La rivista per la scuola e per la didattica
APPRENDIMENTO

Unità di Apprendimento: la base della programmazione per competenze

Le Nuove Indicazioni Nazionali per il curricolo del 2012 mettono alla base del processo di insegnamento/apprendimento le competenze e in modo specifico le Competenze Chiave del Consiglio Europeo (2006). Queste competenze devono essere il riferimento per gli obiettivi della formazione di base e l’elaborazione del profilo formativo a conclusione del primo grado di Istruzione. In questa ottica definiscono e suggeriscono un cambio di prospettiva nel rapporto insegnamento/ apprendimento, cambio reso possibile da un’organizzazione del percorso didattico per Unità di Apprendimento.

“Le Unità di Apprendimento… [sono] costituite dalla progettazione: a) di uno o più obiettivi formativi tra loro integrati (definiti anche con i relativi standard di apprendimento, riferiti alle conoscenze e alle abilità coinvolte); b) dalle attività educative e didattiche unitarie, dai metodi, dalle soluzioni organizzative ritenute necessarie per concretizzare gli obiettivi formativi formulati; c) dalle modalità con cui verificare sia i livelli delle conoscenze e delle abilità acquisite, sia se e quanto tali conoscenze e abilità si siano trasformate in competenze personali di ciascuno”.

Da questa premessa discende la necessità di promuovere una didattica orientata al conseguimento di competenze da parte degli alunni.

Ora scontato!

Pronti per la prova Invalsi 2024?

Le Prove Nazionali INVALSI 2024 si svolgeranno da marzo a maggio. L’arco temporale e le date di somministrazione variano in base al grado scolastico e alle materie.

pronti per la prova invalsi 2024

Una nuova didattica

La didattica per competenze non si basa più esclusivamente su programmi e trasmissione di contenuti, ma su una progettazione articolata in Unità di Apprendimento che diventano le strutture di base dell’azione formativa dell’insegnante, ne definiscono i traguardi, i criteri di valutazione, le metodologie, le risorse da reperire o utilizzare e anche i tempi di realizzazione.

UA (Unità di Apprendimento)

L’UA ha una funzione formativa, prima ancora che didattica. Le UA devono essere occasioni di apprendimento. L’attenzione si sposta dalle esigenze dell’insegnamento a quelle dell’apprendimento, cioè dalla programmazione del lavoro del docente all’evolversi concreto di situazione di apprendimento da parte della classe e dei singoli alunni. L’Unità di Apprendimento diventa un’occasione didattica significativa per gli alunni che tiene conto dell’unitarietà del sapere e non si configura come metodologia concreta, ma piuttosto come indirizzo metodologico. L’Unità di Apprendimento, perciò, non si limita alla sola trasmissione di conoscenze e abilità specifiche di una disciplina, ma tende alla formazione integrale della persona, sviluppando competenze non solo disciplinari, ma trasversali.

La didattica per UA è laboratoriale, è attiva, pone l’allievo al centro del percorso formativo richiedendo la sua partecipazione sia in modo individuale sia in gruppo e, soprattutto, favorisce una continua attenzione ai processi di apprendimento e all’interazione tra ciò che gli allievi e le allieve già sanno e ciò che dovranno conoscere. Le modalità di espletamento di un percorso per UA devono prevedere alcuni momenti in cui le attività sono svolte in modo autonomo dagli alunni. L’insegnante avrà un ruolo di supporto, di mediazione, dovrà farsi un po’ da parte per permettere a tutti di essere artefici del loro sapere e di sperimentarsi in approcci diversi e anche personali. Per questo la programmazione delle UA deve essere flessibile, duttile e permettere di riadattare il percorso in itinere, valutando e considerando le risposte degli alunni, le opportunità di ampliamento interdisciplinare o approfondimento disciplinare. La costruzione delle conoscenze diventa perciò personale e non indotta e permette di parlare davvero di personalizzazione dell’apprendimento. L’UA privilegia le modalità di apprendimento rispetto ai contenuti; focalizza la sua struttura sul raggiungimento di una competenza chiave di primaria importanza: “Imparare a Imparare”. Per questo l’ottica in cui deve essere intesa è fondamentalmente metacognitiva.

