La rivista per la scuola e per la didattica
SCUOLA DIGITALE

Scuola digitale
Il ruolo dell’insegnante non potrà mai essere sostituito da nessuna tecnologia o Intelligenza Artificiale

La neuroscienza educativa è un campo multidisciplinare emergente il cui l’obiettivo è di collegare la ricerca di base nelle neuroscienze, psicologia e scienze cognitive, con la tecnologia educativa. David Sousa, consulente e ricercatore in neuroscienze educative, ha rilasciato un’intervista per spiegare la sua opinione sull’importanza del ruolo dell’insegnante in rapporto a questo campo multidisciplinare.

LA FUNZIONE DELLA NEUROSCIENZA EDUCATIVA

Questo campo multidisciplinare permette di studiare la crescita e lo sviluppo del cervello. Ad esempio, è possibile osservare i periodi in cui il cervello impara qualcosa di speciale, come le lingue native o le abilità informatiche. Grazie a queste informazioni, siamo in grado di sapere come dovremmo agire nelle diverse fasi educative, dalla scuola materna alla scuola elementare.

Nuovo!

Novità Ministeriali 2023

Il libro di testo è lo strumento didattico ancora oggi più utilizzato mediante il quale gli studenti realizzano il loro percorso di conoscenza e di apprendimento.

smartphone gruppoeli

Secondo Sousa, il problema nell’educazione è che non viene ancora data abbastanza importanza alla neuroscienza, nonostante il suo ruolo fortemente positivo nello sviluppo ottimale dei ragazzi. Gli insegnanti dovrebbero iniziare a considerare questo campo multidisciplinare maggiormente, poiché in questo modo saranno in grado di approcciarsi al meglio verso i propri studenti.

IN CHE MODO POSSONO AGIRE GLI INSEGNANTI?

Le lezioni tradizionali sono, purtroppo, ancora troppo spesso basate su un’interazione a un canale solo, in cui l’insegnante parla e lo studente ascolta. Tuttavia, non si tratta del metodo più ottimale per mantenere alta la concentrazione degli studenti, che sono costretti a subire passivamente la lezione.

A maggior ragione negli ultimi anni, con l’avanzamento tecnologico che ha reso l’interazione ancora più semplice ed immediata, questo metodo di insegnamento risulta antiquato. Gli insegnanti di oggi dovrebbero cambiare il focus delle proprie lezioni e promuovere maggiormente gli interventi da parte degli studenti. Questo li renderà più attenti e consapevoli di ciò che stanno studiando, favorendo un apprendimento più rapido e duraturo.

Detto ciò, l’utilizzo della tecnologia può certamente aiutare, ma andrebbe vista come uno strumento di insegnamento, non come l’attore principale. Infatti, il ruolo dell’insegnante in carne ed ossa rimane fondamentale per mantenere alta la concentrazione dei ragazzi. L’ideale sarebbe trovare il giusto equilibrio tra tecnologia e interazione sociale con l’insegnante. In questo modo gli studenti saranno in grado di capire meglio gli argomenti e di ricordarli per più tempo.

UN ESEMPIO PRATICO

altuofianco-ads-cta

David Sousa pone un esempio pratico per far capire meglio il concetto da lui spiegato. Supponiamo di essere un insegnante che sta svolgendo una lezione di storia sulla seconda guerra mondiale. Se dovessimo seguire i metodi tradizionali, svolgeremmo la classica lezione raccontata, senza far partecipare gli alunni in alcun modo.

Ma non vogliamo annoiare i nostri studenti, al contrario vogliamo che apprendano i concetti complessi del secondo conflitto mondiale nel modo più efficace possibile. Decidiamo allora di fare uso della neuroscienza educazionale, avvicinando un argomento apparentemente lontano alla vita quotidiana. Possiamo fare degli esempi di alcune conseguenze del conflitto ancora visibili nella geopolitica attuale, in modo da stuzzicare la curiosità degli alunni.

Il punto fondamentale è di riuscire a trovare un modo innovativo e particolare per coinvolgere l’attenzione e l’interesse dei ragazzi, anche – e soprattutto – quando si tratta di argomenti piuttosto lontani dal loro interesse.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


Musica
Laboratorio musicale in seconda, attività e consigli per l’insegnante con schede da scaricare

Laboratorio musicale in seconda

Questo percorso di educazione all’ascolto e alla musica si propone di far scoprire ai bambini il piacere dell’ascolto di suoni e del loro mondo, coinvolgendoli emotivamente. La prima tappa è far raggiungere al bambino la consapevolezza della diversità tra udire, ascoltare e intendere: Nell’educazione all’ascolto della musica il passaggio dall’udire all’intendere è un percorso che permette all’alunno di scoprire gli elementi del linguaggio musicale. IMPARARE AD ASCOLTARE Nuovo! Novità Ministeriali…

Notizie
L’istruzione italiana, nonostante tutto, forma cervelli brillanti che vede fuggire all’estero. E questo è un vero disastro.

cervelli brillanti

La storia di Gioele è simile a quella di tanti ragazzi di valore che, dopo essersi formati in Italia, vengono valorizzati all’estero. Il fatto è che, negli ultimi dieci anni, di queste ragazze e giovani laureati che hanno trovato la loro collocazione in un paese europeo o in un altro continente l’Italia ha permesso che se ne allontanassero troppi. E spesso sono in migliori. Quelli che potrebbero rilanciare la scienza…

