La rivista per la scuola e per la didattica
EDUCAZIONE

Rimproverare non corregge, lodare sì: lo dimostra una ricerca scientifica fatta a scuola

Spesso, per rimproverare i bambini, li si schernisce con frasi tipo “Svegliati”, “Sei addormentato”, “Ti comporti male”, “Io alla tua età facevo già…” o, ancora peggio, si fanno paragoni con altri coetanei.

Molti genitori pensano che facendo così daranno una “spronata” al bambino o al ragazzo e lo motiveranno a fare di più, a migliorare, a capire le aree in cui è più fragile. In realtà spronare i bambini e i ragazzi umiliandoli, facendo paragoni o sottolineando i loro difetti, sarà solo una grande minaccia alla loro autostima.

Può darsi che, dopo aver sentito parole di scherno, i soggetti coinvolti provino veramente, e riescano, a colmare quelle lacune o a migliorare quell’area di debolezza. Questo ci farà pensare che le nostre parole siano state utili: in realtà, ottenere risultati compromettendo l’autostima e facendo sentire inadeguati bambini e ragazzi, non è mai positivo.

Anno scolastico 2024/25

Adotti un nuovo sussidiario?

Con i nuovi corsi del primo e secondo ciclo per la scuola primaria del Gruppo Editoriale ELi hai un vero e proprio Kit docente in esclusiva per te

kit docente 2024

Genitori e insegnanti che agiscono in questa maniera non lo fanno assolutamente con l’intenzione consapevole e volontaria di ferire o umiliare, ma semplicemente perché il nostro cervello è programmato per individuare le cose negative per cercare di correggerle (negativity bias).

Gli studi in questo campo, volti a dimostrare che lodi, complimenti e incoraggiamenti sono più efficaci di rimproverare, sono ancora troppo pochi ma stanno dimostrando che la teoria secondo la quale si ottengono maggiori benefici dall’incoraggiamento e molti meno dal rimprovero è plausibile.

Un articolo del professore e scrittore Paul Caldarella riporta i risultati link esterno di alcune osservazioni dell’interazione tra insegnante e studenti e le conseguenze di lodi o critiche negative. Sebbene non sia uno studio fattibile in chiave scientifica, perché incoraggiare o rimproverare non possono essere rappresentati sotto forma di indicatori numerici, dalla semplice osservazione di una classe al lavoro è stato osservato che gli alunni che ricevono rinforzi positivi manifestano comportamenti più corretti o raggiungono successi accademici più duraturi.

Ciò è dovuto al fatto che bambini e ragazzi necessitano di specchiarsi positivamente negli occhi degli adulti di loro riferimento. Quando si interagisce con i propri alunni o i propri figli bisognerebbe, nei limiti del possibile, cercare di impostare una comunicazione nella quale ci si focalizza sugli aspetti positivi al fine di lodarli. Per quanto riguarda, invece, le aree di difficoltà, la strategia ideale è trattarle come punti su cui lavorare ma sempre partendo da un background positivo, cioè gli elementi vincenti che già sono presenti.

IL METODO “PANINO”

La comunicazione è una competenza che, in ogni caso, può essere insegnata e migliorata già da piccoli. Nella scuola primaria, quando si affronta la disciplina di Cittadinanza e Costituzione, viene presa in esame anche la comunicazione, l’importanza di comunicare in modo positivo e gentile anche tra bambini, con i propri pari. Schede operative e proposte di lavoro di questa disciplina si possono trovare nella guida didattica per tutti gli anni di scuola primaria chiamata Le Discipline di Unica link esterno , edito da La Spiga del Gruppo Editoriale ELi.

Un tipo di comunicazione efficace potrebbe essere il panino. Questo tipo di comunicazione dal nome bizzarro indica semplicemente una tecnica comunicativa con cui si evidenzia una cosa positiva, si parla di un aspetto negativo da migliorare, e poi si fa un altro complimento su un’altra cosa positiva. Viene chiamata panino perché l’elemento negativo che vogliamo sottolineare viene inserito tra “due fette di pane morbidocioè i complimenti. È una tecnica che si usa anche nelle aziende e serve a presentare un aspetto da correggere senza però dimenticare anche tutti gli elementi positivi presenti.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


L’errore da non commettere mai: scegliere un sussidiario con pagine lucide e lisce, sarà un dramma

sussidiario con pagine lucide

Negli ultimi anni vi è una questione sollevata da molti insegnanti riguardo le pagine troppo lisce dei libri: scopriamo perché i libri dovrebbero utilizzare la carta usomano pigmentata per le loro stampe, quali sono i vantaggi dell’uso di questa carta e quali libri di scuola primaria la utilizzano. Il problema di alcuni libri di scuola: scrivere e disegnare è impossibile! Uno dei problemi sollevati da molti insegnanti riguardo alcuni libri…