Quali sono i vantaggi?

Le UA consentono di rendere l’apprendimento significativo, perché esso diventa:

  • attivo: gli alunni devono mettere in atto il problem solving, quindi misurarsi con se stessi e con gli altri per trovare percorsi per la soluzione di un problema (anche imparare ad acquisire conoscenze per il bambino può essere un problema che può avere molteplici processi e portare a soluzioni differenti);
  • costruttivo: gli alunni devono lavorare con il metodo “hands on”, cioè mettere le mani in pasta e cimentarsi praticamente, concretamente e dunque consapevolmente con l’apprendimento di un contenuto;
  • cooperativo: le UA prevedono molti momenti di lavoro in coppia o in gruppo e ciò mette in azione le life skills, così importanti per un percorso che porti all’acquisizione di competenze anche sul versante sociale e relazionale;
  • autentico: la somministrazione di compiti autentici, realistici permettono di vedere la realtà intorno a noi come fonte privilegiata di esercizio di competenze;
  • intenzionale: le UA permettono di “entrare” nell’argomento, dunque di lavorare con una motivazione e vedere che si può dare un senso all’apprendimento.

Gli alunni assaporeranno il gusto di apprendere. L’apprendimento non sarà più qualcosa di “altro da loro”, non sarà più qualcosa che “fa solo entrare” conoscenze che poi usciranno senza elaborazione personale. L’apprendimento diventerà una sfida, una conquista: se io “Imparo a imparare”, imparerò per tutta la vita.

Didattica partecipata, classe capovolta, compito di realtà

Insegnare a “Imparare a imparare” è il dono più grande che può fare la scuola agli alunni. Come si impara a imparare? Il primo passo è rendersi conto che gli apprendimenti pregressi non vanno mai perduti. Il secondo passo è diventare consapevoli delle nostre modalità di apprendere che sono personali e dettate dalle nostre peculiarità. La didattica partecipata aiuta il bambino a recuperare le conoscenze pregresse e capire come i saperi siano tutti collegati. La classe capovolta stimola il bambino ad essere artefice del proprio sapere. Il compito di realtà permette al bambino di ottenere la soddisfazione di constatare come ciò che ha appreso possa essere tradotto in esperienza pratica.

Unità di Apprendimento interdisciplinari

Le Unità di Apprendimento proposte nelle guide dei nostri sussidiari sono interdisciplinari. Il prodotto finale è realizzato con l’apporto di diverse discipline. I vantaggi di questa proposta per UA interdisciplinari sono molteplici:

  • offrono ai ragazzi occasioni di lavoro più significative e più motivanti;
  • evidenziano gli stretti legami tra discipline diverse e come le conoscenze e le abilità apprese in ambiti diversi possano concorrere alla realizzazione di uno stesso compito;
  • consentono di realizzare un prodotto finale più complesso e favoriscono il reale sviluppo e la messa in campo di competenze trasversali.
il grillo e la luna copertina

IL GRILLO E LA LUNA

Scopri il nuovo sussidiario del primo ciclo della scuola primaria del Gruppo di Ricerca e Sperimentazione Didattica

Come costruisco un’Unità di Apprendimento

L’Unità di Apprendimento deve avere come fine l’acquisizione di “un intero apprendimento” cioè un apprendimento non segmentato in parti che non siano organiche e collegate tra loro e che non sottendano un unico legame disciplinare, interdisciplinare, metacognitivo…

La costruzione di una UA parte certamente dalla programmazione del lavoro dell’insegnante, ma deve essere “disponibile” a un cambiamento per adattarsi concretamente alle esigenze di apprendimento degli alunni in funzione di un obiettivo formativo. Che cosa significa? L’insegnante deve avere come barra di direzione l’acquisizione di competenze. Siccome questo traguardo non può prescindere dalle capacità e dalle abilità degli alunni ne deriva che ciò che può essere modificato in itinere è l’obiettivo strettamente didattico.

