La rivista per la scuola e per la didattica
RELIGIONE

San Paolo nella scuola primaria, un successo caratterizzato da libri scolastici di qualità ed insegnanti soddisfatti

San Paolo Edizioni, rinomato gruppo editoriale cattolico italiano, ha introdotto una ventata di freschezza nel mondo scolastico, facendo ingresso nel settore a partire dal 2017, grazie ad una profonda collaborazione con La Spiga del Gruppo Editoriale ELi, nome già apprezzato e riconosciuto dagli insegnanti come punto di riferimento di qualità didattica e rigorosità autoriale. Il contributo coraggioso ha portato con sé un nuovo approccio alla religione e alla cultura nelle aule scolastiche, proponendo titoli coinvolgenti e progetti interdisciplinari che risuonano con i bisogni e le sfide dei giovani di oggi.

San Paolo Edizioni è riuscita dunque a trasformare il concetto stesso di educazione primaria offrendo contenuti di valore, con un approccio che promuove l’empatia, la comprensione e il benessere emotivo dei piccoli alunni durante il percorso formativo.

L’ingresso di San Paolo Edizioni nella scuola

IdR il nuovo concorso copertina

IdR IL NUOVO CONCORSO

Materiali per la preparazione al concorso a cattedra per l’insegnamento della religione cattolica

La casa editrice San Paolo ha inaugurato una nuova visione nel campo dell’educazione scolastica, con particolare interesse per l’educazione dei bambini della scuola primaria ma occupandosi anche di scuola secondaria di primo e secondo grado.

Già nota per l’attività nel settore variegato della pubblicazione cattolica, San Paolo Edizioni ha deciso di abbracciare una sfida ambiziosa: mettersi a disposizione della scuola primaria con tutte le energie. La decisione ha segnato l’inizio di una transizione impegnativa e nel contempo entusiasmante, guidata direttamente dall’editore, per dare un’identità ancor più forte e per consolidarla in questo segmento così importante della pubblicazione di materiale didattico.

La scelta di San Paolo Edizioni di rivolgersi al mondo della scuola è stata motivata da una profonda sintonia di intenti con il contesto educativo. La casa editrice ha lasciato rapidamente il segno nelle aule scolastiche, grazie alla sua dimensione carismatica che richiama la figura di San Paolo Apostolo. Come missionario evangelico, San Paolo si distingue per il dialogo con i “pagani”, ovvero i laici potremmo dire oggi, e per la predisposizione a interagire con culture diverse, una caratteristica che riflette idealmente l’approccio della casa editrice.

San Paolo Edizioni non si limita, quindi, a produrre testi strettamente collegati alla catechesi o alla spiritualità interna della Chiesa. Al contrario, si impegna a portare la religione nei luoghi dove viene pensata, trasmessa ed elaborata in termini culturali. Questa impronta originale si concentra sull’intreccio della religione con la cultura, l’esistenza e l’esperienza umana, per un’educazione che va ben oltre la mera trasmissione della fede.

Innovazione interdisciplinare

L’impegno di San Paolo Edizioni è fortemente radicato nella scuola primaria, per la quale ha lanciato progetti editoriali di alto spessore. Uno di questi è “Detto… Fatto!”, un titolo che vanta un’ampia gamma di attività interdisciplinari, includendo coding e apprendimento dell’inglese. Questo elemento dimostra come la religione sia integrata in ogni aspetto della conoscenza e dell’apprendimento, trasmettendo ai bambini una comprensione più profonda e globale della materia.

Un altro titolo di rilievo, sempre per la scuola primaria, è il nuovissimo “La Casa Che Vogliamo” link esterno. Qui viene affrontato l’argomento delle emozioni, dando agli studenti gli strumenti pratici per comprendere e gestire i propri sentimenti. In un periodo di emergenza educativa, dove le emozioni sono universalmente considerate di primaria rilevanza nel benessere dei bambini, questo progetto educativo è orientato a promuovere una sana gestione delle emozioni e della propria esperienza interiore.

La casa che vogliamo copertina

LA CASA CHE VOGLIAMO

Scopri il nuovo corso di Religione cattolica per la scuola primaria, edito da San Paolo in collaborazione con La Spiga

“La Casa Che Vogliamo” si basa sull’archetipo della casa come simbolo di ricerca e sicurezza interiore, un concetto profondamente radicato nella cultura e nella religione. Basti pensare che la parola “casa” nella Bibbia è tra le big words, dopo Dio, essendo perciò uno dei vocaboli più citati. Attraverso attività e discussioni incentrate sulle emozioni, gli studenti scoprono il vero significato di “casa” nella propria vita, nella ricerca di equilibrio e stabilità emotiva. Ogni emozione viene associata a un personaggio della religione passata e presente, proponendo quindi un collegamento tangibile tra la quotidianità degli alunni e la ricchezza della tradizione religiosa.

