La rivista per la scuola e per la didattica
CORSIVO

Scrivere in corsivo è fondamentale, per psicoterapeuti e neurologi usare solo lo stampatello riduce gli stimoli di produzione linguistica

Le polemiche sulla scuola e sul sistema educativo si accompagnano spesso alle critiche ai nuovi giovani. Non sanno usare un italiano corretto, non sanno scrivere in modo strutturato, non sanno collegare gli argomenti. Insomma: i giovani non sono più quelli di una volta, si potrebbe dire. La pensa diversamente Paolo Sarti, pediatra e professore universitario, che in un interessante articolo sul Corriere Fiorentino link esterno identifica una causa ancora più profonda. E non si tratta soltanto di scrittura.

Le critiche all’educazione digitale

Secondo Sarti, le critiche ai giovani che hanno carenze nella scrittura e non sanno svolgere temi in modo strutturato non sono poi così ben dirette. D’altronde, sostiene lo specialista, viviamo in un periodo storico dove non si è mai scritto così tanto e, se possiamo aggiungere, non si è mai letto così tanto. I giovani si scambiano messaggi e scrivono commenti, visitano pagine web e utilizzano le app da smartphone e tablet. Insomma: scrittura e lettura sono più vive che mai.

Ora scontato!

Pronti per la prova Invalsi 2024?

Le Prove Nazionali INVALSI 2024 si svolgeranno da marzo a maggio. L’arco temporale e le date di somministrazione variano in base al grado scolastico e alle materie.

pronti per la prova invalsi 2024

Per Sarti, quella che si sta perdendo è la capacità di comprendere un testo e saperlo riassumere, esponendolo con chiarezza. O, ancora più importante, la capacità di argomentare in modo chiaro e comprensibile. Più che ai giovani, quindi, la critica andrebbe diretta all’educazione digitale e al modo tutto italiano con cui è stata implementata nella scuola pubblica. Ma cosa dovrebbe fare la scuola? Continua Sarti:

Non basta saper usare un computer o navigare in internet, ma serve sviluppare una vera e propria alfabetizzazione digitale, comprendere come funzionano le tecnologie, come utilizzarle in modo sicuro ed etico, come sfruttarle per risolvere problemi e raggiungere obiettivi

Paolo Sarti

Dal digitale alla scrittura manuale: un fil rouge al contrario

La critica all’istruzione digitale porta, quasi in un percorso a ritroso, alla rivalutazione della scrittura manuale. Non si tratta tuttavia soltanto del classico secondo cui “ai miei tempi si stava meglio”. La scrittura a mano stimola infatti molte più aree del cervello rispetto a quanto faccia la mera scrittura sulla tastiera di un computer. Vengono coinvolti il sistema nervoso, certo, ma anche il sistema sensoriale e il sistema motorio.

Inoltre, scrivere a mano permette di organizzare meglio le informazioni e quindi di ricordare con più efficacia, pensare in modo astratto e creativo, collegare argomenti. Proprio le mancanze che, secondo Paolo Sarti, hanno i giovani di oggi, ossia una generazione nata e cresciuta con la tecnologia.

Scrivere a mano richiede inoltre, l’uso di supporti diversi, strumenti diversi, sensi diversi, con ricadute per l’apprendimento da non sottovalutare. Non è un caso che siano in tanti a rivalutare la scrittura manuale, pur non disconoscendo i meriti dell’educazione digitale. Come in molti ambiti, la soluzione non sta nella cesura completa quanto nel trovare un equilibrio vantaggioso per tutti.

LEGGI ANCHE
Il quaderno del corsivo di classe prima adorato da bambini e maestre

Dovremmo tornare a scrivere in corsivo

Bisogna salvare l’educazione digitale, quindi, ma riuscire a inquadrarla in un sistema che riesca a coinvolgere le menti dei giovani studenti, anche mediante la scrittura a mano. Ma non è tutto qui, perché secondo Sarti dovremmo anche tornare a scrivere in corsivo.

Addirittura si sono notate significative differenze tra chi utilizza il carattere corsivo rispetto allo stampatello: psicoterapeuti e neurologi segnalano che l’abitudine a forme semplificate di scrittura, come lo stampatello, riduce gli stimoli di produzione linguistica.

Paolo Sarti

A dimostrare la complessità della situazione, il pediatra menziona anche i contenuti della cultura digitale. La loro fruizione è così immediata che non coinvolge nemmeno la memoria a lungo termine. Il risultato? I giovani leggono tantissimo ma non ritengono nulla, scrivono tantissimo ma non collegano nulla. O poco più.

Il percorso verso una soluzione è chiarissimo, ma non semplice da attuare. Apprendimento digitale e tradizionale possono coesistere e risolvere le mutue mancanze, soltanto se implementati correttamente. Senza dimenticare le loro rispettive complessità, nonché la rispettiva importanza per l’educazione dei giovani, e non solo.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


Gli insegnanti italiani hanno perso ogni autorità, aggrediti, malpagati e sostituiti dai nuovi idoli del web

Antonio Scurati

Nel panorama educativo italiano, il dibattito sulla perdita di autorevolezza degli insegnanti è sempre più frequente. Tale tematica è stata recentemente affrontata dallo scrittore e giornalista Antonio Scurati, il quale ha condiviso un aneddoto personale e ha collegato questo fenomeno alla società contemporanea degli influencer e dell’apparire. Un episodio significativo narrato da Scurati evidenzia il disprezzo dei giovani verso gli insegnanti, manifestato attraverso commenti sulla loro condizione economica e sul…

