La rivista per la scuola e per la didattica

GESTIONE DELLA CLASSE

Trucchi e tecniche per calmare una classe chiacchierona e riportare alta l’attenzione

Mantenere in ordine una classe chiacchierona non è certo un compito da ragazzi. Per molti insegnanti si tratta della parte più difficile del lavoro. Tuttavia esistono alcune tecniche infallibili che sono in grado di fare miracoli anche nelle classi più iperattive. Ecco i principali trucchi e consigli per calmare una classe chiacchierona.

URLARE NON È LA SOLUZIONE

Anche ai più pazienti è capitato almeno una volta nella vita: quando la situazione si fa incontrollabile, si cerca di riprendere il controllo alzando la voce. Non si tratta di una soluzione efficace, anzi. Oltre ad alimentare ulteriormente la confusione, le nostra voce con il tempo risentirà delle urla.

Per la maggior parte degli insegnanti può sembrare la soluzione più semplice, soprattutto con quelli meno giovani, che ai tempi furono abituati ad ascoltare gli insegnanti senza se e senza ma. E ogni minima alzata di voce significava un doppio rimprovero una volta arrivati a casa.

Oggi le dinamiche tra insegnanti, studenti e genitori sono molto diverse, perciò non si può pensare di continuare ad applicare le stesse metodologie di insegnamento, poiché i risultati sarebbero opposti. Ecco, quindi, alcune tecniche che possono essere utili a farsi rispettare e ad ottenere il silenzio anche nella peggior classe chiacchierona.

METODO DEL PALLONCINO

Si tratta di un gioco da svolgere con bambini che dovranno fingere di essere palloncini. Gli studenti svolgono questo esercizio alzandosi dalle proprie sedie e mettendosi sulle punte. Dopodiché iniziano a respirare profondamente, svuotandosi espirando e riempiendosi inspirando aria, proprio come dei palloncini. Si tratta di una tecnica semplice ma efficace per calmare i bambini, facendoli muovere allo stesso tempo.

METODO DI MARSHMALLOW

Un altro metodo per calmare una classe rumorosa in cui la fantasia e l’immaginazione giocano un ruolo fondamentale è il metodo dei marshmallow. Questo consiste nel chiedere ai bambini di immaginare di avere nella propria bocca tanti marshmallow che impediscano loro di parlare. I bambini troveranno questo gioco divertente e questa tecnica si rivelerà vincente, soprattutto per i più piccoli.

METODO DELLA ROSA E DELLA CANDELA

Continua a leggere dopo la pubblicità

Questo trucco consiste nel chiedere ai bambini di immaginare di avere una rosa nella mano destra e una candela in quella sinistra. Un po’ come con il metodo del palloncino, i bambini dovranno annusare la rosa per inspirare e soffiare la candela per buttare fuori l’aria. In questo modo il ritmo naturale di respirazione verrà ristabilito e i bambini si calmeranno dopo una serie di ripetizioni.

Lettura estratta dal corso per il primo ciclo MERAVIGLIOSO

SPIEGARE CANTANDO

Vi siete mai chiesti perché nei cartoni animati ci siano così tante canzoni? Perché ai bambini piacciono, ne rimangono affascinati. Allora perché non utilizzarle anche nel luogo in cui trascorrono gran parte delle loro giornate?

Alcuni insegnanti hanno trovato questo metodo infallibile per ottenere una maggiore attenzione da parte dei propri alunni: spiegare la lezione sotto forma di canzoncina. I bambini smetteranno immediatamente di parlare perché saranno interessati a questo nuovo metodo di insegnamento così divertente e ricorderanno il contenuto della lezione più facilmente.

BOUNCY BALLS

Bouncy Balls è un sito online gratuito che, grazie alla Lim, permette in modo interattivo e coinvolgente di riportare il silenzio in aula. La lavagna interattiva diventerà un grande contenitore di palline che si muoveranno e rimbalzeranno all’impazzata se il rumore in classe è eccessivo e ritorneranno ad essere ferme in caso di silenzio. Può diventare una sorta di “termometro” del chiasso per poter dimostrare in tempo reale il livello di rumorosità in aula.

E tu cosa quali strategie usi per calmare una classe rumorosa? Condividi il contenuto e scorri verso il basso per scoprire altre interessanti notizie

CONDIVIDI L'ARTICOLO

Pubblicità

LEGGI ANCHE

Lascia un commento

Open chat