La rivista per la scuola e per la didattica
DIDATTICA

Il debate nella scuola primaria? Si può fare

Nel nostro paese, il debate è ancora poco conosciuto o comunque poco sfruttato nelle scuole, ma è indubbio che sulla scia dei successi conseguiti all’estero, soprattutto nei paesi anglosassoni, questa pratica inizia a suscitare interesse anche nel corpo docente del nostro paese.

È infatti con grande curiosità che ho partecipato al webinar sul debate nella scuola proposto da Elena Uboldi, insegnante di scuola primaria e autrice di libri didattici, in cui oltre alla parte teorica,  vengono forniti consigli utili su come metterlo in pratica, calandolo nella realtà della scuola di primo grado.

Sono sempre stato convinto del fatto che il debate nelle scuole secondarie fosse un’esperienza utile per insegnare la gestione del conflitto e il potere della comunicazione, ma al contrario, coltivavo diversi dubbi sul poterlo praticare in un contesto in cui i destinatari fossero bambini ancora molto piccoli. Invece, ho dovuto ricredermi.

Anno scolastico 2024/25

Adotti un nuovo sussidiario?

Con i nuovi corsi del primo e secondo ciclo per la scuola primaria del Gruppo Editoriale ELi hai un vero e proprio Kit docente in esclusiva per te

kit docente 2024

A cosa serve il debate nella scuola primaria

Come spiega Elena Uboldi, il debate va introdotto anche nella scuola primaria per una semplice ragione: perché i bambini fanno molta fatica a comunicare con gli altri, adulti o pari che siano, soprattutto quando privi di strumenti efficaci per gestire il conflitto. E questi strumenti vanno appresi, meglio ancora se in giovane età.

Ecco quindi che introdurre la pratica del debate all’interno della scuola primaria significa fornire ai bambini questi strumenti, che una volta appresi, gli consentiranno di spostare l’attenzione dalla persona all’argomento, accettando quindi l’idea che possano esistere diverse posizioni, tutte ugualmente legittime. 

Inoltre, il debate nella scuola primaria aiuta gli alunni ad autovalutarsi, stimola il problem solving, promuove il pensiero critico ed aumenta le capacità decisionali, oltre a regalare una certa flessibilità mentale, indispensabile in qualsiasi tipo di relazione sociale.

Ed è proprio da queste considerazioni che nasce l’idea di Elena Uboldi. Quando il Gruppo Editoriale ELi le chiede di scrivere un libro di testo per il triennio della scuola primaria, decide di inserirvi un percorso di debate, in modo da trasformarlo da qualcosa di puramente teorico a una serie di attività pratiche, da poter svolgere ogni giorno all’interno nella scuola di primo grado.

Si Può Fare: il debate in pratica

Il sussidiario per il primo ciclo della scuola primaria di Elena Uboldi, edito da Cetem, intitolato “Si Può Fare”, va inteso come una sorta di percorso propedeutico al debate vero e proprio, quello regolato da norme e tempi, che può essere sfruttato al meglio solo nella scuola secondaria, quando i bambini hanno raggiunto una maggiore consapevolezza di sé e delle proprie competenze sociali.

Ma siccome è nella scuola primaria che si acquisiscono queste competenze, ecco che questo sussidiario, agganciando la pratica del debate all’educazione civica, propone ai bambini diverse attività, che gli permettono di iniziare a riflettere su se stessi, sugli altri e sul valore della parola.

Ovviamente, questo percorso è modulato sull’età dei bambini e propone una serie di attività che crescono di intensità, man mano che aumenta l’età degli alunni:

  • Classe prima – considerata l’età dei bambini, il primo obiettivo del debate è quello di insegnare che si possono avere opinioni diverse e trovare delle soluzioni condivise, anche quando si parte da posizioni molto lontane. Le attività nel sussidiario sono di diverso tipo e consentono ai bambini di riflettere su se stessi e di capire che talvolta si può anche cambiare idea. A partire da situazioni di conflitto, quindi, il sussidiario accompagna i bambini lungo un percorso che li porta ad acquisire una maggiore consapevolezza dell’altro.
debate in classe prima
  • Classe seconda – ora che i bambini hanno acquisito maggiori competenze, si può iniziare a lavorare in gruppo. Il format, quindi, è ovviamente diverso: si parte da un argomento e tutti i bambini vengono invitati a dire cosa ne pensano. La novità sta nel fatto che in classe seconda vengono introdotte delle indicazioni precise, tra cui un tempo predeterminato entro il quale devono terminare la loro esposizione. Inoltre, si inizia a lavorare sulla metacognizione, invitando i bambini ad esprimere le loro emozioni.
debate in classe seconda
  • Classe terza – in terza, si continua a lavorare sulla metacognizione, ma soprattutto si introduce il debate vero e proprio, anche se ovviamente modulato sulle competenze e sull’età dei bambini. In alcune attività, infatti, viene chiesto agli alunni di argomentare le proprie tesi e di dichiararsi più o meno d’accordo con alcune affermazioni, motivandone la ragione. Inoltre, vengono invitati a riflettere sulle risposte dei compagni e di esplicitare se, grazie al dibattito, hanno cambiato idea o meno.
debate in classe terza

