La rivista per la scuola e per la didattica
STORIA

Lezioni di storia con il Flip Poster

Quando, ad inizio anno scolastico, mi hanno assegnato l’orario e ho visto storia in quarta le ultime due ore del venerdì, dentro me ho pensato: ”Aiuto, sarà un massacro! Come farò a mantenere l’attenzione su Assiri, Babilonesi, Sumeri con un orario così sfavorevole?

Ma oggi, alla fine del terzo bimestre, sono qui a dirmi che avevo preso un grosso abbaglio. I bambini amano sentire parlare di storia, anche alle ultime due ore del venerdì!

La loro sete di sapere è davvero grande: sono interessati a capire, non si accontentano delle poche righe scritte sul sussidiario che, alla fine, sono solo un punto di partenza per lunghi viaggi nello spazio e nel tempo, durante i quali in due ore passiamo dalla Mesopotamia, all’Egitto, scoprendo dove si trova l’Anatolia e la Siria, attraversando secoli e millenni fino ad arrivare ai giorni nostri.

Anno scolastico 2024/25

Adotti un nuovo sussidiario?

Con i nuovi corsi del primo e secondo ciclo per la scuola primaria del Gruppo Editoriale ELi hai un vero e proprio Kit docente in esclusiva per te

kit docente 2024

I bambini amano il racconto della storia e la sua narrazione: si lasciano trasportare dall’immaginazione e così diventano scribi dell’Antico Egitto, coraggiosi guerrieri Ittiti, sacerdoti e sacerdotesse che contemplano il cielo su una Ziqquaratt in una notte stellata.

Iniziano a fare domande, collegamenti, paragoni con i giorni nostri, attivando in modo del tutto naturale il così detto “apprendimento attivo”. E, quando sono le tredici e qualche minuto e dico di fare lo zaino,  spesso la risposta è: “Ma come? Sono già passate due ore?

Questo tipo di narrazione permette inoltre di progettare Unità di apprendimento multidisciplinari in quanto è possibile effettuare numerosi collegamenti interdisciplinari in modo del tutto spontaneo.

LEGGI ANCHE: Insegnamento della storia nella scuola primaria, ecco i migliori metodi didattici

In primis con la geografia che è la base per lo studio della storia. Non si può infatti studiare la Storia senza collocare avvenimenti e civiltà in luoghi precisi sulla superficie terrestre; per questo in aula le carte geografiche sono indispensabili per parlare sia di passato che di attualità.

“Dov’è la Mesopotamia? Ma oggi esiste ancora? Chi ci abita?”

“Il Nilo esiste ancora? E’ il fiume più lungo del mondo?”

Queste sono solo alcune delle numerose domande che i bambini si pongono spontaneamente e per le quali cercano risposte.

Un altro ambito disciplinare che viene coinvolto quasi in ogni lezione è quello legato all’Educazione civica: se parliamo di organizzazione sociale in classi, di schiavitù, di applicazione delle regole in funzione alla categoria sociale di appartenenza, nasce spontaneo il confronto con i nostri diritti di cittadinanza, che non sono scontati e anche di recente conquista!

Cosa può nascere dall’unione tra Storia e Arte, o tra Storia e Tecnologia?

Sappiamo bene quanto i bambini provino soddisfazione nel costruire qualcosa con le proprie mani e che il fondamento della metodologia del Learning by doing, teorizzata da Dewey, vede l’esperienza  diretta come un attore abilitante dell’apprendimento.

Allora perché limitarsi a studiare in modo astratto gli usi e i costumi della magnifica civiltà egizia e non creare da zero tuniche e gioielli usando materiali di recupero? Avanzi di stoffe, ritagli di cartone, nastri colorati rubati ai pacchetti di Natale.

Potremmo poi farli indossare agli alunni, simulando una giornata nell’antico Egitto.

