La rivista per la scuola e per la didattica
OPINIONI

Studenti privi di valori. «Ragazzi, abbattete questo sistema: studiate, dovete fotterli»

Stiamo veramente assistendo a un declino dei valori nei ragazzi? Ma se è così, di chi è la colpa? Come si può rimediare? Come si può trasmettere ai giovani l’importanza della legalità? Il Magistrato Nicola Gratteri propone una soluzione fuori dagli schemi.

I giovani “senza valori”: di chi è la colpa?

Molto spesso la scuola viene incolpata della maleducazione dei ragazzi, della loro scarsa coscienza civile e dei loro ideali malsani e sbagliati. Ma ci dimentichiamo che i ragazzi sono bombardati costantemente da stimoli estremi: pensiamo a TikTok dove i vari video di balletti vengono alternati a video di violenze, episodi di bullismo ripresi e pubblicati, clip di influencer che mostrano vite facili e dorate nelle quali si diventa molto ricchi facendo poco, e soprattutto senza reali competenze.

Ora scontato!

Pronti per la prova Invalsi 2024?

Le Prove Nazionali INVALSI 2024 si svolgeranno da marzo a maggio. L’arco temporale e le date di somministrazione variano in base al grado scolastico e alle materie.

pronti per la prova invalsi 2024

Non solo social, anche la tv è responsabile

Anche la tv è colpevole, non solo i social. In tv, messaggi contraddittori e parossistici vengono trasmessi a ciclo continuo e 24 ore su 24: come possono non penetrare nel subconscio e “fare presa” su una psiche plasmabile e in formazione come quella dei nostri giovani? Si passa da reality in cui insulti e offese paiono la normalità a fiction violente e crude, per passare da talk show in cui psicologi e psichiatri dipingono le nuove generazioni come deboli e indolenti. Insomma, nessuno sembra credere nei giovani e, anzi, vengono additati in modi ben poco lusinghieri dopo essere stati dotati, dagli stessi che li additano, di strumenti per vedere la realtà decisamente inadeguati e malati.

Nicola Gratteri e la sua preoccupazione per i giovani

Molti ragazzi hanno anche il mito dei mafiosi, costruito grazie a disinformazione e promozione di valori completamente errati, e questo è l’aspetto più grave. Nicola Gratteri, Magistrato e saggista italiano, racconta che ci sono ragazzini delle medie che giocano “ai mafiosi”, scimmiottandone le loro gesta con atteggiamenti e modi di parlare, con soprannomi ed espressioni linguistiche tipiche ma non solo, persino con tagli di capelli e abbigliamento. I ragazzi, secondo il Magistrato, non sanno che “[…] non esiste la mafia buona che crea posti di lavoro, che salva famiglie dal lastrico, e la mafia cattiva che brucia bambini nell’acido, distrugge famiglie, fa pagare il pizzo a commercianti finché nella loro vita l’unica via d’uscita rimane il suicidio”. Questo anche per colpa di fiction televisive che mostrano personaggi malavitosi spesso romanticizzati.

La scuola e lo studio come mezzi per riscattarsi

Gratteri suggerisce che la soluzione è ridare valore all’esperienza scolastica. I ragazzi, secondo lui, hanno il mito della scuola stile Amici, funzionale per avere visibilità e fama, ma la scuola dovrebbe essere altro. La cultura e la consapevolezza sono ciò che può guarire uno Stato come il nostro, malato e ferito da corruzione, malavita, politici indagati. Il Magistrato afferma, inoltre, che è necessario smettere di creare allure intorno ai criminali, smettere di rappresentarli in fiction e film come persone di successo, ricche, con belle macchine, mentre gli insegnanti guidano un’utilitaria o si muovono con i mezzi pubblici: i ragazzi più fragili e influenzabili, a quale delle due figure vorranno somigliare? Gli insegnanti, per la loro importanza, vanno riabilitati e necessitano di recuperare il rispetto perduto. Occorre, inoltre, che la scuola organizzi dibattiti e incontri sulla legalità, ma il pomeriggio: la mattina è necessario dedicarla allo studio. La scuola è lo strumento per costruire la propria conoscenza e avere armi per il domani, è cruciale in questo percorso verso il cambiamento. Gratteri, infine, suggerisce una ricetta, forse colorita, ma indubbiamente ricca di significato: “Ragazzi, dobbiamo abbattere questo sistema: studiamo, pensiamo, curiamo l’ardore e la passione. Fottiamoli”.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


Se non volete trovarvi male con la matematica nella scuola primaria adottate Nel Cuore dei Saperi, per le maestre “è il migliore”

matematica nella scuola primaria

Cosa cerca un insegnante da un libro di matematica nella scuola primaria? Una grande presenza di attività pratiche, esercizi e problemi che coinvolgano gli studenti e li aiutino a comprendere i concetti matematici in modo interattivo, autentico, concreto. Dei compiti di realtà e contenuti didattici vicini alla vita quotidiana dei bambini e dei ragazzi, che rendano la matematica qualcosa di non irraggiungibile e astratta, come invece molto spesso accade. E…