Attraverso le UA l’allievo trasforma le sue capacità in competenze non solo per mezzo dei contenuti, ma soprattutto attraverso l’”esperienza” di apprendimento, cioè il modo in cui si avvicina, affronta, interiorizza questi contenuti. L’apprendimento non è più solamente “acquisizione”, ma diventa “trasformazione” continua. Una sorta di procedimento a spirale verso l’unitarietà del sapere che permette di coniugare tutte le sfaccettature di un argomento per allargare le modalità di approccio allo stesso.

Se vediamo la programmazione in questa ottica riusciamo a mantenere intatto l’argomento e i nostri obiettivi di conoscenza, ma, articolandolo all’interno, riusciremo ad avvicinarlo a ciascun alunno facendo leva sulle motivazioni, gli interessi, le attitudini personali, i bisogni. È un po’ come avere a disposizione più attrezzi per lavorare un solo materiale. Ci saranno alunni con i quali sarà conveniente privilegiare le abilità, altri con i quali sarà opportuno far leva sulla motivazione non mettendo in primo piano la necessità di acquisire le abilità e le conoscenze.

L’UA permette di articolare un apprendimento in differenti obiettivi formativi che rispondono ai bisogni e alle modalità di apprendimento di ciascuno senza perdere di vista l’”interezza” dell’argomento.

“Le Unità di Apprendimento partono da obiettivi formativi adatti e significativi per i singoli alunni, definiti con i relativi standard di apprendimento, si sviluppano mediante appositi percorsi di metodo e di contenuto e valutano, alla fine, sia il livello delle conoscenze e delle abilità acquisite, sia se e quanto esse abbiano maturato le competenze personali di ciascun alunno (art. 8 del Dpr 275/99)”.

Come procedere per costruire un’UA

Premettiamo che ciascun insegnante può trovare una modalità personale per la costruzione di un’UA, perché conosce il livello di conoscenze e abilità degli alunni, sceglie le competenze che vuole raggiungere, ha presente i bisogni, gli interessi, le modalità di lavoro cooperativo che può proporre. Perciò in questa guida proporremo e forniremo linee guida per lavorare attraverso UA.

È nella natura stessa dell’UA la flessibilità e la duttilità per cui le linee guida non sono rigide, ma possono essere modulate secondo la realtà specifica di ciascun gruppo classe. La declinazione tipica della costruzione di un UA è la seguente:

  • fase preattiva o ideativa;
  • fase attiva;
  • fase postattiva.

Fase preattiva o ideativa

È il momento dell’ideazione, del progetto per favorire l’apprendimento da parte degli alunni (singolarmente o in gruppo). Per procedere occorre aver presente le situazioni reali degli alunni e prevedere un successivo adattamento per i cambiamenti che si potrebbero determinare. La programmazione di un’UA viene definita “a bassa definizione” proprio per sottolineare il carattere fluido del concetto di programmazione.

Fase attiva

Una volta fissati l’argomento e le competenze si deve passare alla fase attiva cioè dello sviluppo che non può comunque prescindere dalla didattica. Durante questa fase occorre comunque aver presente che gli alunni dovranno acquisire conoscenze e abilità, ma il compito dell’insegnante sarà quello di fare in modo che il percorso che stanno intraprendendo gli alunni abbia per loro un senso. Solo così si approprieranno non solo di contenuti, ma soprattutto di metodo. La didattica delle UA non può mai essere meramente prescrittiva: occorre disponibilità a dare spazio alla libertà di improvvisazione, creatività e intuizione. Occorre anche saper cogliere i feedback che gli alunni ci inviano per rimodularli in nuovi percorsi.

