La rivista per la scuola e per la didattica
APPRENDIMENTO

Comprensione del testo già dalla classe prima, esempi pratici e strategie operative

Lavorare sulla comprensione con un approccio motivante e stimolante, promuovendo un atteggiamento attivo degli alunni, permette di effettuare un lavoro efficace e duraturo. La capacità di comprendere un testo è un’abilità molto complessa, perché richiede l’utilizzo di molte componenti.

A scuola a volte si pensa che sia possibile lavorare sulla comprensione del testo solo in classe seconda, quando la maggior parte degli alunni ha stabilizzato la competenza di decodifica del testo. In realtà per promuovere, sviluppare e sostenere la comprensione si può partire già dai primi mesi della classe prima.

Ma come fare con bambini che non sono ancora in grado di leggere?

Anno scolastico 2024/25

Adotti un nuovo sussidiario?

Con i nuovi corsi del primo e secondo ciclo per la scuola primaria del Gruppo Editoriale ELi hai un vero e proprio Kit docente in esclusiva per te

kit docente 2024

La comprensione passa attraverso processi complessi, come la conoscenza delle parole, l’integrazione di informazioni del testo con conoscenze precedenti, comprensione di frasi o di contesti. Per lavorare su ciò con i bambini più piccoli si può proporre un lavoro che parta dal piacere della lettura fino ad arrivare ad un lavoro profondo sulla comprensione. Vengono in nostro aiuto gli albi illustrati link esterno che diventano uno strumento prezioso per accompagnare da una parte i bambini verso una lettura di qualità e un piacere alle storie, e dall’altra, con semplici strategie, è possibile lavorare sul processo di comprensione del testo.

Prima di tutto è necessario creare all’interno della classe un clima favorevole, organizzando magari una zona deputata alla lettura dove si legga insieme almeno due volte alla settimana. Gli albi illustrati hanno un potere straordinario perché raccolgono insieme molteplici informazioni testuali e visive, e permettono ai bambini di usufruire contemporaneamente di due codici diversi. In più, se l’insegnante è accorto e sa scegliere testi di qualità, ci si trova davanti anche a testi con parole nuove che permettono di arricchire il vocabolario personale di ciascuno.

All’interno quindi del momento di lettura di un albo illustrato ad alta voce è possibile utilizzare piccole strategie capaci di lavorare sulla comprensione del testo. Vediamo alcuni esempi:

LA COPERTINA

Prima di iniziare a leggere, si può osservare attentamente la copertina che solitamente raccoglie moltissimi indizi sulla storia che verrà raccontata. Si può chiedere quindi agli alunni di osservarla e di esplicitare aspettative o ipotesi sulla storia. Questo comincerà ad essere un lavoro sulle inferenze per vedere anche come i bambini siano capaci di cogliere i dettagli e rielaborarli per accedere al significato della storia. Alla fine della lettura si può riprendere in mano la copertina e verificare come le ipotesi iniziali siano state verificate o meno. Si può anche far vedere la copertina nascondendo il titolo, leggere poi la storia e chiedere alla fine agli alunni di ipotizzare quale possa essere il titolo. Inoltre alla fine della storia è possibile anche lavorare proprio sul titolo chiedendo ai bambini di fornire titoli alternativi che siano comunque in linea con quanto raccontato nel testo.

STOP ALLA STORIA

Durante la lettura è possibile che l’insegnante si fermi all’improvviso, durante magari un punto importante, chiedendo ai bambini di fare ipotesi sulla continuazione basandosi sugli indizi che il testo finora aveva fornito. Possiamo poi chiedere ai nostri lettori sulla base di quali indizi sono giunti a quella conclusione. Si farà così un lavoro sulle inferenze e allo stesso tempo si potenzierà l’attenzione verso la storia, dove i bambini si sentiranno dei veri protagonisti, attivi nella costruzione di significati. Lo stesso lavoro si può fare sul finale chiedendo ai bambini di ipotizzare come finisca la storia oppure di inventare nuove vicende e quindi finali alternativi.