Per progettare queste lezioni ho anche avuto un valido alleato: Nuovi Traguardi Discipline, il sussidiario per lo studio di storia, geografia e scienze delle classi quarta e quinta edito da La Spiga del Gruppo Editoriale ELI.

nuovi traguardi discipline storia

NUOVI TRGUARDI DISCIPLINE

Scopri il sussidiario delle discipline di quarta e quinta per la scuola primaria del Gruppo di Ricerca e Sperimentazione Didattica

Allegato al corso poi è stato progettato il FLIP POSTER, uno strumento di lavoro per lo studio di storia, geografia e scienze: disponibile sia in versione cartacea che multimediale (per essere proiettata sulla LIM) non è solo una raccolta di tavole tematiche, ma è un punto di partenza per uno specifico percorso di apprendimento attivo nel quale gli studenti costruiscono in autonomia le loro conoscenze.

Mi piace pensare tutte queste attività possano aiutare a far percepire la Storia come una disciplina viva, come qualcosa di cui i bambini possano fare esperienza diretta.

In questo nuovo approccio gli alunni diventano artigiani dell’apprendimento: che smontano e rimontano insieme all’insegnante e ai compagni nuovi concetti, comprendendoli e fissandoli nella memoria attraverso la capacità di ascolto attivo e rielaborazione di una narrazione.

Credo che alla fine il compito di noi insegnanti sia proprio questo: allenare e sollecitare le diverse intelligenze dei nostri alunni, coinvolgendoli in prima persona perché, solo conoscendo il passato, potranno diventare dei cittadini responsabili del futuro.

missione compiuta copertina sviluppare l'intelligenza visiva

MISSIONE COMPIUTA DISCIPLINE

Scopri il nuovo sussidiario delle discipline di quarta e quinta della scuola primaria delle autrici di Nuovi Traguardi Discipline

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


Giorgio Parisi agli insegnanti sull’intelligenza artificiale: “È fondamentale far capire agli alunni che l’AI va governata e non temuta”

giorgio parisi agli insegnanti

Fra gli strumenti che promettono di rivoluzionare il quotidiano, l’intelligenza artificiale è senza dubbio quello che fa discutere di più. Le potenziali ricadute delle IA sono infatti enormi in tutti gli ambiti della società, da quello lavorativo a quello culturale, fino a quello scolastico. Tenta un approccio diverso il Premio Nobel per la Fisica Giorgio Parisi che, intervenuto alla Repubblica delle Idee, ha rimarcato il ruolo della scuola nell’uso delle…

Semplificare il mondo dei bambini è la chiave per la loro serenità

Semplificare il mondo dei bambini

Spesso si parla di come oggi i bambini siano sempre più maleducati e irrispettosi, soprattutto verso i genitori e gli insegnanti. Individuare le cause non è semplice, ma comportamenti del genere non costituiscono l’espressione del loro carattere quanto la risposta a una società sempre più restrittiva. Come spesso accade, per comprendere questa situazione è necessario partire dalla famiglia, in cui spesso si condensano le ragioni per cui educare i bambini…

Il metodo Montessori sarà esteso anche alle scuole secondarie di primo grado: già dal prossimo anno le prime richieste, ma con alcuni limiti

metodo montessori alla secondaria di primo grado

Sviluppato all’inizio del Novecento, il metodo Montessori prevede l’educazione dei bambini nel rispetto dei loro ritmi di apprendimento e della loro autonomia. Se finora questo metodo è stato applicato nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, la situazione è destinata a cambiare. Il disegno di legge riguardante la “Revisione della disciplina in materia di valutazione del comportamento delle studentesse e degli studenti”, infatti, prevede l’estensione del metodo Montessori a tutto…

“Se non avete capito, chiedetemi di rispiegare anche mille volte”: quando l’educazione passa dalle parole dell’insegnante

rispiegare

Molto spesso guardiamo agli insegnanti come a delle figure il cui compito è soltanto quello di trasmettere delle nozioni, ma in realtà il loro ruolo è molto più importante. Spesso basta cambiare il proprio approccio nei confronti degli alunni, o anche partire dalle parole giuste. Lungi dall’essere soltanto sequenze di suoni e lettere, le parole giuste possono fare la differenza nel percorso e nella crescita degli studenti, ma anche mostrare…

