La rivista per la scuola e per la didattica
OPINIONI

Insegnanti pubblici ufficiali, o lo sono o non lo sono

Benché questa consapevolezza o intenzione non sia mai stata realmente propria dei docenti delle scuole di ogni ordine e grado, diventa ora una questione di principio. “Si tratta di un passaggio molto importante. Non si tratta così di una professoressa, per nessun motivo”, dice l’insegnante di Lodi, che si è recentemente vista negare questo riconoscimento da un giudice.

Lo scorso 17 gennaio si è tenuta la prima udienza del processo, ma l’imputata, madre di una studentessa diciassettenne che aveva subito la contestata sospensione di quindici giorni per atti di bullismo, è stata accusata solamente di “lesioni aggravate a incaricato di pubblici servizi” e non a “pubblico ufficiale”.

Il 21 maggio tornerà quindi di nuovo in tribunale la professoressa che nel 2019 venne schiaffeggiata a causa di un provvedimento disciplinare che, in ogni caso, è stabilito dal consiglio di classe, non da una singola persona.

Ora scontato!

Pronti per la prova Invalsi 2024?

Le Prove Nazionali INVALSI 2024 si svolgeranno da marzo a maggio. L’arco temporale e le date di somministrazione variano in base al grado scolastico e alle materie.

pronti per la prova invalsi 2024

La vicenda, a suo tempo, aveva suscitato indignazione, tanto che l’allora Ministro dell’Istruzione Bussetti aveva voluto incontrare la docente di persona: “Sono venuto a ringraziare questa insegnante anche per il suo comportamento, per l’autocontrollo che ha saputo tenere in quei momenti. L’insegnante è stata bravissima, ha pensato comunque ancora prima alla ragazza sospesa che a se stessa”. Persino aveva proposto di premiare con una medaglia Vittoria Bellini, per la sua compostezza e professionalità.

Teatro dell’ultimo caso analogo, il ventiquattro gennaio scorso, la scuola Don Bosco, istituto comprensivo di Torre del Greco. Una maestra costretta a ricorrere alle cure mediche per l’aggressione di una madre, una collega preoccupata perché si sente minacciata, l’inevitabile denuncia alle forze dell’ordine e l’annunciato ricorso alle vie legali.

Casi che ricordano quelli della professoressa aggredita a Castellammare di Stabia e del preside preso a pugni a Cesena, nel 2023. Il susseguirsi di aggressioni nei confronti del personale del mondo della scuola diventa quasi scontato. Il ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara aveva annunciato che avrebbe valutato i presupposti per proporre una costituzione di parte civile, eventualmente considerando anche un danno d’immagine all’Amministrazione. “Docenti e presidi non saranno lasciati soli: dobbiamo tutti insieme ricostruire un patto educativo che unisca genitori, studenti e docenti”.

Occorre valutare quanto costi sostenere una causa: quanto costi ai diretti interessati, soprattutto. In termini di denaro, tempo, fatica, stress. E delusioni. Perché finora, si presupponeva, che gli insegnanti lo fossero. Pubblici ufficiali, si intende.

E si sa, tutto si ottiene in ambito educativo con un lavoro sinergico: se ognuno fa la sua piccola o grande parte. I docenti, i bidelli, i dirigenti, i genitori, i nonni, gli studenti, le società sportive, i Grest estivi, tutti.

I tribunali dovrebbero essere veramente l’ultima ratio: ma, se necessario, si può ricordare la sentenza della Corte di Cassazione, n. 15367/2014, che ha ribadito la qualifica di pubblico ufficiale per gli insegnanti, estendendo tale riconoscimento a tutte le attività che essi svolgono in ambito scolastico.

Come ben sa un genitore di Parma: offendere, insultare o denigrare con parole pesanti un docente può costituire oltraggio a pubblico ufficiale e può costare la condanna a quattro anni di reclusione.

A due mesi fa risale l’ammonimento a cinque diciassettenni che frequentano una scuola superiore di Lodi che avevano preso di mira una loro compagna di classe chiamandola “cicciona”, ma anche una ragazza dal carattere timido e riservato e un docente. Insulti continui a scuola e su WhatsApp con l’intento evidente di isolare le vittime, arrivando a rendere loro impossibile qualsiasi forma di normale relazione sociale.

Sono questioni di principio, appunto. La professoressa Vittoria non ha ricevuto alcuna medaglia, come era stato promesso. Ma va avanti lo stesso.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


Il metodo fonematico sillabico animato di Incanto

metodo fonematico sillabico animato

Il metodo di insegnamento della letto-scrittura non è un fattore di secondaria importanza: non è proprio vero che il bambino o la bambina impara a leggere e a scrivere in modo corretto, in tempi brevi e amando quanto sta facendo in qualunque modo si insegni. È vero però che egli/ella può imparare “nonostante l’insegnante”, come diceva Piaget. Ma ce la farebbero proprio tutti/e? Dunque il metodo non va lasciato al…

