La rivista per la scuola e per la didattica
DIDATTICA A DISTANZA

Ma Dad non significa disastro a distanza

Ormai è un anno che i nostri giovani ed insegnanti sono costretti a studiare ed insegnare (prevalentemente) in modalità Didattica a Distanza (Dad). È noto quanto questa sia vantaggiosa in termini di contenimento dei contagi, ma essa pone anche fattori negativi altrettanto preoccupanti, non solo in termini di prestazioni da entrambe le parti (studio/insegnamento), ma anche per quanto riguarda la salute mentale di tutti, proprio tutti: studenti, insegnanti, ma anche genitori e parenti.

Cosa si può fare, quindi, per cercare di “alleggerire” l’attività in Dad? In una recente intervista link esterno al Corriere della Sera, Ernesto Burgio, pediatra ed esperto di epigenetica e biologia molecolare nonché membro del gruppo Covid della Sipps (Società italiana di pediatria preventiva e sociale), e a Dianora Bardi, ex professoressa, presidente dell’associazione ImparaDigitale ed esperta di progettazione di ambienti didattici digitali, hanno provato a dare dei consigli preziosi per consentire a chi vive con la Dad di trovare soluzioni a problemi sempre più comuni.

I primi consigli riguardano l’interazione con lo schermo del computer e del cellulare, e come questo può portare difficoltà fisiologiche, la più frequente delle quali è l’affaticamento degli occhi. A questo proposito, si consiglia, “se si usa un pc, 10 minuti di movimento ogni 2 ore di lavoro, postazione un minimo ergonomica per la seduta, tavolo e soprattutto buona illuminazione: possibilmente luce naturale, con la postazione frontale o perpendicolare rispetto alla finestra”.

Ora scontato!

Pronti per la prova Invalsi 2024?

Le Prove Nazionali INVALSI 2024 si svolgeranno da marzo a maggio. L’arco temporale e le date di somministrazione variano in base al grado scolastico e alle materie.

pronti per la prova invalsi 2024
altuofianco dad

Per quanto riguarda il contatto con la luce blu, ovvero la luce che emettono i dispositivi digitali LED e LCD, e che è nota causare la cosiddetta “stanchezza cronica da schermo elettronico”, alla domanda “Gli occhiali che schermano la luce blu possono servire?”, gli intervistati rispondono negativamente, poiché al giorno d’oggi gli schermi possiedono già opzioni per filtrare la luce blu in luce arancione, la quale al contrario non disturba il sonno e non provoca stanchezza quanto la prima.

Riportano anche che, essendo diminuito l’utilizzo del telefonino in favore di quello del computer, che emette meno danni da campi elettromagnetici, il rischio di sovraesposizione è paradossalmente diminuito.

Per quanto riguarda gli i problemi reali e gli effetti a lungo termine, si segnalano principalmente la passività dovuta al poco coinvolgimento ed interazione, che possono avere gravi conseguenze psicologiche. Per questo, dicono gli esperti, bisognerebbe impostare le lezioni in modo più dinamico e conciso, oltre che indicare agli “insegnanti come usare i materiali video link esterno, grafici, impostare gli argomenti, abbandonare la logica della verifica, abbracciare il coinvolgimento personalizzato.”

Consigliano inoltre agli insegnanti di sfruttare gli aspetti positivi della rete e delle tecnologie per rendere le lezioni più interattive e multisensoriali, di ridurre gli orari delle lezioni in moduli brevi da 20 minuti, ma più concentrati e diretti, di rendere ogni materia ed ogni argomento uno spunto di cooperare anche con gli altri docenti e quindi intrecciare le conoscenze; ma, allo stesso tempo, è buona cosa anche lasciare agli studenti una certa autonomia nell’organizzazione del lavoro, nella ricerca e nella riflessione, e nella socialità.

Infatti, concludono Burgio e Bardi, l’unico modo per far funzionare la Dad e non renderla disastrosa è ridurre lo stress, e ciò si può fare solo “basandosi sulla cooperazione e non sulla competizione, su nuove forme di valutazione, sulla visione di una didattica che mette al centro lo sviluppo di ogni singolo talento”. Insomma, per poter “sopravvivere” alla DAD, l’unica opzione disponibile è cambiare totalmente il modello scuola.

E tu cosa ne pensi della Dad? Condividi il contenuto e scorri verso il basso per scoprire altre interessanti notizie.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


Nel Cuore dei Saperi è il sussidiario più scelto, preferito dal 38% degli insegnanti in un sondaggio su Facebook

sussidiario più scelto

La matematica è una delle discipline più importanti nell’ambito della scuola primaria, in tutti i gradi di istruzione, e non solo. Eppure, per gli studenti spesso risulta troppo complessa da apprendere, tanto che ci si accontenta di memorizzare i concetti in modo meccanico, o poco più.  Per questa ragione, è necessario un nuovo approccio nell’insegnamento della matematica che sappia coinvolgere gli studenti già dalla scuola primaria, a partire dai relativi…

