La rivista per la scuola e per la didattica
OPINIONI

Per Crepet il registro elettronico è una delle cose più abominevoli che abbiamo inventanto: “Qual è il bisogno di sapere dov’è tua figlia alle dieci del mattino?”

In un’intervista a Sky Tg24 link esterno, lo psichiatra e sociologo Paolo Crepet parla dei giovani e del complicato rapporto con due concetti estremamente moderni. Da una parte c’è l’ansia, dietro la quale ci sarebbe un mercato, dall’altra c’è il controllo da parte dei genitori. In mezzo, una generazione senza più alcun riferimento che può tutto, ma non fa nulla se non lasciarsi trascinare. Ma c’è speranza dopo un’analisi del genere?

DIETRO L’ANSIA C’è UN MERCATO

L’ansia può essere definita come una forma di apprensione o paura di fronte a uno stimolo a un evento negativo che non si è ancora verificato. Rispetto al passato, oggi si parla molto di più dell’ansia: si tratta di un progresso della società nella comprensione di una condizione che affligge sempre più persone. Il problema è che oggi la maggiore attenzione verso l’ansia rischia di diventare una grande paura, presente anche nelle nuove generazioni. Lo sostiene il sociologo Paolo Crepet, che aggiunge:

Ora scontato!

Pronti per la prova Invalsi 2024?

Le Prove Nazionali INVALSI 2024 si svolgeranno da marzo a maggio. L’arco temporale e le date di somministrazione variano in base al grado scolastico e alle materie.

pronti per la prova invalsi 2024

Dietro all’ansia, dietro a queste parole che hanno un significato a metà tra il clinico e il parlare comune, c’è un mercato, un mercato dell’ansia. Dietro a questa grande paura dell’ansia ci sono tanti che vorrebbero interpretarla professionalmente, tante persone che ci guadagnano e basta, tanti psicofarmaci.

Paolo Crepet

Per trattare adeguatamente un tema così importante, continua Crepet, occorre attenzione e soprattutto occorre garbo. D’altronde, i disturbi d’ansia colpiscono tantissimi giovani: secondo un’indagine riportata dal Sole 24 Ore link esterno, il 21% dei giovani si sente in ansia ma uno su tre si vergogna a chiedere aiuto.

La cultura del controllo

Ad alimentare l’ansia, e a farle da contraltare, c’è anche la cultura del controllo ormai elemento cardine di una cultura veloce e iperconnessa qual è la nostra. E in effetti, sostiene Crepet, la grande rivoluzione digitale del nostro tempo ha intensificato l’idea stessa del controllo, anche a scuola:

Abbiamo inventato il registro elettronico che è una delle cose più abominevoli che siano mai state partorite. Qual è il bisogno di sapere dov’è tua figlia alle dieci e tre quarti? Sarà dove sarà, sarà a scuola: se non è andata a scuola si sarà presa le sue responsabilità.

Paolo Crepet

Ma cosa c’entra il controllo da parte dei genitori? Anche perché, secondo il sociologo, il controllo sui figli viene effettuato a scuola o durante la giornata. E di notte? Insomma, da una parte c’è l’ossessione del controllo che diventa ansia, dall’altra la concessione di un’estrema libertà, grazie alla tecnologia.

L’APPROCCIO DELLA SCUOLA CONSAPEVOLE

La tensione continua fra controllo e ansia genera un paradosso che porta a una maggiore insicurezza, nonché all’impossibilità di gestire i rapporti umani e le sfide della vita. I giovani sono i soggetti che più di tutti vivono queste contraddizioni: non sono soltanto nativi digitali ma sono individui formati dalla tecnologia digitale, con la quale intrattengono un rapporto per altri incomprensibile.

L’esempio di Crepet è quello del registro elettronico, ma in altre occasioni il sociologo ha anche allargato il contesto. La scuola è il luogo che più di tutti può aiutare gli studenti ad approcciare il mondo, ma da sola non basta. Non bastano le famiglie, che spesso sono assenti e deputano alla tecnologia la trasmissione dei valori, ma non bastano neanche i genitori iperprotettivi, come abbiamo visto ossessionati dal controllo.

La soluzione non può prescindere da un approccio equilibrato e da una rinnovata funzione della scuola, che sappia bilanciare il bisogno di affrontare l’ansia con quello di ridurre il controllo. E non è detto che iniziare dal registro elettronico sia così sbagliato, se lo si utilizza soltanto come punto di partenza.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


Il metodo fonematico sillabico animato di Incanto

metodo fonematico sillabico animato

Il metodo di insegnamento della letto-scrittura non è un fattore di secondaria importanza: non è proprio vero che il bambino o la bambina impara a leggere e a scrivere in modo corretto, in tempi brevi e amando quanto sta facendo in qualunque modo si insegni. È vero però che egli/ella può imparare “nonostante l’insegnante”, come diceva Piaget. Ma ce la farebbero proprio tutti/e? Dunque il metodo non va lasciato al…

