La rivista per la scuola e per la didattica
GESTIONE DELLA CLASSE

Un ottimo libro per affrontare il Mutismo Selettivo di un alunno in classe

Daniel è un bambino di 8 anni. Frequenta la classe seconda. È seduto in fondo all’aula: ha una postura un po’ rigida, uno sguardo di cucciolo smarrito e spaventato. A volte sembra perdersi in mille pensieri, altre volte ascolta le lezioni con vivo interesse.

Osserva molto, è intelligente, attento e sensibile; nelle prove scritte i risultati sono decisamente buoni. Eppure non interviene, non alza la mano, non partecipa. Non parla con l’insegnante, né con i compagni.

Durante i colloqui individuali gli insegnanti riportano questo comportamento ai genitori che gli descrivono un Daniel completamente diverso: a casa chiacchiera, è allegro, curioso, fa mille domande. Ma allora perché a scuola è così diverso?

Ora scontato!

Pronti per la prova Invalsi 2024?

Le Prove Nazionali INVALSI 2024 si svolgeranno da marzo a maggio. L’arco temporale e le date di somministrazione variano in base al grado scolastico e alle materie.

pronti per la prova invalsi 2024

Il sintomo che manifesta Daniel è quello del Mutismo Selettivo che, come spiega la psicoterapeuta Claudia Gorla, è principalmente “un disturbo d’ansia che può colpire i bambini sin dalla prima infanzia, ossia a partire dal loro inserimento in società.”

Il bambino, uscendo dal suo contesto famigliare, si trova a contatto con persone estranee che vengono percepite come potenziali minacce e scatta un meccanismo di difesa; ne consegue un irrigidimento non solo nella capacità di produzione del linguaggio, ma anche delle prassie in generale.

Il mutismo è il sintomo, ma non la causa: è il sintomo di un disagio di ansia che è diverso per ciascun bambino, perché legato ad un proprio vissuto personale. Infatti, abbassando il livello di ansia, anche il mutismo scompare poco alla volta.

Il mutismo selettivo rientra tra quelli che definiamo Bisogni Educativi Speciali (BES): ogni intervento a scuola deve quindi essere affrontato in totale collaborazione tra insegnanti, famiglia e psicoterapeuta. Occorre innanzitutto rispettare con delicatezza i tempi di ciascun alunno, proprio perché le cause scatenanti possono essere molto diverse e comunque legate al vissuto emotivo del piccolo. L’obiettivo principale poi degli interventi non deve essere far parlare il bambino a tutti i costi, ma abbassare il suo livello d’ansia sociale.

Questo perché, per fortuna, il mutismo selettivo si può superare, ma con tempi e modalità che cambiano da un individuo all’altro.

LEGGI ANCHE: L’importanza delle emozioni nell’apprendimento di uno studente

Come affrontare il Mutismo Selettivo in classe

Come possiamo noi insegnanti spiegare ai nostri alunni perché Daniel non parla? Come evitare che colleghi e compagni inizino a chieder con insistenza al bambino di parlare, di intervenire, andando così ad aumentare il suo livello d’ansia?

In base alla mia esperienza in classe mi sento di consigliare la lettura in classe di un libro di narrativa particolarmente interessante: “Non parlo più link esterno” scritta da Sabrina Mengoni per la collana Albero dei Libri del Gruppo Editoriale ELI .

non parlo più copertina

NON PARLO PIÙ

I temi proposti dal libro sono la conoscenza del mutismo selettivo, ma anche la difficoltà nell’accettare l’aiuto degli altri.

Il libro, tratto dalla reale storia dell’autrice, racconta di Arianna, una bambina che non parla. Il suo silenzio non piace a nessuno: agli amici che non vogliono più giocare con lei, alle insegnanti che si chiedono perché non dice nulla a scuola, a mamma e papà che vivono questa situazione con ansia e la sottopongono a mille visite. Anche Arianna non è felice del suo silenzio: tutti la guardano in modo strano e lei vorrebbe solo essere accettata.

Ma un giorno a scuola, grazie ad una maestra speciale, succede qualcosa di davvero fantastico e tutto cambia; così arrivano anche quelle parole che sembravano non esserci, insieme all’inedita sensazione di avere intorno a lei amici e non estranei!

I bambini come Daniel e Arianna ci danno l’opportunità di imparare che, per usare le parole di Alessandro Baricco, “a volte le parole non bastano. E allora servono i colori. E le forme. E le note. E le emozioni”.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


Nel Cuore dei Saperi è il sussidiario più scelto, preferito dal 38% degli insegnanti in un sondaggio su Facebook

sussidiario più scelto

La matematica è una delle discipline più importanti nell’ambito della scuola primaria, in tutti i gradi di istruzione, e non solo. Eppure, per gli studenti spesso risulta troppo complessa da apprendere, tanto che ci si accontenta di memorizzare i concetti in modo meccanico, o poco più.  Per questa ragione, è necessario un nuovo approccio nell’insegnamento della matematica che sappia coinvolgere gli studenti già dalla scuola primaria, a partire dai relativi…

