La rivista per la scuola e per la didattica
SCUOLA DIGITALE

Smartphone a scuola, sì o no? In Francia, Inghilterra, Olanda e Finlandia sono vietati senza se e senza ma

La questione dello smartphone a scuola è forse fra le più dibattute negli ultimi anni. Da una parte ci sono gli ottimisti, secondo i quali è più importante insegnare a usare lo smartphone in modo corretto che vietarlo tout court. Dall’altra parte ci sono i critici, per cui usare lo smartphone a scuola non fa bene agli studenti sul lungo periodo. Diversi Paesi hanno già vietato in qualche modo questo tipo di “ingerenza” tecnologica nelle classi, mentre altri tentano un approccio diverso. Dal canto suo, l’Italia cerca di prendere posizione ma, come spesso accade, la realtà è più sfumata. Insomma: è meglio vietare lo smartphone a scuola oppure no?

le linee guida di Valditara

L’uso del cellulare a scuola è vietato sin dal 2007, quando il Ministro dell’Istruzione era Giuseppe Fioroni. Negli ultimi anni, per fini didattici e inclusivi, è invece permesso l’uso dello smartphone in classe sotto la supervisione del docente. Entrambe le posizioni esemplificano bene la dualità della tecnologia in quanto strumento scolastico, ma non bastano da sole a trovare una soluzione condivisa ed efficace.

Anno scolastico 2024/25

Adotti un nuovo sussidiario?

Con i nuovi corsi del primo e secondo ciclo per la scuola primaria del Gruppo Editoriale ELi hai un vero e proprio Kit docente in esclusiva per te

kit docente 2024

Di recente, il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara ha annunciato la necessità di nuove linee guida link esterno sulla questione. Il loro obiettivo sarà quello di limitare l’uso di smartphone e tablet a scuola, soprattutto nella scuola primaria e secondaria di primo grado. La ragione è comprensibile: i bambini rischiano di diventare dipendenti dalla tecnologia, soprattutto dai dispositivi più utilizzati nella giornata. Secondo una ricerca, peraltro, il 20% dei bambini italiani ha difficoltà a scrivere in corsivo proprio per colpa di smartphone e tablet. Insomma: l’impatto della tecnologia a scuola non può essere ridotto a una mera contrapposizione fra ottimisti e critici. Servono linee guida chiare e sufficientemente specifiche, che sappiano considerare i benefici della tecnologia e i suoi limiti.

Vietare lo smartphone a scuola

Uno dei dilemmi che le famiglie si trovano ad affrontare riguarda proprio l’uso dello smartphone per i figli, non soltanto a scuola. In molti sono concordi che nel passaggio dalla scuola primaria alla scuola secondaria di primo grado sia possibile fornire ai figli uno smartphone. Molti genitori, per esempio, decidono di concedere uno smartphone mentre altri vietano l’uso di dispositivi del genere: da una parte c’è però il rischio di una dipendenza digitale, dall’altra parte c’è la possibilità che il bambino si senta isolato.

Nel Regno Unito, per esempio, da un gruppo WhatsApp è nato il movimento Smartphone Free Childhood link esterno (infanzia senza smartphone) che mira a vietare del tutto l’uso degli smartphone ai bambini. L’accesso al telefono sarebbe posticipato a 14 anni, mentre quello ai social media dovrebbe attendere i 16 anni. In Francia, invece, l’associazione Internet Sans Crainte link esterno (internet senza paura) sostiene come il divieto assoluto non sia la soluzione. Al contrario, è necessario instaurare con i propri figli un dialogo costante, educandoli sull’uso responsabile della tecnologia, sull’importanza dei dati personali, sui pericoli del web. Ma non è così facile.

Smartphone no ma tecnologia sì

In un contesto del genere, è necessario trovare un equilibrio fra l’importanza dell’uso della tecnologia a scuola e la prevenzione del rischio di dipendenze digitali, soprattutto da parte degli alunni più piccoli. Secondo molti, le limitazioni da parte del Ministero dell’Istruzione e del Merito possono attutire il problema, almeno nella scuola primaria e secondaria di primo grado. La risposta tuttavia non può consistere in un mero divieto, che di fatto impedisce la formazione di giovani consapevoli.

In un recente articolo sulla questione link esterno, Avvenire guarda alle limitazioni soltanto come un primo, necessario passo per una crescita digitale consapevole. Allo stesso tempo, per poter insegnare questa consapevolezza è necessario formare docenti e genitori sulle opportunità e sui pericoli della tecnologia. Vietare o meno l’uso dello smartphone a scuola rappresenta quindi soltanto una parte della soluzione, così come educare gli studenti all’uso responsabile del digitale. Come sempre, l’approccio migliore è quello più ragionato ed equilibrato, ma richiede che tutti facciano la loro parte. Con o senza tecnologia.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

ARGOMENTO

SI È PARLATO DI


L’errore da non commettere mai: scegliere un sussidiario con pagine lucide e lisce, sarà un dramma

sussidiario con pagine lucide

Negli ultimi anni vi è una questione sollevata da molti insegnanti riguardo le pagine troppo lisce dei libri: scopriamo perché i libri dovrebbero utilizzare la carta usomano pigmentata per le loro stampe, quali sono i vantaggi dell’uso di questa carta e quali libri di scuola primaria la utilizzano. Il problema di alcuni libri di scuola: scrivere e disegnare è impossibile! Uno dei problemi sollevati da molti insegnanti riguardo alcuni libri…

