La rivista per la scuola e per la didattica
APPRENDIMENTO

Urlare in classe non serve, ci sono 5 motivi per cui un alunno non impara mentre viene sgridato

Esiste una ragione scientifica per cui i bambini non imparano quando vengono sgridati. Reagiscono solo per paura, non perché abbiano veramente imparato la lezione. In questo articolo spiegheremo ben cinque motivi per dimostrare che urlare in classe non serve.

IL CERVELLO IMPARA MEGLIO IN UN AMBIENTE SICURO

Spesso quando sgridiamo i nostri figli, otteniamo quello che vogliamo, ossia che smettano di fare quello che stavano facendo. Ma è davvero perché hanno imparato la lezione? Spesso non è così, altrimenti non dovremmo mai sgridarli due volte per lo stesso motivo.

Anno scolastico 2024/25

Adotti un nuovo sussidiario?

Con i nuovi corsi del primo e secondo ciclo per la scuola primaria del Gruppo Editoriale ELi hai un vero e proprio Kit docente in esclusiva per te

kit docente 2024

La verità è che il bambino reagisce alle urla smettendo di fare quello che le ha provocate per pura paura, non perché si renda conto effettivamente che ciò che stava facendo fosse sbagliato. Il cervello umano – non solo in fase infantile, ma anche in fase adulta – in condizioni di paura non lavora meglio, anzi, peggiora la sua performance.

Diversi studi, infatti, hanno dimostrato che un ambiente sicuro e amichevole, le prestazioni migliorano. Il rispetto dovrebbe prevalere sulle urla, che provocano solo un sentimento di paura.

LE URLA ATTIVANO LA PAURA

Come già detto, sgridare una persona provoca in essa un sentimento di paura, che influenzerà la sua reazione. In questo caso il nostro cervello si blocca letteralmente, non facendo passare alcuna informazione per concentrarsi sull’allontanamento della minaccia.

Diventa, quindi, scientificamente impossibile per il cervello ritenere informazioni nuove in un momento in cui la paura si fa sentire in modo importante. I bambini non possono fisicamente “imparare la lezione” se hanno paura delle nostre urla.

IL CERVELLO VA IN MODALITÀ “SOPRAVVIVENZA”

Quando il cervello si blocca e crea questo muro che non permette il passaggio di informazioni verso l’interno, si entra in una modalità di “sopravvivenza”. L’area del sistema limbico cerebrale in questa fase crea una specie di scudo per proteggere l’organismo dalla minaccia, ossia le urla.

LE URLA COLPISCONO DIRETTAMENTE L’AMIGDALA

L’amigdala è un complesso nucleare situato nel cervello e il suo compito, tra gli altri, è di gestire le emozioni, archiviandole e regolandole. Lavora un po’ come una sentinella ed è in grado di attivare in noi la vigilanza e il buon senso o di dare l’ordine di fuggire in caso di pericolo.

Il modo in cui l’amigdala agisce è tramite l’utilizzo di neurotrasmettitori che attivano sostanze particolari, quali la dopamina o l’adrenalina. Grazie all’azione dell’amigdala il nostro corpo è in grado di mettere in atto in automatico il meccanismo di sopravvivenza sopracitato.

urlare in classe luna blu
Attività sulle emozioni estrapolata da IL GRILLO E LA LUNA 2
il grillo e la luna copertina

IL GRILLO E LA LUNA

Scopri il nuovo sussidiario del primo ciclo per le classi prima, seconda e terza

LE URLA GENERANO RICORDI NEGATIVI

Il compito dell’amigdala è anche di conservare i ricordi legati alle emozioni. I ricordi possono essere positivi o negativi, ma in questo caso è chiaro che la paura delle urla porti con sé sentimenti di paura e timore. Questi verranno associati all’azione, la persona e la condizione che li ha provocati e verranno ricordati a lungo dal soggetto che li ha provati. In breve, le urla generano ricordi negativi nella memoria infantile.

Inoltre, vari studi neuroscientifici hanno dimostrato che l’amigdala ha una funzione fondamentale nell’apprendimento in fase infantile.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


Giorgio Parisi agli insegnanti sull’intelligenza artificiale: “È fondamentale far capire agli alunni che l’AI va governata e non temuta”

giorgio parisi agli insegnanti

Fra gli strumenti che promettono di rivoluzionare il quotidiano, l’intelligenza artificiale è senza dubbio quello che fa discutere di più. Le potenziali ricadute delle IA sono infatti enormi in tutti gli ambiti della società, da quello lavorativo a quello culturale, fino a quello scolastico. Tenta un approccio diverso il Premio Nobel per la Fisica Giorgio Parisi che, intervenuto alla Repubblica delle Idee, ha rimarcato il ruolo della scuola nell’uso delle…

Semplificare il mondo dei bambini è la chiave per la loro serenità

Semplificare il mondo dei bambini

Spesso si parla di come oggi i bambini siano sempre più maleducati e irrispettosi, soprattutto verso i genitori e gli insegnanti. Individuare le cause non è semplice, ma comportamenti del genere non costituiscono l’espressione del loro carattere quanto la risposta a una società sempre più restrittiva. Come spesso accade, per comprendere questa situazione è necessario partire dalla famiglia, in cui spesso si condensano le ragioni per cui educare i bambini…