L’INTERVISTA

Alla fine della lettura si può chiedere ai bambini di scegliere uno dei personaggi della storia e inventare un’intervista a lui rivolta. I bambini per poter rispondere dovranno approfondire la storia e fare molta attenzione ai dettagli, alle azioni, ai pensieri, ai luoghi. È un modo per andare a fondo della storia e provare ad immedesimarsi nelle vicende raccontate.

RILETTURA

Alcune attività possono essere proposte a seguito di una rilettura, dove l’insegnante ad esempio sceglie di omettere alcune parole chiedendo ai bambini che hanno ascoltato con attenzione di aiutare ricostruire i pezzi mancanti. Allo stesso tempo si può lavorare sui sinonimi e le parole nuove chiedendo ai bambini di raccogliere quelle che non hanno mai sentito che andranno ad arricchire il vocabolario di classe, e allo stesso tempo di proporre parole sinonime che potrebbero comunque andare bene per il contesto della storia.

La lettura degli albi illustrati permette un lavoro su tanti aspetti e a tanti livelli di profondità, la comprensione è solo uno dei tanti. È fondamentale che l’insegnante si approcci a queste attività incoraggiando i bambini a diventare esploratori del testo stimolando una conversazione attiva, invitando ad osservare i dettagli e a chiedere a quali indizi del testo o delle immagini si faccia riferimento.

Per consolidare il lavoro di comprensione è utile poi verificare con delle attività strutturate quanto i bambini stiano potenziando determinate abilità, mettendoli anche alla prova rispetto alla lettura di semplici frasi. Qui sotto un esempio tratto dal libro “Lettura e Scrittura” link esterno utilizzato in classe prima nel mese di gennaio.

comprensione del testo attività

Nel testo indicato si trovano varie attività per lavorare sulla comprensione del testo, in un percorso che mette insieme immagini e prime frasi in maiuscolo. Accompagnando i bambini attraverso un percorso piacevole e stimolante, di sicuro si porranno le basi per una comprensione del testo più attiva e profonda.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


L’errore da non commettere mai: scegliere un sussidiario con pagine lucide e lisce, sarà un dramma

sussidiario con pagine lucide

Negli ultimi anni vi è una questione sollevata da molti insegnanti riguardo le pagine troppo lisce dei libri: scopriamo perché i libri dovrebbero utilizzare la carta usomano pigmentata per le loro stampe, quali sono i vantaggi dell’uso di questa carta e quali libri di scuola primaria la utilizzano. Il problema di alcuni libri di scuola: scrivere e disegnare è impossibile! Uno dei problemi sollevati da molti insegnanti riguardo alcuni libri…

Perché adottare Nel Cuore dei Saperi è stata la scelta giusta

adottare nel cuore dei saperi

Quando si cerca un sussidiario per la classe quarta e quinta, ogni insegnante va a caccia di determinati requisiti. Innanzitutto, deve proporre un metodo di studio attivo, costruttivo e non mnemonico. Deve contenere esercizi in quantità sufficiente da non costringere l’insegnante a fare centinaia di fotocopie. Deve proporre le materie di studio in modo interdisciplinare, stimolando collegamenti e riflessioni. Ancora meglio se la didattica è affrontata con lo stile dello…

La scuola non è una gara, basta con i voti numerici. Gli studenti vanno in ansia e non coltivano le potenzialità

la scuola non è una gara

Tutti sanno che a scuola si va per imparare, eppure per molti studenti la scuola è diventata un luogo di ansie e competizione. Per il pedagogista Daniele Novara sono diverse le cause del problema: ruolo dei docenti, rapporto con gli studenti, voti numerici. Insomma, di fronte a chi vede la scuola come una gara è necessario opporre un nuovo modo di concepire l’istituzione scolastica, a beneficio degli studenti ma non…