Il massimo esperto di Vygotskij in Italia: “Il sussidiario Incanto risalta la piena assimilazione del pensiero vygotskiano”

massimo esperto di Vygotskij

Riportiamo in forma integrale il testo della presentazione di Incanto, il nuovo sussidiario per il primo ciclo di scuola primaria di Maria Annunziata Procopio e Giulia Corasaniti, edito da La Spiga del Gruppo Editoriale ELi. Il testo è a cura dello psicologo Luciano Mecacci, già professore ordinario di psicologia generale presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Firenze, considerato tra i massimi esperti al mondo di Vygotskij. “Più…

I ricercatori mettono in guardia gli insegnanti: ascoltare gli errori grammaticali provoca stress e fa male alla salute

ascoltare gli errori grammaticali

L’immagine appartiene alla cultura popolare: uno studente commette un errore grammaticale e l’insegnante trasalisce di conseguenza. Forse la realtà è più prosaica, ma allo stesso tempo questa immagine non sembra essere così lontana dal vero. Un recente studio ha infatti scoperto che ascoltare errori grammaticali può causare una reazione di stress nel nostro corpo. Vediamo in che senso. errori grammaticali e stress Lo studio è stato pubblicato rivista scientifica Journal…

Sono gli insegnanti a dirlo: i bambini adorano Festa a Sorpresa

bambini adorano Festa a Sorpresa

Il progetto didattico di Festa a sorpresa per la Scuola Primaria propone per la classe prima un percorso che intende accompagnare le bambine e i bambini alla scoperta della lettura e della scrittura, guidandoli all’acquisizione di tutti i tipi di linguaggi e a un primo livello di padronanza delle conoscenze e delle abilità indispensabili alla conoscenza del mondo. Festa a sorpresa pone alle basi dell’apprendimento la curiosità e le emozioni,…

Nel cuore dei saperi è il sussidiario delle discipline di quarta e quinta primaria da adottare

nel cuore dei saperi

Nel cuore dei saperi è un progetto moderno e innovativo, con una didattica versatile e inclusiva, pensato per formare i cittadini e le cittadine del mondo di domani. Un progetto didattico in linea con i Nuovi Scenari delle Indicazioni Nazionali e le Raccomandazioni del Consiglio Europeo. È caratterizzato da scelte didattiche innovative: approccio laboratoriale nelle discipline scientifiche, percorsi STEM, laboratori di Tinkering, pensiero computazionale e Storytelling. Filo conduttore del progetto…

Faccio e disfo, così capisco: il “disfalibro” da ritagliare per ragionare e creare

faccio e disfo così capisco

Incanto, il nuovo corso per la prima classe, seconda terza di scuola primaria, si rivela una vera e propria miniera di laboratori di potenziamento in italiano e matematica. Uno dei suoi motti, infatti, è “faccio e disfo, così capisco”. L’apprendimento nei bambini ha effettiva efficacia solo se abbinato al “fare”, attraverso azioni concrete e laboratori. Ed è su queste attività laboratoriali che si basa il percorso di Incanto, attività che…

La scuola organizza l’ora di mindfulness… per i genitori: l’idea di una docente spopola e registra il tutto esaurito

mindfulness per i genitori

Negli ultimi anni si parla sempre più di mindfulness, che sia al lavoro, nel tempo libero o a scuola. La pratica che insegna a vivere meglio il presente è ormai diventata parte della quotidianità di tantissime persone, e pare adesso anche dei genitori di alcuni studenti di un liceo di Roma. Vediamo cos’è successo, e se davvero è possibile integrare la mindfulness a scuola, sin dall’inizio dei percorsi scolastici. Cos’è…

Antonio Albanese: “Gli insegnanti? Sono gladiatori, fanno un lavoro faticoso e vengono pagati una miseria per l’incredibile passione che mettono”

antonio albanese

Intervistato da Diego Bianchi nella trasmissione di La7 Propaganda Live , Antonio Albanese ha detto che gli insegnanti sono gladiatori e fanno un lavoro faticoso, pagato una miseria. Durante il tour per la promozione del film “Un mondo a parte” dove interpreta un insegnante, l’attore italiano ha avuto modo di parlare dei docenti e di quanto sia importante il loro ruolo nella scuola italiana. Nel suo film Albanese interpreta un…

Finalmente una matematica basata sul ragionamento

matematica basata sul ragionamento

Albert Einstein affermava: “Se non riuscite a spiegare qualcosa in modo semplice, significa che non l’avete compresa bene”. E non potrebbe esserci affermazione più veritiera, specialmente in ambito scolastico: non è sufficiente imparare a memoria teoremi, regole e formule, ma è necessario anzitutto comprenderli. Solo attraverso la comprensione, i concetti possono essere appresi, consolidati e applicati nel contesto più appropriato. Per questo motivo, è essenziale sviluppare la capacità di ragionamento…

Il debate nella scuola primaria? Si può fare

debate nella scuola primaria

Nel nostro paese, il debate è ancora poco conosciuto o comunque poco sfruttato nelle scuole, ma è indubbio che sulla scia dei successi conseguiti all’estero, soprattutto nei paesi anglosassoni, questa pratica inizia a suscitare interesse anche nel corpo docente del nostro paese. È infatti con grande curiosità che ho partecipato al webinar sul debate nella scuola proposto da Elena Uboldi, insegnante di scuola primaria e autrice di libri didattici, in…

great

Hai visto le novità?

X