La rivista per la scuola e per la didattica
GESTIONE DELLA CLASSE

Come gestire una classe difficile, i consigli degli insegnanti che ce l’hanno fatta

Avere e dover gestire una classe difficile può essere un problema molto grande. Non solo si termina una giornata scolastica con l’emicrania e la fatica di un maratoneta, ma è anche, spesso, problematico portare a termine attività didattiche, raggiungere obiettivi, ottenere risultati positivi.

Gli studenti più chiassosi ed esuberanti finiscono con il catturare tutta l’attenzione dell’insegnante, che è costretto a interrompere spesso attività e spiegazioni per cercare di ripristinare l’ordine e il silenzio: gli alunni, invece, più timidi e silenziosi o che presentano difficoltà, rischiano di essere involontariamente penalizzati dall’eccessivo rumore in classe o dall’insegnante che fatica a concentrarsi su loro, in quanto indaffarato a sedare gli animi più turbolenti.

Ma come fare per gestire queste situazioni e cercare di rendere le lezioni più positive per tutti? Come tirare fuori il meglio dagli alunni più “difficili”, che ci chiedono comprensione e affetto attraverso i modi meno piacevoli? Ecco alcuni suggerimenti di colleghi e colleghe che hanno adottato strategie che si sono rivelate vincenti.

Ora scontato!

Pronti per la prova Invalsi 2024?

Le Prove Nazionali INVALSI 2024 si svolgeranno da marzo a maggio. L’arco temporale e le date di somministrazione variano in base al grado scolastico e alle materie.

pronti per la prova invalsi 2024

DARE INCARICHI

Gli alunni più irrequieti hanno necessità di canalizzare la loro immensa energia in modo positivo, sentirsi utili, rinforzare l’autostima. Sono consci del “caos” che creano, anche se non riescono a evitare certi comportamenti, e inconsciamente temono di non essere i benvenuti in classe. Assegnare compiti di responsabilità relativi alla vita in classe (dare messaggi ad altri insegnanti, consegnare quaderni o libri, distribuire materiali…) ha avuto, come riportano alcuni colleghi, un effetto positivo su quegli alunni costantemente in movimento e alla ricerca di attenzioni, che si sentiranno utili e indispensabili alla vita in classe.

IL CARTELLONE DELLE “FACCINE”

Tabelloni, stickers e faccine sono metodi anglosassoni che qualche insegnante ha adottato, con successo, anche qui nel bel paese. Alcuni insegnanti hanno creato un cartellone con tutti i nomi degli alunni, vicino ai quali ogni giorno si applica uno sticker verde, se il comportamento è stato corretto, giallo se è stato “così così” e rosso se proprio non ci siamo. I più irrequieti hanno migliorato il proprio atteggiamento perché si sono mostrati motivati nel “collezionare” bollini verdi, smile, stelline o qualunque altro simbolo del buon comportamento che vogliamo adottare.

PRIVILEGIARE ATTIVITÀ PIÙ “TRANQUILLE”

Sebbene sia fantastico proporre lavori di gruppo, attività di gioco e di drammatizzazione, modalità didattiche più dinamiche e divertenti, purtroppo con alcune classi è necessario praticare per la maggior parte attività più “classiche”, almeno fino a quando non si arriva a una maggiore maturità o non si trova un modo più efficace per gestire l’esuberanza. Molti insegnanti hanno dovuto adottare, a malincuore, attività più “classiche”, mentre cercavano di capire come fare per gestire una classe difficile, per portare comunque a termine gli obiettivi didattici.

TRASFORMARE PAROLE NEGATIVE IN POSITIVE

Per richiamare alcuni alunni è stato dimostrato che sia più efficace rivolgere le comunicazioni in modo positivo, invece di iniziare frasi e rimproveri con “non” o sottolineando i gesti sbagliati. Per esempio, invece di dire “Non urlare” si può dire che quando parla più piano tutti sono felici e in classe si sa bene. Invece di dire “In classe non si corre” si può dire “In classe si può camminare” e così via. Una strategia semplice in stile PNL che ha dato discreti risultati agli insegnanti che l’hanno utilizzata.