In ogni caso, l’autrice suggerisce che, qualsiasi sia la classe in cui si insegna, prima di sperimentare la pratica del debate con i propri alunni, è necessario un serio lavoro di pianificazione, che tenga conto delle risorse coinvolte, soprattutto quelle umane, e dei tempi che si hanno a disposizione.

Ovviamente, poi, grande attenzione va riservata alla scelta del topic, che può essere legato alle discipline, ma anche a quei momenti della vita scolastica che, per un motivo o per l’altro, generano conflitti.

L’organizzazione di Si Può Fare

Portare il debate nelle classi basse della scuola primaria potrebbe sembrare complicato, ma devo ammettere che il sussidiario fornisce diversi esempi pratici, con i quali cimentarsi lungo l’anno scolastico.

si può fare copertina

SI PUÒ FARE

Il nuovo corso per il primo ciclo della primaria classi prima, seconda e terza con un’attenzione speciale per il debate

Come ho accennato prima, il percorso verso il debate vero e proprio è agganciato all’insegnamento dell’educazione civica, che per sua natura ben si presta a stimolare i bambini alla riflessione e al dibattito.

Ogni lezione, pertanto, è associata ad un’attività. Ad esempio, il capitolo sulle regole è affiancato da una pagina che suggerisce ai bambini di riflettere su cosa potrebbe accadere se queste non ci fossero. O, ancora, per la classe terza, nell’ambito di una lezione dedicata alla tecnologia, vi sono delle attività che invitano i bambini a porsi una volta nei panni di chi argomenta, l’altra in quelli di chi ascolta e a tirare le somme dell’esperienza al temine della pratica.

LEGGI ANCHE
Alfabetiere ritagliabile di Si Può Fare, è arrivato il momento di usarlo. Ecco cosa farò con i miei alunni di prima

Al termine del webinar, Elena Ubaldi tiene ancora una volta a sottolineare che questo vuole solo essere un percorso per arrivare al debate, da affrontare nella scuola secondaria, ma che in fondo, e io sono d’accordo con lei, è proprio questo percorso ad essere l’obiettivo da centrare.

Un percorso che può realmente aiutare i bambini a sviluppare una sana dialettica, ma soprattutto la capacità di sostenere il confronto verbale, considerando  l’altro sempre come interlocutore e mai come avversario.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


L’errore da non commettere mai: scegliere un sussidiario con pagine lucide e lisce, sarà un dramma

sussidiario con pagine lucide

Negli ultimi anni vi è una questione sollevata da molti insegnanti riguardo le pagine troppo lisce dei libri: scopriamo perché i libri dovrebbero utilizzare la carta usomano pigmentata per le loro stampe, quali sono i vantaggi dell’uso di questa carta e quali libri di scuola primaria la utilizzano. Il problema di alcuni libri di scuola: scrivere e disegnare è impossibile! Uno dei problemi sollevati da molti insegnanti riguardo alcuni libri…

Perché adottare Nel Cuore dei Saperi è stata la scelta giusta

adottare nel cuore dei saperi

Quando si cerca un sussidiario per la classe quarta e quinta, ogni insegnante va a caccia di determinati requisiti. Innanzitutto, deve proporre un metodo di studio attivo, costruttivo e non mnemonico. Deve contenere esercizi in quantità sufficiente da non costringere l’insegnante a fare centinaia di fotocopie. Deve proporre le materie di studio in modo interdisciplinare, stimolando collegamenti e riflessioni. Ancora meglio se la didattica è affrontata con lo stile dello…

