Quantcast
La rivista per la scuola e per la didattica
kit per la valutazione ARTE

Arte nella scuola primaria? È fondamentale: educa alla bellezza e allo stupore

banner guide

educability ads

I bambini sono naturalmente attratti dal disegno e dalle arti visive. Per loro è naturale avvicinarsi a pennarelli, pastelli, tempere e materiali manipolativi, esprimersi e comunicare attraverso la produzione artistica. Quello che non tutti sanno è che i bambini amano anche osservare e conoscere le opere d’arte, raccontare ciò che vedono e cosa le opere comunicano loro. Per questo è importantissimo insegnare arte nella scuola primaria.

Ma quali sono le motivazioni alla base dell’importanza dell’educazione artistica a scuola? E come si può potenziare, per farla diventare una disciplina di non mero studio e valutazione, ma funzionale allo sviluppo totale della persona, in tutti i suoi aspetti?

Ashley Flory, ricercatrice del St. Jude Children’s Research Hospital, ha condotto varie ricerche sull’insegnamento dell’arte nella scuola primaria e i suoi innumerevoli vantaggi e benefici. Gli alunni hanno bisogno dell’arte. Gli esseri umani possiedono intelligenze multiple, tra queste c’è anche l’intelligenza visuo-spaziale, strettamente connessa alle arti visive.

È stato dimostrato che alcuni bambini, che solitamente faticano a esprimersi attraverso il linguaggio, riescono a potenziare la loro capacità di comunicazione attraverso l’espressione artistica. L’arte, inoltre, migliora le capacità sociali e l’interazione tra pari, creare arte può anche contribuire ad aumentare l’autostima e la fiducia in sé. La soddisfazione di avere creato un prodotto artistico, nel quale gli altri possano scorgere frammenti della nostra anima, è innegabile fonte di benessere.

Flory sostiene che l’arte insegnata a scuola permetta di migliorare anche nelle altre discipline: effettivamente il disegno e l’osservazione di opere artistiche coinvolgono competenze spaziali e logiche, indispensabili all’apprendimento della matematica e di altre materie.

Continua a leggere dopo la pubblicità
Metà articolo (libri vacanze)

Nella scuola primaria è importantissimo che i bambini entrino in contatto, inoltre, con le opere d’arte classiche, legate al paese e alla cultura in cui vivono, ma anche di altre culture. L’arte permette di conoscere la propria storia e la storia degli altri popoli, imparare che ogni cultura è ricca di emozioni e tesori e per questo degna di rispetto e conoscenza.

Il gruppo editoriale ELI propone due soluzioni per avvicinare i bambini della scuola primaria all’arte. La bambina dei quadri, di Daniele Movarelli, illustrato da Martina Tonello è un libro di narrativa della collana per l’infanzia Lilliput, vincitrice nel 2017 del Premio Andersen come miglior collana.

Il testo link esterno rende piacevole e divertente l’approccio alle opere d’arte. La storia di Diana e del suo cane Lump, che iniziano un viaggio alla scoperta di quadri famosi con le loro linee, i loro colori, le loro forme, coinvolgerà i bambini della scuola primaria invogliandoli a diventare come lei, giovano scopritori del tesoro artistico che ci circonda.

I bambini della scuola primaria ameranno la storia di Diana: l’educazione artistica è un privilegio che ogni bambino e ogni ragazzo dovrebbe avere, essere guidati fin dalla più giovane età a scoprire la bellezza dei musei e dei loro tesori, potersi esprimere attraverso la miriade di strumenti artistici oggi disponibili e accessibili per tutti.

L’altra proposta riguarda Officina d’Arte, un progetto artistico link esterno che si articola in cinque libri destinati alle cinque classi della scuola primaria. Questo percorso oltre a rappresentare un validissimo strumento per lo sviluppo delle competenze espressive del bambino, si distingue per il carattere assolutamente innovativo che mette insieme la didattica laboratoriale del saper fare e l’acquisizione di competenze nell’ambito della Storia dell’Arte trattata in modo trasversale.

Tutti i bambini sono degli artisti nati, il difficile sta nel fatto di restarlo da grandi

Pablo Picasso
Pubblicità
Fine articolo

CONDIVIDI L'ARTICOLO

LEGGI ANCHE

Lascia un commento

great

Il Grande Evento della Scuola

X