Educazione
Il salto dalla scuola primaria alla secondaria, il primo vero gradino dei bambini verso il mondo dei grandi

dalla scuola primaria alla secondaria 2023

Il passaggio dalla scuola primaria alla secondaria di primo grado è un momento decisamente delicato e complesso, non solo per i ragazzi ma anche per le loro famiglie. Le famiglie non sanno come gestire le emozioni dei ragazzi, che in questo periodo sono già amplificate dal delicato momento dell’adolescenza, e il passaggio da una realtà rassicurante come quella della scuola primaria al mondo dei grandi, che inizia nella scuola secondaria…

Opinioni
L’appello del prof influencer della fisica: “Vedo colleghi insegnanti grigi fuori e dentro, fateci fare corsi di teatro, canto o recitazione”

prof influencer della fisica

Durante una videointervista su La Stampa con il giornalista Roberto Pavanello durante il Salone del Libro di Torino, il professor Vincenzo Schettini, noto per il suo libro ed i suoi canali social chiamati “La Fisica che ci Piace”, ha condiviso opinioni rivoluzionarie sul sistema scolastico e il ruolo dei suoi colleghi nell’affrontare la sfida di trasformare l’approccio educativo. Durante la conversazione, ha sottolineato con forza la necessità di un cambiamento…

Apprendimento
Come insegnare agli alunni di seconda a fare il riassunto, strategie didattiche e unità di apprendimento da scaricare

fare il riassunto

Il riassunto è “l’esposizione in forma abbreviata di uno scritto o di un discorso” che, però, mantiene inalterate le caratteristiche del testo originale. Comprendere e riorganizzare in modo sintetico il contenuto di un testo implica un notevole impegno da parte dei bambini, infatti si tratta di un’attività che richiede molte altreabilità. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ E CONSIGLI PER L’INSEGNANTE Nuovo! Novità Ministeriali 2023 Il libro di testo è lo strumento…

Gestione della classe
Nella scuola primaria non si può essere “indietro con il programma” semplicemente perché il programma non esiste più

indietro con il programma

La scuola primaria non ha più programmi scolastici da quasi un decennio, nonostante questo, però, ancora molti insegnanti li citano ancora e si preoccupano di essere “indietro rispetto al programma”. Non solo è anacronistico dal punto di vista pedagogico, ma anche giuridicamente sbagliato. I programmi nazionali sappiamo bene che sono stati sostituiti dalle “Indicazioni Nazionali”. Metaforicamente: ci viene *indicato* il percorso da prendere ma senza *programmare* il viaggio. LOGICAMENTE TUTTO…

Notizie
Insegnante assegna un 10 al tema di uno studente con un messaggio incoraggiante: “Non smettere mai di scrivere”

Non smettere mai di scrivere

Il giornalista Ciro Pellegrino condivide un post emozionante sul proprio profilo Facebook che evidenzia l’importanza cruciale degli insegnanti nel plasmare il futuro degli studenti. “Non smettere mai di scrivere”, lo dice uno dei prof migliori d’Italia, amico mio, uno di quei napoletani che vanno via dalla loro terra e migliorano il mondo. Il ragazzo o la ragazza va via da quella scuola, il professore gli mette 10 al tema perché…

Apprendimento
Dai 2 ai 7 anni: una fascia d’età cruciale per lo sviluppo cerebrale dei bambini

sviluppo cerebrale dei bambini

Nella fascia di età che va dai 2 ai 7 anni il cervello dei bambini è una vera e propria spugna. Le esperienze vissute in questo periodo possono avere conseguenze permanenti nello sviluppo cerebrale di qualsiasi bambino. LO SVILUPPO CEREBRALE NEL BAMBINO: COME FUNZIONA? Il cervello di un bambino si sviluppa in diverse fasi chiamate periodi critici. Il primo periodo critico si verifica intorno all’età di 2 anni, mentre il…

Gestione della classe
La prof consegna una lettera scritta a mano ad ogni studente, quando è stata diffusa su Facebook ha ricevuto migliaia di elogi

lettera scritta a mano ad ogni studente

I genitori si adoperano al massimo per sostenere i figli nelle sfide della vita, ma è importante fare una pausa e riflettere sulle vicende attuali, senza concentrarsi solo sul futuro. Questa consapevolezza è emersa in un gruppo di genitori quando un’insegnante ha consegnato a ogni studente una lettera da portare a casa che ha attirato l’attenzione a livello globale e ha ricevuto numerosi elogi. Durante gli anni scolastici, trascorriamo una…

Lettere in redazione
No, Giannelli, gli insegnanti non hanno 3 mesi di vacanze e pensi al merito dei presidi non a quello dei docenti

3 mesi di vacanze

Io Giannelli lo seguo e lo stimo pure. E mi sembra impossibile che abbia potuto parlare recentemente di “tre mesi di stop estivo” o auspicare la valutazione del merito dei docenti (“si dovrebbe valutare il merito e l’impegno dei docenti. Non tutti infatti si impegnano allo stesso modo. C’è chi è disponibile a stare a scuola molto più tempo e dovrebbe avere degli scatti stipendiali significativi”). Perché Giannelli non può…

great

Relazioni d'adozione 2023? 😉

X