Fase postattiva

Come ogni attività, anche l’UA deve dare risultati. Il momento della fase postattiva e quello dell’accertamento e della documentazione degli esiti del processo di apprendimento. Attraverso le UA non si accerta solamente il livello di conoscenze e abilità, ma si prende in considerazione l’intero apprendimento, di conseguenza anche le modalità messe in atto dai ragazzi, il grado di interesse e partecipazione, la capacità di operare sia individualmente sia tra pari in modo da contribuire ad una crescita collettiva. In definitiva si indaga quanto le conoscenze e le abilità abbiano contribuito all’acquisizione di competenze. Al termine occorre valutare il raggiungimento sia delle abilità e delle conoscenze, sia quello delle competenze tenendo conto che sono aspetti complementari nel processo di apprendimento.

Programmare per UA

Come è già stato detto, una programmazione per UA non può essere prescrittiva e assolutamente inamovibile dai dati di partenza. Deve essere flessibile, duttile, adattabile. Quando parliamo di flessibilità non ci riferiamo agli argomenti portanti dei contenuti che possono, anzi devono, essere chiaramente impostati per dare linearità, continuità e progressività a “che cosa dobbiamo presentare come argomenti portanti”. I contenuti essenziali saranno esplicitati e in un certo modo calendarizzati lungo il corso dell’anno.

L’UA non è improvvisazione e non vuol dire “vivere alla giornata”, ma deve basarsi su una ben precisa unitarietà e identità. In altre parole, ad esempio, non è possibile passare dall’argomento “Sumeri” all’argomento “Romani” a meno che questo “salto” non rientri in uno specifico motivo portante che lo giustifichi (le costruzioni? Il fiume?). Lo schema di un UA sarà molto snello alla sua partenza, e si arricchirà nel corso del suo svolgimento. All’inizio ci sembrerà un po’ difficile, ma una volta entrati in quest’ottica si potrà gustare la possibilità di realizzare un insegnamento realmente efficace.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


Gli insegnanti italiani hanno perso ogni autorità, aggrediti, malpagati e sostituiti dai nuovi idoli del web

Antonio Scurati

Nel panorama educativo italiano, il dibattito sulla perdita di autorevolezza degli insegnanti è sempre più frequente. Tale tematica è stata recentemente affrontata dallo scrittore e giornalista Antonio Scurati, il quale ha condiviso un aneddoto personale e ha collegato questo fenomeno alla società contemporanea degli influencer e dell’apparire. Un episodio significativo narrato da Scurati evidenzia il disprezzo dei giovani verso gli insegnanti, manifestato attraverso commenti sulla loro condizione economica e sul…

Le aggressioni ai docenti sono aumentate del 110%, lo psicologo: “Genitori troppo permissivi che giustificano e minimizzano i gesti dei figli”

aggressioni ai docenti

Gli ultimi anni hanno visto un aumento delle aggressioni nei confronti del personale scolastico e, in generale, della scuola in quanto istituzione. Di fronte a questi avvenimenti emergono opinioni contrastanti che, nel tentativo di trovare una soluzione, evidenziano le sue complessità. Da una parte quindi fanno discutere le parole del Ministro Valditara mentre, dall’altra, alcuni esperti pongono l’attenzione verso una lettura più profonda del problema. Facciamo il punto. Aggressioni aumentate…

Meno genitori a scuola, docenti più consapevoli e stop al registro elettronico: la scuola secondo Galimberti e Crepet

meno genitori a scuola

Tornano a parlare di scuola il filosofo Umberto Galimberti e il sociologo Paolo Crepet. Lo fanno da invitati a due trasmissioni diverse, ma con due visioni fra le quali è impossibile non trovare punti in comune. Se per il primo sarebbe da abolire la presenza dei genitori a scuola, il secondo punta il dito sull’eccessivo controllo esercitato nei confronti dei giovani, anche dalle famiglie. Le due posizioni non segnalano tanto…

8 poesie di Germana Bruno per celebrare la Festa della Donna e la Festa del Papà a Marzo

festa della donna

STORIA DI DONNAC’era una volta e oggi c’è ancorauna creatura con la sua storia,spesso pervasa da dolore profondoe che riguarda ogni donna del mondo. Per troppi debole, quasi un oggetto,non sempre degna di cure e rispetto,a volte, forse, persino un peso,con grande coraggio ha lottato ed attesoun avvenire e un mondo miglioreche le rendesse giustizia ed onore. Troppo ha sofferto, tanto ha lottato,ma quel momento non è ancora arrivatoe ancora…