Il metodo fonematico sillabico animato di Incanto

metodo fonematico sillabico animato

Il metodo di insegnamento della letto-scrittura non è un fattore di secondaria importanza: non è proprio vero che il bambino o la bambina impara a leggere e a scrivere in modo corretto, in tempi brevi e amando quanto sta facendo in qualunque modo si insegni. È vero però che egli/ella può imparare “nonostante l’insegnante”, come diceva Piaget. Ma ce la farebbero proprio tutti/e? Dunque il metodo non va lasciato al…

L’inclusività non è solo una bella parola scritta nei manuali, in Puglia c’è una scuola dove il bar è gestito da studenti con disabilità

bar gestito da studenti con disabilità

Quando si parla di inclusione, spesso la si riduce ad un mero concetto astratto quando in realtà rappresenta un insieme di azioni e iniziative volte a garantire l’inserimento di ciascun individuo all’interno della società. Ciò vale sia per la società nel suo complesso sia per la scuola, che della società rappresenta un modello “in scala”. Per questa ragione, si è parlato tanto dell’apertura del bar dell’Istituto Dell’Aquila-Staffa di San Ferdinando…

Smartphone a scuola, sì o no? In Francia, Inghilterra, Olanda e Finlandia sono vietati senza se e senza ma

Smartphone a scuola

La questione dello smartphone a scuola è forse fra le più dibattute negli ultimi anni. Da una parte ci sono gli ottimisti, secondo i quali è più importante insegnare a usare lo smartphone in modo corretto che vietarlo tout court. Dall’altra parte ci sono i critici, per cui usare lo smartphone a scuola non fa bene agli studenti sul lungo periodo. Diversi Paesi hanno già vietato in qualche modo questo…

Libri per l’ora di alternativa nella scuola primaria

libri per l'ora alternativa

Le insegnanti che svolgono le ore di alternativa, con i bambini che non si avvalgono dell’insegnamento della religione cattolica, spesso si trovano in difficoltà: quali attività proporre? Quali attività possono essere di carattere educativo e valoriale come l’insegnamento della religione, ma senza essere legate alla religione? Cosa si può proporre, che non sia noioso ma coinvolgente e divertente? L’alternativa che vogliamo, del Gruppo Editoriale ELi, è la risposta a tutte…

Il sussidiario Incanto è un progetto unitario dove il valore del Noi si rinforza costantemente

sussidiario Incanto

Incanto, il nuovo sussidiario per i primi tre anni di scuola primaria edito da La Spiga del Gruppo Editoriale ELi, è prima di tutto animare l’apprendimento con le lettere-personaggio e le loro storie da ascoltare, cantare, drammatizzare e, finalmente, desiderare di leggere. Incanto pone alle basi dell’apprendimento la curiosità e le emozioni: la colla senza la quale tutte le conoscenze si disperdono, invece di imprimersi in maniera indelebile nella mente…

#altuofianco Sostegno del Gruppo Editoriale ELi è la sezione per il sostegno più ricca di materiali gratuiti che ci sia

sezione per il sostegno

Gli insegnanti di sostegno, con le loro testimonianze e i loro commenti sui social, confrontandosi e condividendo opinioni, sono giunti a una conclusione: una sezione sostegno così completa e in continuo aggiornamento ce l’ha solo il Gruppo Editoriale ELi. materiali in continuo aggiornamento Gli insegnanti di sostegno hanno bisogno di materiali sempre nuovi, curati e aggiornati, ma spesso sono difficili da trovare. Le guide offrono percorsi facilitati ma non personalizzati,…

Nel Cuore dei Saperi è il sussidiario più scelto, preferito dal 38% degli insegnanti in un sondaggio su Facebook

sussidiario più scelto

La matematica è una delle discipline più importanti nell’ambito della scuola primaria, in tutti i gradi di istruzione, e non solo. Eppure, per gli studenti spesso risulta troppo complessa da apprendere, tanto che ci si accontenta di memorizzare i concetti in modo meccanico, o poco più.  Per questa ragione, è necessario un nuovo approccio nell’insegnamento della matematica che sappia coinvolgere gli studenti già dalla scuola primaria, a partire dai relativi…

Il massimo esperto di Vygotskij in Italia: “Il sussidiario Incanto risalta la piena assimilazione del pensiero vygotskiano”

massimo esperto di Vygotskij

Riportiamo in forma integrale il testo della presentazione di Incanto, il nuovo sussidiario per il primo ciclo di scuola primaria di Maria Annunziata Procopio e Giulia Corasaniti, edito da La Spiga del Gruppo Editoriale ELi. Il testo è a cura dello psicologo Luciano Mecacci, già professore ordinario di psicologia generale presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Firenze, considerato tra i massimi esperti al mondo di Vygotskij. “Più…

I ricercatori mettono in guardia gli insegnanti: ascoltare gli errori grammaticali provoca stress e fa male alla salute

ascoltare gli errori grammaticali

L’immagine appartiene alla cultura popolare: uno studente commette un errore grammaticale e l’insegnante trasalisce di conseguenza. Forse la realtà è più prosaica, ma allo stesso tempo questa immagine non sembra essere così lontana dal vero. Un recente studio ha infatti scoperto che ascoltare errori grammaticali può causare una reazione di stress nel nostro corpo. Vediamo in che senso. errori grammaticali e stress Lo studio è stato pubblicato rivista scientifica Journal…

great

Hai visto le novità?

X