COMUNICARE CON LA FAMIGLIA

Che le famiglie si dimostrino collaborative o no, che siano più o meno presenti, è necessario che l’alunno sappia sempre che gli adulti responsabili del suo percorso educativo, insegnanti e famiglia, comunicano regolarmente e la famiglia viene informata di eventuali comportamenti sbagliati a scuola. Per alcuni di essi non funziona, ma per altri è stato provato che sapere che i genitori saranno informati, non per forza attraverso le note sul diario ma anche semplicemente comunicando, è un grosso deterrente a mettere in atto comportamenti che non rispettano le regole.

CAPIRE LE REALI PROBLEMATICHE

Tutti gli insegnanti concordano, infine, su questo aspetto. È necessario capire qual è il disagio dietro il comportamento scorretto, per comprenderlo e poter aiutare gli studenti, per quanto possibile. Dietro maleducazione ed eccessiva esuberanza ci sono, infatti, spesso problemi gravi o moderati, ma indubbiamente disagio e aspetti problematici sui quali cercare di intervenire a monte. Oltre a questo, è fondamentale concentrarsi sul lodare i comportamenti corretti, quando ci sono, dimostrare che vengono notati, invece di mettere sempre l’accento su quelli negativi. Ricordiamo che uno studente che si comporta male, spesso, vuole attirare l’attenzione, indipendentemente da che tipo di attenzione essa sia.

Hai altri interessanti strategie da consigliare su come gestire una classe difficile? Condividi il contenuto e scorri verso il basso per scoprire altre interessanti notizie 

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


Il metodo fonematico sillabico animato di Incanto

metodo fonematico sillabico animato

Il metodo di insegnamento della letto-scrittura non è un fattore di secondaria importanza: non è proprio vero che il bambino o la bambina impara a leggere e a scrivere in modo corretto, in tempi brevi e amando quanto sta facendo in qualunque modo si insegni. È vero però che egli/ella può imparare “nonostante l’insegnante”, come diceva Piaget. Ma ce la farebbero proprio tutti/e? Dunque il metodo non va lasciato al…

L’inclusività non è solo una bella parola scritta nei manuali, in Puglia c’è una scuola dove il bar è gestito da studenti con disabilità

bar gestito da studenti con disabilità

Quando si parla di inclusione, spesso la si riduce ad un mero concetto astratto quando in realtà rappresenta un insieme di azioni e iniziative volte a garantire l’inserimento di ciascun individuo all’interno della società. Ciò vale sia per la società nel suo complesso sia per la scuola, che della società rappresenta un modello “in scala”. Per questa ragione, si è parlato tanto dell’apertura del bar dell’Istituto Dell’Aquila-Staffa di San Ferdinando…

Smartphone a scuola, sì o no? In Francia, Inghilterra, Olanda e Finlandia sono vietati senza se e senza ma

Smartphone a scuola

La questione dello smartphone a scuola è forse fra le più dibattute negli ultimi anni. Da una parte ci sono gli ottimisti, secondo i quali è più importante insegnare a usare lo smartphone in modo corretto che vietarlo tout court. Dall’altra parte ci sono i critici, per cui usare lo smartphone a scuola non fa bene agli studenti sul lungo periodo. Diversi Paesi hanno già vietato in qualche modo questo…

Libri per l’ora di alternativa nella scuola primaria

libri per l'ora alternativa

Le insegnanti che svolgono le ore di alternativa, con i bambini che non si avvalgono dell’insegnamento della religione cattolica, spesso si trovano in difficoltà: quali attività proporre? Quali attività possono essere di carattere educativo e valoriale come l’insegnamento della religione, ma senza essere legate alla religione? Cosa si può proporre, che non sia noioso ma coinvolgente e divertente? L’alternativa che vogliamo, del Gruppo Editoriale ELi, è la risposta a tutte…