Perché adottare Nel Cuore dei Saperi è stata la scelta giusta

adottare nel cuore dei saperi

Quando si cerca un sussidiario per la classe quarta e quinta, ogni insegnante va a caccia di determinati requisiti. Innanzitutto, deve proporre un metodo di studio attivo, costruttivo e non mnemonico. Deve contenere esercizi in quantità sufficiente da non costringere l’insegnante a fare centinaia di fotocopie. Deve proporre le materie di studio in modo interdisciplinare, stimolando collegamenti e riflessioni. Ancora meglio se la didattica è affrontata con lo stile dello…

La scuola non è una gara, basta con i voti numerici. Gli studenti vanno in ansia e non coltivano le potenzialità

la scuola non è una gara

Tutti sanno che a scuola si va per imparare, eppure per molti studenti la scuola è diventata un luogo di ansie e competizione. Per il pedagogista Daniele Novara sono diverse le cause del problema: ruolo dei docenti, rapporto con gli studenti, voti numerici. Insomma, di fronte a chi vede la scuola come una gara è necessario opporre un nuovo modo di concepire l’istituzione scolastica, a beneficio degli studenti ma non…

Un’ottima proposta per il libro delle vacanze estive

libro delle vacanze estive

Maggio è il momento di scegliere i libri per le vacanze della scuola primaria: ma cosa cercano gli insegnanti nei volumi per il ripasso estivo? Innanzitutto, sono uno strumento che serve non solo a non dimenticare ciò che si è svolto durante l’anno, ma anche e soprattutto a consolidare gli apprendimenti. Oltre al ripasso degli argomenti affrontati durante l’anno, è importante che le attività proposte siano avvincenti e divertenti. Come…

Edoardo Prati provoca i docenti: “Se insegnate solo per campare, non insegnate”

edoardo prati

“Se uno deve insegnare per campare, non insegni ma trovi qualcos’altro”. A pronunciare queste parole è Edoardo Prati, un influencer che ha raggiunto milioni di persone sui social media grazie alla sua passione per la letteratura classica e moderna. Prati è molto conosciuto per la passione con cui parla ai giovani di argomenti complessi, e proprio la passione è il tema affrontato in uno dei suoi video. La passione degli…

La guida didattica di Incanto è la più ricca di materiale mai vista

guida didattica di Incanto

Incanto è la guida didattica in cui ogni insegnante troverà davvero tutto ciò che cerca: le lezioni si prepareranno praticamente da sole! Già, perché la guida di Incanto contiene veramente tutto. Non è una mera raccolta di schede didattiche, ma fornisce vere e proprie indicazioni operative e strategiche, ambientali, relazionali, che nessun altro manuale ha fornito prima. UNA GUIDA DA STACCARE La guida di Incanto è molto grande, perché è…

Basta con gli insegnanti seduti in cattedra arroccati dietro un programma da finire

programma da finire

Oggi, molto più che in passato, si parla di malessere giovanile in relazione alla scuola. Di recente hanno fatto discutere le parole dello psicoanalista Massimo Ammaniti, secondo cui i giovani sono cambiati e la scuola è rimasta indietro. Di fronte al disagio psicologico degli studenti, infatti, la scuola costituisce un ulteriore ostacolo da superare e non un luogo sicuro. Qual è la soluzione? E soprattutto: ne esiste una? disagio generazionale…

Storia e geografia non sono solo guerre e barbabietole da zucchero

storia e geografia nel cuore dei saperi

Usare un sussidiario potrebbe sembrare un’attività semplice. Basta leggere, evidenziare, sottolineare, svolgere qualche attività di comprensione e ripetere. Il gioco è fatto! Ma se provassimo a fare storia e geografia usando il sussidiario in modo diverso? Ad esempio leggendo insieme delle storie o facendo parlare fra loro i personaggi? L’arte del narrare è una pratica antica quanto l’umanità. Da sempre, molto prima della nascita della scrittura, gli uomini e le…

I Dadi Racconta Storie è un libro-gioco didattico da usare in classe per inventare e scrivere testi relativi alle diverse tipologie testuali

i dadi racconta storie

La promozione della scrittura creativa è essenziale per lo sviluppo delle abilità linguistiche e cognitive degli studenti. Il nuovo sussidiario delle letture del secondo ciclo di scuola primaria, intitolato “Nel Cuore delle Parole” e edito da Cetem del Gruppo Editoriale ELi, propone l’innovativo gioco didattico per la classe “I Dadi Racconta Storie” per favorire questo processo, offrendo agli insegnanti e agli studenti un approccio coinvolgente e stimolante alla comprensione e…

L’importanza dei libri facilitati accostati ai sussidiari. Ma attenzione: non sono tutti uguali!

libri facilitati 2024

Un libro facilitato possiede alcune caratteristiche: è scritto con un font ad alta leggibilità pensato appositamente per alunni con dislessia, disortografia o altri Bisogni Educativi Speciali, l’interlinea è più ampio e permette così una più semplice lettura, minimizzando il rischio, tipico di questi bambini e ragazzi, di tendere a rileggere la stessa riga o seguire le righe in modo errato. I paragrafi non sono “giustificati”, in modo da non spezzare…

great

Hai visto le novità?

X

estate al via 2024