La scuola non è una gara, basta con i voti numerici. Gli studenti vanno in ansia e non coltivano le potenzialità

la scuola non è una gara

Tutti sanno che a scuola si va per imparare, eppure per molti studenti la scuola è diventata un luogo di ansie e competizione. Per il pedagogista Daniele Novara sono diverse le cause del problema: ruolo dei docenti, rapporto con gli studenti, voti numerici. Insomma, di fronte a chi vede la scuola come una gara è necessario opporre un nuovo modo di concepire l’istituzione scolastica, a beneficio degli studenti ma non…

Un’ottima proposta per il libro delle vacanze estive

libro delle vacanze estive

Maggio è il momento di scegliere i libri per le vacanze della scuola primaria: ma cosa cercano gli insegnanti nei volumi per il ripasso estivo? Innanzitutto, sono uno strumento che serve non solo a non dimenticare ciò che si è svolto durante l’anno, ma anche e soprattutto a consolidare gli apprendimenti. Oltre al ripasso degli argomenti affrontati durante l’anno, è importante che le attività proposte siano avvincenti e divertenti. Come…

Edoardo Prati provoca i docenti: “Se insegnate solo per campare, non insegnate”

edoardo prati

“Se uno deve insegnare per campare, non insegni ma trovi qualcos’altro”. A pronunciare queste parole è Edoardo Prati, un influencer che ha raggiunto milioni di persone sui social media grazie alla sua passione per la letteratura classica e moderna. Prati è molto conosciuto per la passione con cui parla ai giovani di argomenti complessi, e proprio la passione è il tema affrontato in uno dei suoi video. La passione degli…

La guida didattica di Incanto è la più ricca di materiale mai vista

guida didattica di Incanto

Incanto è la guida didattica in cui ogni insegnante troverà davvero tutto ciò che cerca: le lezioni si prepareranno praticamente da sole! Già, perché la guida di Incanto contiene veramente tutto. Non è una mera raccolta di schede didattiche, ma fornisce vere e proprie indicazioni operative e strategiche, ambientali, relazionali, che nessun altro manuale ha fornito prima. UNA GUIDA DA STACCARE La guida di Incanto è molto grande, perché è…

Basta con gli insegnanti seduti in cattedra arroccati dietro un programma da finire

programma da finire

Oggi, molto più che in passato, si parla di malessere giovanile in relazione alla scuola. Di recente hanno fatto discutere le parole dello psicoanalista Massimo Ammaniti, secondo cui i giovani sono cambiati e la scuola è rimasta indietro. Di fronte al disagio psicologico degli studenti, infatti, la scuola costituisce un ulteriore ostacolo da superare e non un luogo sicuro. Qual è la soluzione? E soprattutto: ne esiste una? disagio generazionale…

Storia e geografia non sono solo guerre e barbabietole da zucchero

storia e geografia nel cuore dei saperi

Usare un sussidiario potrebbe sembrare un’attività semplice. Basta leggere, evidenziare, sottolineare, svolgere qualche attività di comprensione e ripetere. Il gioco è fatto! Ma se provassimo a fare storia e geografia usando il sussidiario in modo diverso? Ad esempio leggendo insieme delle storie o facendo parlare fra loro i personaggi? L’arte del narrare è una pratica antica quanto l’umanità. Da sempre, molto prima della nascita della scrittura, gli uomini e le…

I Dadi Racconta Storie è un libro-gioco didattico da usare in classe per inventare e scrivere testi relativi alle diverse tipologie testuali

i dadi racconta storie

La promozione della scrittura creativa è essenziale per lo sviluppo delle abilità linguistiche e cognitive degli studenti. Il nuovo sussidiario delle letture del secondo ciclo di scuola primaria, intitolato “Nel Cuore delle Parole” e edito da Cetem del Gruppo Editoriale ELi, propone l’innovativo gioco didattico per la classe “I Dadi Racconta Storie” per favorire questo processo, offrendo agli insegnanti e agli studenti un approccio coinvolgente e stimolante alla comprensione e…

L’importanza dei libri facilitati accostati ai sussidiari. Ma attenzione: non sono tutti uguali!

libri facilitati 2024

Un libro facilitato possiede alcune caratteristiche: è scritto con un font ad alta leggibilità pensato appositamente per alunni con dislessia, disortografia o altri Bisogni Educativi Speciali, l’interlinea è più ampio e permette così una più semplice lettura, minimizzando il rischio, tipico di questi bambini e ragazzi, di tendere a rileggere la stessa riga o seguire le righe in modo errato. I paragrafi non sono “giustificati”, in modo da non spezzare…

great

Hai visto le novità?

X

estate al via 2024