Le aggressioni ai docenti sono aumentate del 110%, lo psicologo: “Genitori troppo permissivi che giustificano e minimizzano i gesti dei figli”

aggressioni ai docenti

Gli ultimi anni hanno visto un aumento delle aggressioni nei confronti del personale scolastico e, in generale, della scuola in quanto istituzione. Di fronte a questi avvenimenti emergono opinioni contrastanti che, nel tentativo di trovare una soluzione, evidenziano le sue complessità. Da una parte quindi fanno discutere le parole del Ministro Valditara mentre, dall’altra, alcuni esperti pongono l’attenzione verso una lettura più profonda del problema. Facciamo il punto. Aggressioni aumentate…

Meno genitori a scuola, docenti più consapevoli e stop al registro elettronico: la scuola secondo Galimberti e Crepet

meno genitori a scuola

Tornano a parlare di scuola il filosofo Umberto Galimberti e il sociologo Paolo Crepet. Lo fanno da invitati a due trasmissioni diverse, ma con due visioni fra le quali è impossibile non trovare punti in comune. Se per il primo sarebbe da abolire la presenza dei genitori a scuola, il secondo punta il dito sull’eccessivo controllo esercitato nei confronti dei giovani, anche dalle famiglie. Le due posizioni non segnalano tanto…

8 poesie di Germana Bruno per celebrare la Festa della Donna e la Festa del Papà a Marzo

festa della donna

STORIA DI DONNAC’era una volta e oggi c’è ancorauna creatura con la sua storia,spesso pervasa da dolore profondoe che riguarda ogni donna del mondo. Per troppi debole, quasi un oggetto,non sempre degna di cure e rispetto,a volte, forse, persino un peso,con grande coraggio ha lottato ed attesoun avvenire e un mondo miglioreche le rendesse giustizia ed onore. Troppo ha sofferto, tanto ha lottato,ma quel momento non è ancora arrivatoe ancora…

L’idea del preside, far sfidare le classi a mantenere l’aula pulita: “Giocando e vincendo premi, imparano a rispettare l’ambiente scolastico”

mantenere l'aula pulita

Il ruolo della scuola nell’educazione dei più giovani è spesso argomento di dibattito. Tutti sono d’accordo sulla funzione che l’istruzione ricopre nella crescita degli studenti, certo, ma non tutti concordano sulle modalità da adottare. Di fronte a questi interminabili dibattiti, alcune iniziative concrete colpiscono per la loro semplicità e per la loro profondità. Una scuola secondaria di primo grado di Prato, infatti, vuole coinvolgere gli studenti nella cura e nella…

La scuola ideale degli studenti? Vogliono docenti preparati, meno supplenti, più attività pratiche e verifiche senza voti numerici

scuola ideale

Gli studenti italiani hanno espresso le loro opinioni su cosa vogliono dalla scuola del futuro attraverso un sondaggio condotto da Skuola.net, coinvolgendo oltre 6.000 alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Questo sondaggio ha fornito una panoramica dettagliata delle loro priorità e preoccupazioni riguardo al sistema educativo. In cima alla lista delle priorità c’è il benessere psicologico degli studenti, indicato come la principale preoccupazione da quasi un quarto…

8 giochi per potenziare le abilità fonologiche degli alunni in classe prima

potenziare le abilità fonologiche

Il processo di apprendimento della letto-scrittura richiede operazioni cognitive complesse. Per giungere alla lettura bisogna identificare i grafemi, recuperare i singoli suoni e unirli per pronunciare la parola; per la scrittura occorre effettuare il percorso inverso: identificare i suoni che compongono la parola, collegarli al grafema corrispondente e procedere alla loro riproduzione grafica. Questi processi avvengono in seguito all’intervento della memoria a breve termine, o memoria di lavoro, e della…

Se vogliamo un apprendimento davvero efficace dobbiamo coinvolgere attivamente gli studenti nel processo di valutazione

processo di valutazione

Come indicato nelle Indicazioni nazionali del primo ciclo “la valutazione precede, accompagna e segue i percorsi curricolari”. Si sottolinea quindi il valore di una valutazione diagnostica, sommativa e formativa. La valutazione diagnostica ha la funzione di evidenziare il livello di competenze, abilità e conoscenze di partenza del discente permettendo così al docente di impostare gli obiettivi didattici in relazione ai bisogni educativi. In quest’ottica la valutazione diviene uno strumento utile…

Come costruire un Sapientino con gli alunni partendo da Mondo 2030

sapientino

Da insegnante mi interrogo sempre su quali siano gli obiettivi e le abilità che voglio raggiungere e far emergere nei miei alunni e nelle mie alunne, quali competenze voglio che facciano proprie. Di conseguenza, mi chiedo come posso impostare la didattica in modo da favorire tutto ciò, nella consapevolezza che ogni proposta va poi calibrata sulla classe e sulle necessità che racchiude. Nel caso che sono qui a esporre la…

Stop ai cellulari in classe, per il Ministro è opportuno evitare l’utilizzo anche per scopo didattico

stop ai cellulari in classe

Il Ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, ha annunciato una decisione che sta già suscitando dibattiti e polemiche: l’ulteriore stretta sull’uso dei cellulari nelle scuole italiane. Questa iniziativa si aggiunge alla crociata già avviata dal ministro fin dall’inizio del suo mandato, con l’obiettivo di ridurre le distrazioni e preservare l’autorità del corpo docente. Fin dall’insediamento, avvenuto a dicembre 2022, il Ministro Valditara ha adottato una serie di misure per limitare l’utilizzo dei…

great

È nato #altuofianco Sostegno

X