Gratteri: “Gli alunni imparino a rispettare gli insegnanti, fare i compiti, studiare ed essere ordinati. Io lo facevo grazie ai miei genitori”

rispettare gli insegnanti

Fra i valori fondamentali che un bambino deve apprendere ci sono il rispetto per le regole, il rispetto per gli insegnanti e il rispetto per i loro voti. È questa la posizione espressa da Nicola Gratteri, procuratore della Repubblica, durante l’evento dei giovani del Movimento Giovanile Salesiano del Sud Italia. Tenutasi di recente a Napoli, la festa ha rappresentato l’occasione per riflettere sull’importanza delle regole e sul ruolo che le…

Studenti e docenti di un alberghiero pugliese aprono un ristorante “didattico” davanti alla scuola

ristorante didattico

L’Istituto di Istruzione Superiore Mauro Perrone di Castellaneta, in provincia di Taranto, ha di recente inaugurato il suo ristorante didattico. La nuova attività costituisce un traguardo per la comunità e un’opportunità per la crescita professionale degli studenti. Come riportato dalla Gazzetta del Mezzogiorno , saranno loro infatti a gestire il ristorante didattico, con la supervisione dei docenti. Cos’è un ristorante didattico? Come dice l’espressione stessa, un ristorante didattico è un’iniziativa…

Da insegnante dico che gli alunni sono pronti per ridurre l’uso del cellulare mentre i genitori sono tecno-dipendenti e non riescono ad ammetterlo

ridurre l'uso del cellulare

La questione della dipendenza dei giovani dallo smartphone è una delle più dibattute degli ultimi anni. Se per alcuni i giovani utilizzano troppo il cellulare, per altri usare lo smartphone a scuola vuol dire avvalersi di un utile strumento di apprendimento. Nel dibattito si inserisce anche il punto di vista della docente e scrittrice Valentina Petri. Durante alcune conversazioni con i suoi studenti, ha notato come i giovani capiscano bene…

Consegna delle pagelle. «Evitare il terzo grado, non approcciarsi ai figli con un atteggiamento indagatore, inquisitorio o punitivo»

Consegna delle pagelle

La consegna delle pagelle è sempre un momento delicato per studenti e genitori, che sia a metà anno scolastico oppure poco prima dell’estate. Voti bassi, insufficienze e giudizi negativi possono spaventare e preoccupare, ma rappresentano al tempo stesso un’occasione per instaurare un dialogo costruttivo fra genitori e figli. Ne parla la pedagogista e formatrice Giovanna Giacomini su Vanity Fair , dove offre anche qualche consiglio su come leggere la pagella…

È in pensione dal 2015 ma continua ad insegnare a 73 anni, la storia del prof Sartori: “Con gli alunni vedo la realtà con occhi diversi”

insegnare a 73 anni

Ha quasi 73 anni ed è in pensione ormai dal 2015, eppure Michele Sartori continua ad insegnare lingua e letteratura italiana agli studenti di una scuola secondaria di secondo grado. Per la precisione siamo nel liceo San Benedetto di Piacenza, e la storia di Sartori dimostra dove sia possibile arrivare quando si è mossi da una passione che non finisce mai. Ma non solo. La storia di Michele Sartori La…

Festa a Sorpresa, che trionfo: il compleanno di Tartaruga Tea è stato festeggiato in tutta Italia

compleanno di Tartaruga Tea

Festa a Sorpresa è il sussidiario per le classi prima, seconda e terza della scuola primaria che ha unito insegnanti e bambini di tutta Italia. Ma perché questo sussidiario ha avuto questo grande successo? Perché molti insegnanti hanno deciso di adottarlo per il prossimo anno scolastico? Ecco spiegato il motivo: per la prima volta è nata una community di insegnanti che hanno condiviso le foto e le esperienze delle feste…

great

Hai visto la novità?

X

estate al via 2024