Quantcast
La rivista per la scuola e per la didattica
kit per la valutazione NOTIZIE

Verba volant non è più una certezza, le parole hanno un peso e un ruolo: ce lo insegna Paolo Borzacchiello

banner guide

educability ads

“…saper usare le parole in modo appropriato ci permette da un lato di stare molto meglio e dall’altro di influenzare in modo positivo le interazioni di cui siamo ogni giorno protagonisti, proprio perché la parola determina di fatto un cambiamento di comportamento”.

Chi è Paolo Borzacchiello

Paolo Borzacchiello è uno studioso dell’interazione umana e in particolare del linguaggio. Il linguaggio, secondo lui, è in grado di plasmare la nostra vita e di cambiarla, a noi o agli altri. Esperto di intelligenza linguistica applicata al business, Borzacchiello è uno dei più grandi formatori e trainer in ambito aziendale e da anni aiuta manager, imprenditori e aziende a migliorare sul piano della comunicazione. Ha fondato la HCE Research Institute.

Le parole rendono reale ciò di cui si parla

Secondo Paolo Borzacchiello, parlare di qualcosa lo rende reale. Per questo è necessario usare molta attenzione: “Menzionare qualcosa ne rinforza la presenza. Parlare di una cosa la fa diventare vera nel cervello delle persone”. Se si parla di un animale, per esempio, l’animale compare nell’immaginazione di chi ascolta, e ciò vale anche usando la negazione. La negazione non ha effetto: se diciamo a qualcuno di non pensare a un elefante, l’elefante sarà la prima cosa che verrà in mente a questa persona. L’uso di determinati concetti può cambiare, inoltre, la percezione di chi ascolta e renderla positiva o negativa. Per citare qualche esempio, il termine buio ci fa pensare a qualcosa di negativo, il termine luce a qualcosa di positivo. Anche le parole su e giù possono influenzare molto nel percepire qualcosa come favorevole o sfavorevole.

Continua a leggere dopo la pubblicità
Metà articolo (libri vacanze)

Linguaggio: complicazione o vantaggio?

La comunicazione è qualcosa che si impara: i bambini la imparano da noi adulti e spesso è proprio l’apprendimento di certe forme a complicarci la vita. Pensiamo al fatto che spesso, quando ci rivolgiamo a qualcuno, siamo tentati dal chiedere scusa perché lo stiamo disturbando: ci viene insegnato che esprimerci e parlare può arrecare un disturbo, ciò ci fa inconsciamente sentire sbagliati e ci distoglie dal voler comunicare. Bisognerebbe, invece, scegliere una frase diversa, per esempio “Ciao, sei libero in questo momento?” diretto alla persona con cui vogliamo parlare. Esprime sempre cortesia nell’approccio ma ha un significato molto più positivo, che non sottintende negatività o “fastidio” legati al nostro intervento.

PARTECIPA ALL’EVENTO EDUCABILITY SULLE SOFT SKILLS PER LA SCUOLA, TRA I RELATORI ANCHE PAOLO BORZACCHIELLO

Le parole per vendere e per abbindolare

Purtroppo, attualmente, pare che gli unici interessati alla comunicazione efficace siano i venditori, anche se pare che questo ambito stia guadagnando terreno anche nel mondo della medicina e della farmacologia. Comunicare con i pazienti può fare davvero la differenza, nell’ambito di un percorso di cura o della scelta di un farmaco. “La scienza del linguaggio andrebbe insegnata a scuola”, secondo Borzacchiello, ma allo stesso tempo non c’è molto interesse affinché questo avvenga e le persone diventino consce dei meccanismi comunicativi in cui sono immersi. Pensiamo alla politica. Se tutti comprendessimo le intenzioni dei politici e dei media saremmo meno manipolabili e abbindolabili.

Pubblicità
Fine articolo

CONDIVIDI L'ARTICOLO

LEGGI ANCHE

Lascia un commento

great

Il Grande Evento della Scuola

X