L’inclusività non è solo una bella parola scritta nei manuali, in Puglia c’è una scuola dove il bar è gestito da studenti con disabilità

bar gestito da studenti con disabilità

Quando si parla di inclusione, spesso la si riduce ad un mero concetto astratto quando in realtà rappresenta un insieme di azioni e iniziative volte a garantire l’inserimento di ciascun individuo all’interno della società. Ciò vale sia per la società nel suo complesso sia per la scuola, che della società rappresenta un modello “in scala”. Per questa ragione, si è parlato tanto dell’apertura del bar dell’Istituto Dell’Aquila-Staffa di San Ferdinando…

Smartphone a scuola, sì o no? In Francia, Inghilterra, Olanda e Finlandia sono vietati senza se e senza ma

Smartphone a scuola

La questione dello smartphone a scuola è forse fra le più dibattute negli ultimi anni. Da una parte ci sono gli ottimisti, secondo i quali è più importante insegnare a usare lo smartphone in modo corretto che vietarlo tout court. Dall’altra parte ci sono i critici, per cui usare lo smartphone a scuola non fa bene agli studenti sul lungo periodo. Diversi Paesi hanno già vietato in qualche modo questo…

Libri per l’ora di alternativa nella scuola primaria

libri per l'ora alternativa

Le insegnanti che svolgono le ore di alternativa, con i bambini che non si avvalgono dell’insegnamento della religione cattolica, spesso si trovano in difficoltà: quali attività proporre? Quali attività possono essere di carattere educativo e valoriale come l’insegnamento della religione, ma senza essere legate alla religione? Cosa si può proporre, che non sia noioso ma coinvolgente e divertente? L’alternativa che vogliamo, del Gruppo Editoriale ELi, è la risposta a tutte…

Il sussidiario Incanto è un progetto unitario dove il valore del Noi si rinforza costantemente

sussidiario Incanto

Incanto, il nuovo sussidiario per i primi tre anni di scuola primaria edito da La Spiga del Gruppo Editoriale ELi, è prima di tutto animare l’apprendimento con le lettere-personaggio e le loro storie da ascoltare, cantare, drammatizzare e, finalmente, desiderare di leggere. Incanto pone alle basi dell’apprendimento la curiosità e le emozioni: la colla senza la quale tutte le conoscenze si disperdono, invece di imprimersi in maniera indelebile nella mente…

#altuofianco Sostegno del Gruppo Editoriale ELi è la sezione per il sostegno più ricca di materiali gratuiti che ci sia

sezione per il sostegno

Gli insegnanti di sostegno, con le loro testimonianze e i loro commenti sui social, confrontandosi e condividendo opinioni, sono giunti a una conclusione: una sezione sostegno così completa e in continuo aggiornamento ce l’ha solo il Gruppo Editoriale ELi. materiali in continuo aggiornamento Gli insegnanti di sostegno hanno bisogno di materiali sempre nuovi, curati e aggiornati, ma spesso sono difficili da trovare. Le guide offrono percorsi facilitati ma non personalizzati,…

Nel Cuore dei Saperi è il sussidiario più scelto, preferito dal 38% degli insegnanti in un sondaggio su Facebook

sussidiario più scelto

La matematica è una delle discipline più importanti nell’ambito della scuola primaria, in tutti i gradi di istruzione, e non solo. Eppure, per gli studenti spesso risulta troppo complessa da apprendere, tanto che ci si accontenta di memorizzare i concetti in modo meccanico, o poco più.  Per questa ragione, è necessario un nuovo approccio nell’insegnamento della matematica che sappia coinvolgere gli studenti già dalla scuola primaria, a partire dai relativi…

Il massimo esperto di Vygotskij in Italia: “Il sussidiario Incanto risalta la piena assimilazione del pensiero vygotskiano”

massimo esperto di Vygotskij

Riportiamo in forma integrale il testo della presentazione di Incanto, il nuovo sussidiario per il primo ciclo di scuola primaria di Maria Annunziata Procopio e Giulia Corasaniti, edito da La Spiga del Gruppo Editoriale ELi. Il testo è a cura dello psicologo Luciano Mecacci, già professore ordinario di psicologia generale presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Firenze, considerato tra i massimi esperti al mondo di Vygotskij. “Più…

I ricercatori mettono in guardia gli insegnanti: ascoltare gli errori grammaticali provoca stress e fa male alla salute

ascoltare gli errori grammaticali

L’immagine appartiene alla cultura popolare: uno studente commette un errore grammaticale e l’insegnante trasalisce di conseguenza. Forse la realtà è più prosaica, ma allo stesso tempo questa immagine non sembra essere così lontana dal vero. Un recente studio ha infatti scoperto che ascoltare errori grammaticali può causare una reazione di stress nel nostro corpo. Vediamo in che senso. errori grammaticali e stress Lo studio è stato pubblicato rivista scientifica Journal…

Sono gli insegnanti a dirlo: i bambini adorano Festa a Sorpresa

bambini adorano Festa a Sorpresa

Il progetto didattico di Festa a sorpresa per la Scuola Primaria propone per la classe prima un percorso che intende accompagnare le bambine e i bambini alla scoperta della lettura e della scrittura, guidandoli all’acquisizione di tutti i tipi di linguaggi e a un primo livello di padronanza delle conoscenze e delle abilità indispensabili alla conoscenza del mondo. Festa a sorpresa pone alle basi dell’apprendimento la curiosità e le emozioni,…

great

Hai visto le novità?

X