I numerosi progetti portanti avanti con successo dimostrano la volontà di San Paolo Edizioni nel fornire risorse educative perfette per gli studenti della scuola primaria, contribuendo a promuovere un ambiente positivo e stimolante per l’apprendimento e per lo sviluppo personale dei bambini.

Titoli iconici e di grande attualità

San Paolo Edizioni ha introdotto una serie di titoli accattivanti per coinvolgere e stimolare gli studenti nei diversi gradi di istruzione scolastica. Uno dei successi più significativi è stato il libro “Che Vita!” link esterno destinato alla scuola secondaria di primo grado, che ha conquistato un’ampia adesione tra gli insegnanti che hanno deciso di adottarlo.

Il testo si distingue per la capacità di catturare l’essenza della giovinezza, affrontando temi rilevanti per gli adolescenti con un linguaggio fresco e coinvolgente. L’entusiasmo generato da “Che Vita!” ha ispirato ulteriori pubblicazioni come “Il Nuovo Che Vita!” link esterno, che continua a suscitare le medesime emozioni tra gli studenti in questa fase cruciale della formazione.

Sempre per le scuole medie, San Paolo Edizioni ha presentato la novità “#ReliScuola” link esterno, proponendo di valorizzare gli aspetti culturali e tradizionali italiani ampliandoli a una dimensione europea. Il volume non fornisce solo conoscenze teoriche ma integra l’aspetto religioso con tutte le altre discipline dei saperi scolastici, per un’esperienza formativa carica delle medesime passioni che si vivono con la crescita giovanile. “#ReliScuola” stimola efficacemente la curiosità e il dialogo, trattando tematiche come la diversità culturale e l’esperienza umana.

#reliscuola copertina

#RELISCUOLA

Scopri il nuovo corso di Religione cattolica per la scuola secondaria di primo grado, edito da San Paolo in collaborazione con La Spiga

LEGGI ANCHE
Libri per l’ora di alternativa nella scuola primaria

Collaborazioni e risorse gratuite

Oltre alla produzione editoriale, San Paolo Edizioni lavora attivamente per instaurare proficue collaborazioni con le comunità educative, sviluppando corsi e risorse gratuite su tutto il territorio italiano. Queste iniziative sono lo specchio dell’impegno dell’editore nei confronti delle abilità professionali dei docenti per sostenere l’educazione di qualità.

San Paolo Edizioni organizza con regolare periodicità corsi di formazione link esterno, con la presenza di relatori nazionali, coprendo un ampio ventaglio di tematiche, che spaziano dalle storie di atleti paraolimpici alla testimonianza di giornalisti che hanno vissuto situazioni di conflitto in Medio Oriente. Gli eventi sono rivolti alle diocesi d’Italia, offrendo ai partecipanti l’opportunità di accedere a ottimi materiali formativi per approfondire le conoscenze delle materie affrontate.

Stare al fianco delle diocesi è un’attività parallela a quella della collaborazione con gli insegnanti. Da questo felice connubio è nato il libro scolastico dal titolo “Viaggio nell’Italia Religiosa”, che coinvolge i docenti provenienti dalle varie regioni italiane, permettendo di condividere le proprie esperienze didattiche e contribuire alla creazione di risorse utilissime per l’intera comunità educativa.

viaggio nell'Italia religiosa

VIAGGIO NELL’ITALIA RELIGIOSA

Scopri il fascicolo operativo allegato a “Il Nuovo Che Vita!”, creato con il contributo dei docenti italiani di Religione cattolica

Le iniziative, oltre ad arricchire notevolmente il panorama educativo, evidenziano l’importanza della collaborazione e dell’interazione tra editore, insegnanti e comunità, con lo scopo di dare un segnale di inclusione e di qualità per tutti gli studenti.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


Giorgio Parisi agli insegnanti sull’intelligenza artificiale: “È fondamentale far capire agli alunni che l’AI va governata e non temuta”

giorgio parisi agli insegnanti

Fra gli strumenti che promettono di rivoluzionare il quotidiano, l’intelligenza artificiale è senza dubbio quello che fa discutere di più. Le potenziali ricadute delle IA sono infatti enormi in tutti gli ambiti della società, da quello lavorativo a quello culturale, fino a quello scolastico. Tenta un approccio diverso il Premio Nobel per la Fisica Giorgio Parisi che, intervenuto alla Repubblica delle Idee, ha rimarcato il ruolo della scuola nell’uso delle…

Semplificare il mondo dei bambini è la chiave per la loro serenità

Semplificare il mondo dei bambini

Spesso si parla di come oggi i bambini siano sempre più maleducati e irrispettosi, soprattutto verso i genitori e gli insegnanti. Individuare le cause non è semplice, ma comportamenti del genere non costituiscono l’espressione del loro carattere quanto la risposta a una società sempre più restrittiva. Come spesso accade, per comprendere questa situazione è necessario partire dalla famiglia, in cui spesso si condensano le ragioni per cui educare i bambini…

