Grande Evento della Scuola

X