Il massimo esperto di Vygotskij in Italia: “Il sussidiario Incanto risalta la piena assimilazione del pensiero vygotskiano”

massimo esperto di Vygotskij

Riportiamo in forma integrale il testo della presentazione di Incanto, il nuovo sussidiario per il primo ciclo di scuola primaria di Maria Annunziata Procopio e Giulia Corasaniti, edito da La Spiga del Gruppo Editoriale ELi. Il testo è a cura dello psicologo Luciano Mecacci, già professore ordinario di psicologia generale presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Firenze, considerato tra i massimi esperti al mondo di Vygotskij. “Più…

I ricercatori mettono in guardia gli insegnanti: ascoltare gli errori grammaticali provoca stress e fa male alla salute

ascoltare gli errori grammaticali

L’immagine appartiene alla cultura popolare: uno studente commette un errore grammaticale e l’insegnante trasalisce di conseguenza. Forse la realtà è più prosaica, ma allo stesso tempo questa immagine non sembra essere così lontana dal vero. Un recente studio ha infatti scoperto che ascoltare errori grammaticali può causare una reazione di stress nel nostro corpo. Vediamo in che senso. errori grammaticali e stress Lo studio è stato pubblicato rivista scientifica Journal…

Sono gli insegnanti a dirlo: i bambini adorano Festa a Sorpresa

bambini adorano Festa a Sorpresa

Il progetto didattico di Festa a sorpresa per la Scuola Primaria propone per la classe prima un percorso che intende accompagnare le bambine e i bambini alla scoperta della lettura e della scrittura, guidandoli all’acquisizione di tutti i tipi di linguaggi e a un primo livello di padronanza delle conoscenze e delle abilità indispensabili alla conoscenza del mondo. Festa a sorpresa pone alle basi dell’apprendimento la curiosità e le emozioni,…

Nel cuore dei saperi è il sussidiario delle discipline di quarta e quinta primaria da adottare

nel cuore dei saperi

Nel cuore dei saperi è un progetto moderno e innovativo, con una didattica versatile e inclusiva, pensato per formare i cittadini e le cittadine del mondo di domani. Un progetto didattico in linea con i Nuovi Scenari delle Indicazioni Nazionali e le Raccomandazioni del Consiglio Europeo. È caratterizzato da scelte didattiche innovative: approccio laboratoriale nelle discipline scientifiche, percorsi STEM, laboratori di Tinkering, pensiero computazionale e Storytelling. Filo conduttore del progetto…

Faccio e disfo, così capisco: il “disfalibro” da ritagliare per ragionare e creare

faccio e disfo così capisco

Incanto, il nuovo corso per la prima classe, seconda terza di scuola primaria, si rivela una vera e propria miniera di laboratori di potenziamento in italiano e matematica. Uno dei suoi motti, infatti, è “faccio e disfo, così capisco”. L’apprendimento nei bambini ha effettiva efficacia solo se abbinato al “fare”, attraverso azioni concrete e laboratori. Ed è su queste attività laboratoriali che si basa il percorso di Incanto, attività che…

La scuola organizza l’ora di mindfulness… per i genitori: l’idea di una docente spopola e registra il tutto esaurito

mindfulness per i genitori

Negli ultimi anni si parla sempre più di mindfulness, che sia al lavoro, nel tempo libero o a scuola. La pratica che insegna a vivere meglio il presente è ormai diventata parte della quotidianità di tantissime persone, e pare adesso anche dei genitori di alcuni studenti di un liceo di Roma. Vediamo cos’è successo, e se davvero è possibile integrare la mindfulness a scuola, sin dall’inizio dei percorsi scolastici. Cos’è…

Antonio Albanese: “Gli insegnanti? Sono gladiatori, fanno un lavoro faticoso e vengono pagati una miseria per l’incredibile passione che mettono”

antonio albanese

Intervistato da Diego Bianchi nella trasmissione di La7 Propaganda Live , Antonio Albanese ha detto che gli insegnanti sono gladiatori e fanno un lavoro faticoso, pagato una miseria. Durante il tour per la promozione del film “Un mondo a parte” dove interpreta un insegnante, l’attore italiano ha avuto modo di parlare dei docenti e di quanto sia importante il loro ruolo nella scuola italiana. Nel suo film Albanese interpreta un…

Finalmente una matematica basata sul ragionamento

matematica basata sul ragionamento

Albert Einstein affermava: “Se non riuscite a spiegare qualcosa in modo semplice, significa che non l’avete compresa bene”. E non potrebbe esserci affermazione più veritiera, specialmente in ambito scolastico: non è sufficiente imparare a memoria teoremi, regole e formule, ma è necessario anzitutto comprenderli. Solo attraverso la comprensione, i concetti possono essere appresi, consolidati e applicati nel contesto più appropriato. Per questo motivo, è essenziale sviluppare la capacità di ragionamento…

Il debate nella scuola primaria? Si può fare

debate nella scuola primaria

Nel nostro paese, il debate è ancora poco conosciuto o comunque poco sfruttato nelle scuole, ma è indubbio che sulla scia dei successi conseguiti all’estero, soprattutto nei paesi anglosassoni, questa pratica inizia a suscitare interesse anche nel corpo docente del nostro paese. È infatti con grande curiosità che ho partecipato al webinar sul debate nella scuola proposto da Elena Uboldi, insegnante di scuola primaria e autrice di libri didattici, in…

great

Hai visto le novità?

X