L’idea del preside, far sfidare le classi a mantenere l’aula pulita: “Giocando e vincendo premi, imparano a rispettare l’ambiente scolastico”

mantenere l'aula pulita

Il ruolo della scuola nell’educazione dei più giovani è spesso argomento di dibattito. Tutti sono d’accordo sulla funzione che l’istruzione ricopre nella crescita degli studenti, certo, ma non tutti concordano sulle modalità da adottare. Di fronte a questi interminabili dibattiti, alcune iniziative concrete colpiscono per la loro semplicità e per la loro profondità. Una scuola secondaria di primo grado di Prato, infatti, vuole coinvolgere gli studenti nella cura e nella…

La scuola ideale degli studenti? Vogliono docenti preparati, meno supplenti, più attività pratiche e verifiche senza voti numerici

scuola ideale

Gli studenti italiani hanno espresso le loro opinioni su cosa vogliono dalla scuola del futuro attraverso un sondaggio condotto da Skuola.net, coinvolgendo oltre 6.000 alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Questo sondaggio ha fornito una panoramica dettagliata delle loro priorità e preoccupazioni riguardo al sistema educativo. In cima alla lista delle priorità c’è il benessere psicologico degli studenti, indicato come la principale preoccupazione da quasi un quarto…

8 giochi per potenziare le abilità fonologiche degli alunni in classe prima

potenziare le abilità fonologiche

Il processo di apprendimento della letto-scrittura richiede operazioni cognitive complesse. Per giungere alla lettura bisogna identificare i grafemi, recuperare i singoli suoni e unirli per pronunciare la parola; per la scrittura occorre effettuare il percorso inverso: identificare i suoni che compongono la parola, collegarli al grafema corrispondente e procedere alla loro riproduzione grafica. Questi processi avvengono in seguito all’intervento della memoria a breve termine, o memoria di lavoro, e della…

Se vogliamo un apprendimento davvero efficace dobbiamo coinvolgere attivamente gli studenti nel processo di valutazione

processo di valutazione

Come indicato nelle Indicazioni nazionali del primo ciclo “la valutazione precede, accompagna e segue i percorsi curricolari”. Si sottolinea quindi il valore di una valutazione diagnostica, sommativa e formativa. La valutazione diagnostica ha la funzione di evidenziare il livello di competenze, abilità e conoscenze di partenza del discente permettendo così al docente di impostare gli obiettivi didattici in relazione ai bisogni educativi. In quest’ottica la valutazione diviene uno strumento utile…

Come costruire un Sapientino con gli alunni partendo da Mondo 2030

sapientino

Da insegnante mi interrogo sempre su quali siano gli obiettivi e le abilità che voglio raggiungere e far emergere nei miei alunni e nelle mie alunne, quali competenze voglio che facciano proprie. Di conseguenza, mi chiedo come posso impostare la didattica in modo da favorire tutto ciò, nella consapevolezza che ogni proposta va poi calibrata sulla classe e sulle necessità che racchiude. Nel caso che sono qui a esporre la…

Stop ai cellulari in classe, per il Ministro è opportuno evitare l’utilizzo anche per scopo didattico

stop ai cellulari in classe

Il Ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, ha annunciato una decisione che sta già suscitando dibattiti e polemiche: l’ulteriore stretta sull’uso dei cellulari nelle scuole italiane. Questa iniziativa si aggiunge alla crociata già avviata dal ministro fin dall’inizio del suo mandato, con l’obiettivo di ridurre le distrazioni e preservare l’autorità del corpo docente. Fin dall’insediamento, avvenuto a dicembre 2022, il Ministro Valditara ha adottato una serie di misure per limitare l’utilizzo dei…

great

È nato #altuofianco Sostegno

X