Il metodo Montessori sarà esteso anche alle scuole secondarie di primo grado: già dal prossimo anno le prime richieste, ma con alcuni limiti

metodo montessori alla secondaria di primo grado

Sviluppato all’inizio del Novecento, il metodo Montessori prevede l’educazione dei bambini nel rispetto dei loro ritmi di apprendimento e della loro autonomia. Se finora questo metodo è stato applicato nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, la situazione è destinata a cambiare. Il disegno di legge riguardante la “Revisione della disciplina in materia di valutazione del comportamento delle studentesse e degli studenti”, infatti, prevede l’estensione del metodo Montessori a tutto…

“Se non avete capito, chiedetemi di rispiegare anche mille volte”: quando l’educazione passa dalle parole dell’insegnante

rispiegare

Molto spesso guardiamo agli insegnanti come a delle figure il cui compito è soltanto quello di trasmettere delle nozioni, ma in realtà il loro ruolo è molto più importante. Spesso basta cambiare il proprio approccio nei confronti degli alunni, o anche partire dalle parole giuste. Lungi dall’essere soltanto sequenze di suoni e lettere, le parole giuste possono fare la differenza nel percorso e nella crescita degli studenti, ma anche mostrare…

Gratteri: “Gli alunni imparino a rispettare gli insegnanti, fare i compiti, studiare ed essere ordinati. Io lo facevo grazie ai miei genitori”

rispettare gli insegnanti

Fra i valori fondamentali che un bambino deve apprendere ci sono il rispetto per le regole, il rispetto per gli insegnanti e il rispetto per i loro voti. È questa la posizione espressa da Nicola Gratteri, procuratore della Repubblica, durante l’evento dei giovani del Movimento Giovanile Salesiano del Sud Italia. Tenutasi di recente a Napoli, la festa ha rappresentato l’occasione per riflettere sull’importanza delle regole e sul ruolo che le…

Studenti e docenti di un alberghiero pugliese aprono un ristorante “didattico” davanti alla scuola

ristorante didattico

L’Istituto di Istruzione Superiore Mauro Perrone di Castellaneta, in provincia di Taranto, ha di recente inaugurato il suo ristorante didattico. La nuova attività costituisce un traguardo per la comunità e un’opportunità per la crescita professionale degli studenti. Come riportato dalla Gazzetta del Mezzogiorno , saranno loro infatti a gestire il ristorante didattico, con la supervisione dei docenti. Cos’è un ristorante didattico? Come dice l’espressione stessa, un ristorante didattico è un’iniziativa…

Da insegnante dico che gli alunni sono pronti per ridurre l’uso del cellulare mentre i genitori sono tecno-dipendenti e non riescono ad ammetterlo

ridurre l'uso del cellulare

La questione della dipendenza dei giovani dallo smartphone è una delle più dibattute degli ultimi anni. Se per alcuni i giovani utilizzano troppo il cellulare, per altri usare lo smartphone a scuola vuol dire avvalersi di un utile strumento di apprendimento. Nel dibattito si inserisce anche il punto di vista della docente e scrittrice Valentina Petri. Durante alcune conversazioni con i suoi studenti, ha notato come i giovani capiscano bene…

Consegna delle pagelle. «Evitare il terzo grado, non approcciarsi ai figli con un atteggiamento indagatore, inquisitorio o punitivo»

Consegna delle pagelle

La consegna delle pagelle è sempre un momento delicato per studenti e genitori, che sia a metà anno scolastico oppure poco prima dell’estate. Voti bassi, insufficienze e giudizi negativi possono spaventare e preoccupare, ma rappresentano al tempo stesso un’occasione per instaurare un dialogo costruttivo fra genitori e figli. Ne parla la pedagogista e formatrice Giovanna Giacomini su Vanity Fair , dove offre anche qualche consiglio su come leggere la pagella…

È in pensione dal 2015 ma continua ad insegnare a 73 anni, la storia del prof Sartori: “Con gli alunni vedo la realtà con occhi diversi”

insegnare a 73 anni

Ha quasi 73 anni ed è in pensione ormai dal 2015, eppure Michele Sartori continua ad insegnare lingua e letteratura italiana agli studenti di una scuola secondaria di secondo grado. Per la precisione siamo nel liceo San Benedetto di Piacenza, e la storia di Sartori dimostra dove sia possibile arrivare quando si è mossi da una passione che non finisce mai. Ma non solo. La storia di Michele Sartori La…

Festa a Sorpresa, che trionfo: il compleanno di Tartaruga Tea è stato festeggiato in tutta Italia

compleanno di Tartaruga Tea

Festa a Sorpresa è il sussidiario per le classi prima, seconda e terza della scuola primaria che ha unito insegnanti e bambini di tutta Italia. Ma perché questo sussidiario ha avuto questo grande successo? Perché molti insegnanti hanno deciso di adottarlo per il prossimo anno scolastico? Ecco spiegato il motivo: per la prima volta è nata una community di insegnanti che hanno condiviso le foto e le esperienze delle feste…

great

Hai visto la novità?

X

estate al via 2024