L’inclusività non è solo una bella parola scritta nei manuali, in Puglia c’è una scuola dove il bar è gestito da studenti con disabilità

bar gestito da studenti con disabilità

Quando si parla di inclusione, spesso la si riduce ad un mero concetto astratto quando in realtà rappresenta un insieme di azioni e iniziative volte a garantire l’inserimento di ciascun individuo all’interno della società. Ciò vale sia per la società nel suo complesso sia per la scuola, che della società rappresenta un modello “in scala”. Per questa ragione, si è parlato tanto dell’apertura del bar dell’Istituto Dell’Aquila-Staffa di San Ferdinando…

Smartphone a scuola, sì o no? In Francia, Inghilterra, Olanda e Finlandia sono vietati senza se e senza ma

Smartphone a scuola

La questione dello smartphone a scuola è forse fra le più dibattute negli ultimi anni. Da una parte ci sono gli ottimisti, secondo i quali è più importante insegnare a usare lo smartphone in modo corretto che vietarlo tout court. Dall’altra parte ci sono i critici, per cui usare lo smartphone a scuola non fa bene agli studenti sul lungo periodo. Diversi Paesi hanno già vietato in qualche modo questo…

Libri per l’ora di alternativa nella scuola primaria

libri per l'ora alternativa

Le insegnanti che svolgono le ore di alternativa, con i bambini che non si avvalgono dell’insegnamento della religione cattolica, spesso si trovano in difficoltà: quali attività proporre? Quali attività possono essere di carattere educativo e valoriale come l’insegnamento della religione, ma senza essere legate alla religione? Cosa si può proporre, che non sia noioso ma coinvolgente e divertente? L’alternativa che vogliamo, del Gruppo Editoriale ELi, è la risposta a tutte…

Il sussidiario Incanto è un progetto unitario dove il valore del Noi si rinforza costantemente

sussidiario Incanto

Incanto, il nuovo sussidiario per i primi tre anni di scuola primaria edito da La Spiga del Gruppo Editoriale ELi, è prima di tutto animare l’apprendimento con le lettere-personaggio e le loro storie da ascoltare, cantare, drammatizzare e, finalmente, desiderare di leggere. Incanto pone alle basi dell’apprendimento la curiosità e le emozioni: la colla senza la quale tutte le conoscenze si disperdono, invece di imprimersi in maniera indelebile nella mente…

#altuofianco Sostegno del Gruppo Editoriale ELi è la sezione per il sostegno più ricca di materiali gratuiti che ci sia

sezione per il sostegno

Gli insegnanti di sostegno, con le loro testimonianze e i loro commenti sui social, confrontandosi e condividendo opinioni, sono giunti a una conclusione: una sezione sostegno così completa e in continuo aggiornamento ce l’ha solo il Gruppo Editoriale ELi. materiali in continuo aggiornamento Gli insegnanti di sostegno hanno bisogno di materiali sempre nuovi, curati e aggiornati, ma spesso sono difficili da trovare. Le guide offrono percorsi facilitati ma non personalizzati,…

Nel Cuore dei Saperi è il sussidiario più scelto, preferito dal 38% degli insegnanti in un sondaggio su Facebook

sussidiario più scelto

La matematica è una delle discipline più importanti nell’ambito della scuola primaria, in tutti i gradi di istruzione, e non solo. Eppure, per gli studenti spesso risulta troppo complessa da apprendere, tanto che ci si accontenta di memorizzare i concetti in modo meccanico, o poco più.  Per questa ragione, è necessario un nuovo approccio nell’insegnamento della matematica che sappia coinvolgere gli studenti già dalla scuola primaria, a partire dai relativi…

Il massimo esperto di Vygotskij in Italia: “Il sussidiario Incanto risalta la piena assimilazione del pensiero vygotskiano”

massimo esperto di Vygotskij

Riportiamo in forma integrale il testo della presentazione di Incanto, il nuovo sussidiario per il primo ciclo di scuola primaria di Maria Annunziata Procopio e Giulia Corasaniti, edito da La Spiga del Gruppo Editoriale ELi. Il testo è a cura dello psicologo Luciano Mecacci, già professore ordinario di psicologia generale presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Firenze, considerato tra i massimi esperti al mondo di Vygotskij. “Più…

I ricercatori mettono in guardia gli insegnanti: ascoltare gli errori grammaticali provoca stress e fa male alla salute

ascoltare gli errori grammaticali

L’immagine appartiene alla cultura popolare: uno studente commette un errore grammaticale e l’insegnante trasalisce di conseguenza. Forse la realtà è più prosaica, ma allo stesso tempo questa immagine non sembra essere così lontana dal vero. Un recente studio ha infatti scoperto che ascoltare errori grammaticali può causare una reazione di stress nel nostro corpo. Vediamo in che senso. errori grammaticali e stress Lo studio è stato pubblicato rivista scientifica Journal…

Sono gli insegnanti a dirlo: i bambini adorano Festa a Sorpresa

bambini adorano Festa a Sorpresa

Il progetto didattico di Festa a sorpresa per la Scuola Primaria propone per la classe prima un percorso che intende accompagnare le bambine e i bambini alla scoperta della lettura e della scrittura, guidandoli all’acquisizione di tutti i tipi di linguaggi e a un primo livello di padronanza delle conoscenze e delle abilità indispensabili alla conoscenza del mondo. Festa a sorpresa pone alle basi dell’apprendimento la curiosità e le emozioni,…

great

Hai visto le novità?

X