Un’ottima proposta per il libro delle vacanze estive

libro delle vacanze estive

Maggio è il momento di scegliere i libri per le vacanze della scuola primaria: ma cosa cercano gli insegnanti nei volumi per il ripasso estivo? Innanzitutto, sono uno strumento che serve non solo a non dimenticare ciò che si è svolto durante l’anno, ma anche e soprattutto a consolidare gli apprendimenti. Oltre al ripasso degli argomenti affrontati durante l’anno, è importante che le attività proposte siano avvincenti e divertenti. Come…

Edoardo Prati provoca i docenti: “Se insegnate solo per campare, non insegnate”

edoardo prati

“Se uno deve insegnare per campare, non insegni ma trovi qualcos’altro”. A pronunciare queste parole è Edoardo Prati, un influencer che ha raggiunto milioni di persone sui social media grazie alla sua passione per la letteratura classica e moderna. Prati è molto conosciuto per la passione con cui parla ai giovani di argomenti complessi, e proprio la passione è il tema affrontato in uno dei suoi video. La passione degli…

La guida didattica di Incanto è la più ricca di materiale mai vista

guida didattica di Incanto

Incanto è la guida didattica in cui ogni insegnante troverà davvero tutto ciò che cerca: le lezioni si prepareranno praticamente da sole! Già, perché la guida di Incanto contiene veramente tutto. Non è una mera raccolta di schede didattiche, ma fornisce vere e proprie indicazioni operative e strategiche, ambientali, relazionali, che nessun altro manuale ha fornito prima. UNA GUIDA DA STACCARE La guida di Incanto è molto grande, perché è…

Basta con gli insegnanti seduti in cattedra arroccati dietro un programma da finire

programma da finire

Oggi, molto più che in passato, si parla di malessere giovanile in relazione alla scuola. Di recente hanno fatto discutere le parole dello psicoanalista Massimo Ammaniti, secondo cui i giovani sono cambiati e la scuola è rimasta indietro. Di fronte al disagio psicologico degli studenti, infatti, la scuola costituisce un ulteriore ostacolo da superare e non un luogo sicuro. Qual è la soluzione? E soprattutto: ne esiste una? disagio generazionale…

Storia e geografia non sono solo guerre e barbabietole da zucchero

storia e geografia nel cuore dei saperi

Usare un sussidiario potrebbe sembrare un’attività semplice. Basta leggere, evidenziare, sottolineare, svolgere qualche attività di comprensione e ripetere. Il gioco è fatto! Ma se provassimo a fare storia e geografia usando il sussidiario in modo diverso? Ad esempio leggendo insieme delle storie o facendo parlare fra loro i personaggi? L’arte del narrare è una pratica antica quanto l’umanità. Da sempre, molto prima della nascita della scrittura, gli uomini e le…

I Dadi Racconta Storie è un libro-gioco didattico da usare in classe per inventare e scrivere testi relativi alle diverse tipologie testuali

i dadi racconta storie

La promozione della scrittura creativa è essenziale per lo sviluppo delle abilità linguistiche e cognitive degli studenti. Il nuovo sussidiario delle letture del secondo ciclo di scuola primaria, intitolato “Nel Cuore delle Parole” e edito da Cetem del Gruppo Editoriale ELi, propone l’innovativo gioco didattico per la classe “I Dadi Racconta Storie” per favorire questo processo, offrendo agli insegnanti e agli studenti un approccio coinvolgente e stimolante alla comprensione e…

L’importanza dei libri facilitati accostati ai sussidiari. Ma attenzione: non sono tutti uguali!

libri facilitati 2024

Un libro facilitato possiede alcune caratteristiche: è scritto con un font ad alta leggibilità pensato appositamente per alunni con dislessia, disortografia o altri Bisogni Educativi Speciali, l’interlinea è più ampio e permette così una più semplice lettura, minimizzando il rischio, tipico di questi bambini e ragazzi, di tendere a rileggere la stessa riga o seguire le righe in modo errato. I paragrafi non sono “giustificati”, in modo da non spezzare…

great

Hai visto le novità?

X

estate al via 2024