Il metodo Montessori sarà esteso anche alle scuole secondarie di primo grado: già dal prossimo anno le prime richieste, ma con alcuni limiti

metodo montessori alla secondaria di primo grado

Sviluppato all’inizio del Novecento, il metodo Montessori prevede l’educazione dei bambini nel rispetto dei loro ritmi di apprendimento e della loro autonomia. Se finora questo metodo è stato applicato nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, la situazione è destinata a cambiare. Il disegno di legge riguardante la “Revisione della disciplina in materia di valutazione del comportamento delle studentesse e degli studenti”, infatti, prevede l’estensione del metodo Montessori a tutto…

“Se non avete capito, chiedetemi di rispiegare anche mille volte”: quando l’educazione passa dalle parole dell’insegnante

rispiegare

Molto spesso guardiamo agli insegnanti come a delle figure il cui compito è soltanto quello di trasmettere delle nozioni, ma in realtà il loro ruolo è molto più importante. Spesso basta cambiare il proprio approccio nei confronti degli alunni, o anche partire dalle parole giuste. Lungi dall’essere soltanto sequenze di suoni e lettere, le parole giuste possono fare la differenza nel percorso e nella crescita degli studenti, ma anche mostrare…

Gratteri: “Gli alunni imparino a rispettare gli insegnanti, fare i compiti, studiare ed essere ordinati. Io lo facevo grazie ai miei genitori”

rispettare gli insegnanti

Fra i valori fondamentali che un bambino deve apprendere ci sono il rispetto per le regole, il rispetto per gli insegnanti e il rispetto per i loro voti. È questa la posizione espressa da Nicola Gratteri, procuratore della Repubblica, durante l’evento dei giovani del Movimento Giovanile Salesiano del Sud Italia. Tenutasi di recente a Napoli, la festa ha rappresentato l’occasione per riflettere sull’importanza delle regole e sul ruolo che le…

Studenti e docenti di un alberghiero pugliese aprono un ristorante “didattico” davanti alla scuola

ristorante didattico

L’Istituto di Istruzione Superiore Mauro Perrone di Castellaneta, in provincia di Taranto, ha di recente inaugurato il suo ristorante didattico. La nuova attività costituisce un traguardo per la comunità e un’opportunità per la crescita professionale degli studenti. Come riportato dalla Gazzetta del Mezzogiorno , saranno loro infatti a gestire il ristorante didattico, con la supervisione dei docenti. Cos’è un ristorante didattico? Come dice l’espressione stessa, un ristorante didattico è un’iniziativa…

Da insegnante dico che gli alunni sono pronti per ridurre l’uso del cellulare mentre i genitori sono tecno-dipendenti e non riescono ad ammetterlo

ridurre l'uso del cellulare

La questione della dipendenza dei giovani dallo smartphone è una delle più dibattute degli ultimi anni. Se per alcuni i giovani utilizzano troppo il cellulare, per altri usare lo smartphone a scuola vuol dire avvalersi di un utile strumento di apprendimento. Nel dibattito si inserisce anche il punto di vista della docente e scrittrice Valentina Petri. Durante alcune conversazioni con i suoi studenti, ha notato come i giovani capiscano bene…

Consegna delle pagelle. «Evitare il terzo grado, non approcciarsi ai figli con un atteggiamento indagatore, inquisitorio o punitivo»

Consegna delle pagelle

La consegna delle pagelle è sempre un momento delicato per studenti e genitori, che sia a metà anno scolastico oppure poco prima dell’estate. Voti bassi, insufficienze e giudizi negativi possono spaventare e preoccupare, ma rappresentano al tempo stesso un’occasione per instaurare un dialogo costruttivo fra genitori e figli. Ne parla la pedagogista e formatrice Giovanna Giacomini su Vanity Fair , dove offre anche qualche consiglio su come leggere la pagella…

È in pensione dal 2015 ma continua ad insegnare a 73 anni, la storia del prof Sartori: “Con gli alunni vedo la realtà con occhi diversi”

insegnare a 73 anni

Ha quasi 73 anni ed è in pensione ormai dal 2015, eppure Michele Sartori continua ad insegnare lingua e letteratura italiana agli studenti di una scuola secondaria di secondo grado. Per la precisione siamo nel liceo San Benedetto di Piacenza, e la storia di Sartori dimostra dove sia possibile arrivare quando si è mossi da una passione che non finisce mai. Ma non solo. La storia di Michele Sartori La…

Festa a Sorpresa, che trionfo: il compleanno di Tartaruga Tea è stato festeggiato in tutta Italia

compleanno di Tartaruga Tea

Festa a Sorpresa è il sussidiario per le classi prima, seconda e terza della scuola primaria che ha unito insegnanti e bambini di tutta Italia. Ma perché questo sussidiario ha avuto questo grande successo? Perché molti insegnanti hanno deciso di adottarlo per il prossimo anno scolastico? Ecco spiegato il motivo: per la prima volta è nata una community di insegnanti che hanno condiviso le foto e le esperienze delle feste…

great

Hai visto la novità?

X

estate al via 2024