Perché adottare Nel Cuore dei Saperi è stata la scelta giusta

adottare nel cuore dei saperi

Quando si cerca un sussidiario per la classe quarta e quinta, ogni insegnante va a caccia di determinati requisiti. Innanzitutto, deve proporre un metodo di studio attivo, costruttivo e non mnemonico. Deve contenere esercizi in quantità sufficiente da non costringere l’insegnante a fare centinaia di fotocopie. Deve proporre le materie di studio in modo interdisciplinare, stimolando collegamenti e riflessioni. Ancora meglio se la didattica è affrontata con lo stile dello…

La scuola non è una gara, basta con i voti numerici. Gli studenti vanno in ansia e non coltivano le potenzialità

la scuola non è una gara

Tutti sanno che a scuola si va per imparare, eppure per molti studenti la scuola è diventata un luogo di ansie e competizione. Per il pedagogista Daniele Novara sono diverse le cause del problema: ruolo dei docenti, rapporto con gli studenti, voti numerici. Insomma, di fronte a chi vede la scuola come una gara è necessario opporre un nuovo modo di concepire l’istituzione scolastica, a beneficio degli studenti ma non…

Un’ottima proposta per il libro delle vacanze estive

libro delle vacanze estive

Maggio è il momento di scegliere i libri per le vacanze della scuola primaria: ma cosa cercano gli insegnanti nei volumi per il ripasso estivo? Innanzitutto, sono uno strumento che serve non solo a non dimenticare ciò che si è svolto durante l’anno, ma anche e soprattutto a consolidare gli apprendimenti. Oltre al ripasso degli argomenti affrontati durante l’anno, è importante che le attività proposte siano avvincenti e divertenti. Come…

Edoardo Prati provoca i docenti: “Se insegnate solo per campare, non insegnate”

edoardo prati

“Se uno deve insegnare per campare, non insegni ma trovi qualcos’altro”. A pronunciare queste parole è Edoardo Prati, un influencer che ha raggiunto milioni di persone sui social media grazie alla sua passione per la letteratura classica e moderna. Prati è molto conosciuto per la passione con cui parla ai giovani di argomenti complessi, e proprio la passione è il tema affrontato in uno dei suoi video. La passione degli…

La guida didattica di Incanto è la più ricca di materiale mai vista

guida didattica di Incanto

Incanto è la guida didattica in cui ogni insegnante troverà davvero tutto ciò che cerca: le lezioni si prepareranno praticamente da sole! Già, perché la guida di Incanto contiene veramente tutto. Non è una mera raccolta di schede didattiche, ma fornisce vere e proprie indicazioni operative e strategiche, ambientali, relazionali, che nessun altro manuale ha fornito prima. UNA GUIDA DA STACCARE La guida di Incanto è molto grande, perché è…

Basta con gli insegnanti seduti in cattedra arroccati dietro un programma da finire

programma da finire

Oggi, molto più che in passato, si parla di malessere giovanile in relazione alla scuola. Di recente hanno fatto discutere le parole dello psicoanalista Massimo Ammaniti, secondo cui i giovani sono cambiati e la scuola è rimasta indietro. Di fronte al disagio psicologico degli studenti, infatti, la scuola costituisce un ulteriore ostacolo da superare e non un luogo sicuro. Qual è la soluzione? E soprattutto: ne esiste una? disagio generazionale…

Storia e geografia non sono solo guerre e barbabietole da zucchero

storia e geografia nel cuore dei saperi

Usare un sussidiario potrebbe sembrare un’attività semplice. Basta leggere, evidenziare, sottolineare, svolgere qualche attività di comprensione e ripetere. Il gioco è fatto! Ma se provassimo a fare storia e geografia usando il sussidiario in modo diverso? Ad esempio leggendo insieme delle storie o facendo parlare fra loro i personaggi? L’arte del narrare è una pratica antica quanto l’umanità. Da sempre, molto prima della nascita della scrittura, gli uomini e le…

I Dadi Racconta Storie è un libro-gioco didattico da usare in classe per inventare e scrivere testi relativi alle diverse tipologie testuali

i dadi racconta storie

La promozione della scrittura creativa è essenziale per lo sviluppo delle abilità linguistiche e cognitive degli studenti. Il nuovo sussidiario delle letture del secondo ciclo di scuola primaria, intitolato “Nel Cuore delle Parole” e edito da Cetem del Gruppo Editoriale ELi, propone l’innovativo gioco didattico per la classe “I Dadi Racconta Storie” per favorire questo processo, offrendo agli insegnanti e agli studenti un approccio coinvolgente e stimolante alla comprensione e…

L’importanza dei libri facilitati accostati ai sussidiari. Ma attenzione: non sono tutti uguali!

libri facilitati 2024

Un libro facilitato possiede alcune caratteristiche: è scritto con un font ad alta leggibilità pensato appositamente per alunni con dislessia, disortografia o altri Bisogni Educativi Speciali, l’interlinea è più ampio e permette così una più semplice lettura, minimizzando il rischio, tipico di questi bambini e ragazzi, di tendere a rileggere la stessa riga o seguire le righe in modo errato. I paragrafi non sono “giustificati”, in modo da non spezzare…

great

Hai visto le novità?

X

estate al via 2024