Il sussidiario Incanto è un progetto unitario dove il valore del Noi si rinforza costantemente

sussidiario Incanto

Incanto, il nuovo sussidiario per i primi tre anni di scuola primaria edito da La Spiga del Gruppo Editoriale ELi, è prima di tutto animare l’apprendimento con le lettere-personaggio e le loro storie da ascoltare, cantare, drammatizzare e, finalmente, desiderare di leggere. Incanto pone alle basi dell’apprendimento la curiosità e le emozioni: la colla senza la quale tutte le conoscenze si disperdono, invece di imprimersi in maniera indelebile nella mente…

#altuofianco Sostegno del Gruppo Editoriale ELi è la sezione per il sostegno più ricca di materiali gratuiti che ci sia

sezione per il sostegno

Gli insegnanti di sostegno, con le loro testimonianze e i loro commenti sui social, confrontandosi e condividendo opinioni, sono giunti a una conclusione: una sezione sostegno così completa e in continuo aggiornamento ce l’ha solo il Gruppo Editoriale ELi. materiali in continuo aggiornamento Gli insegnanti di sostegno hanno bisogno di materiali sempre nuovi, curati e aggiornati, ma spesso sono difficili da trovare. Le guide offrono percorsi facilitati ma non personalizzati,…

Nel Cuore dei Saperi è il sussidiario più scelto, preferito dal 38% degli insegnanti in un sondaggio su Facebook

sussidiario più scelto

La matematica è una delle discipline più importanti nell’ambito della scuola primaria, in tutti i gradi di istruzione, e non solo. Eppure, per gli studenti spesso risulta troppo complessa da apprendere, tanto che ci si accontenta di memorizzare i concetti in modo meccanico, o poco più.  Per questa ragione, è necessario un nuovo approccio nell’insegnamento della matematica che sappia coinvolgere gli studenti già dalla scuola primaria, a partire dai relativi…

Il massimo esperto di Vygotskij in Italia: “Il sussidiario Incanto risalta la piena assimilazione del pensiero vygotskiano”

massimo esperto di Vygotskij

Riportiamo in forma integrale il testo della presentazione di Incanto, il nuovo sussidiario per il primo ciclo di scuola primaria di Maria Annunziata Procopio e Giulia Corasaniti, edito da La Spiga del Gruppo Editoriale ELi. Il testo è a cura dello psicologo Luciano Mecacci, già professore ordinario di psicologia generale presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Firenze, considerato tra i massimi esperti al mondo di Vygotskij. “Più…

I ricercatori mettono in guardia gli insegnanti: ascoltare gli errori grammaticali provoca stress e fa male alla salute

ascoltare gli errori grammaticali

L’immagine appartiene alla cultura popolare: uno studente commette un errore grammaticale e l’insegnante trasalisce di conseguenza. Forse la realtà è più prosaica, ma allo stesso tempo questa immagine non sembra essere così lontana dal vero. Un recente studio ha infatti scoperto che ascoltare errori grammaticali può causare una reazione di stress nel nostro corpo. Vediamo in che senso. errori grammaticali e stress Lo studio è stato pubblicato rivista scientifica Journal…

Sono gli insegnanti a dirlo: i bambini adorano Festa a Sorpresa

bambini adorano Festa a Sorpresa

Il progetto didattico di Festa a sorpresa per la Scuola Primaria propone per la classe prima un percorso che intende accompagnare le bambine e i bambini alla scoperta della lettura e della scrittura, guidandoli all’acquisizione di tutti i tipi di linguaggi e a un primo livello di padronanza delle conoscenze e delle abilità indispensabili alla conoscenza del mondo. Festa a sorpresa pone alle basi dell’apprendimento la curiosità e le emozioni,…

great

Hai visto le novità?

X